Sei qui: Home » Storie » Curiosità » Maggio è il mese del genio, ecco perché
la classifica

Maggio è il mese del genio, ecco perché

In questo articolo vi spieghiamo perché Maggio è il mese che celebra il genio dell’uomo e riportiamo la classifica degli “Smart Countries” 2021

Il mese di maggio sembra essere particolarmente prolifico per quanto riguarda la nascita di personaggi un’intelligenza particolarmente spiccata. Sono numerosissimi, infatti, i cosiddetti geni nati in questo mese nel corso della storia. In questo articolo vi raccontiamo il genio di alcuni personaggi e perché è stato scelto il mese di maggio per celebrare la loro intelligenza.

I geni di maggio

I personaggi che sono passati alla storia grazie alla loro intelligenza sono tantissimi, molti di loro sono nati nel mese di maggio. Tra questi ricordiamo Dante Alighieri, Nicolò Machiavelli e Sigmund Freud, in ambito musicale c’è Bob Dylan, definito dalla rivista Rolling come “un genio letterario” in grado di “scrivere non soltanto musica e poesia, ma anche storia”, per il cinema l’attore e regista Clint Eastwood e infine Mark Zuckerberg che viene definito da Popular Science come individuo dotato di un “genio indistruttibile”.

La teoria di Einstein

Non solo a maggio si raggruppano le nascite delle menti più brillanti del mondo, ma un altro avvenimento importante ha fatto sì che questo fosse il mese dedicato alla genialità. L’11 maggio del 1916, esattamente 105 anni fa, Albert Einstein enunciò la sua teoria della relatività. Particolare fu la capacità di aver costruito la sua genialità nel corso degli anni: nonostante lo scetticismo degli insegnanti e la bocciatura all’esame del Politecnico di Zurigo, lo scienziato, grazie al costante lavoro e alla curiosità innata, elevò le proprie conoscenze e riuscì ad effettuare scoperte straordinarie.

La classifica dei paesi più intelligenti

World Population Review elenca i paesi più smart del 2021, partendo dalla prima in classifica, ovvero Singapore con un Q.I. medio della popolazione pari a 108. Al secondo posto si piazza Hong Kong con un quoziente intellettivo medio pari a quello del primo classificato, ma appartenente ad una popolazione più grande di ben 2 milioni rispetto a Singapore stesso. Chiude il podio la Corea del Sud con un quoziente pari a 106. Buone notizie per l’Italia che, a livello globale, si classifica settima (1° in Europa) con un QI medio pari a 102.

 

La top 10 degli Smart Countries 2021

1) Hong Kong: 108

2) Singapore: 108

3) Corea del Sud: 106

4) Cina: 105

5) Giappone: 105

6) Taiwan: 104

7) Italia: 102

8) Svizzera: 101

9) Mongolia: 101

10) Islanda: 101

I tre pilastri della genialità

Massimo De Donno, ideatore di Genio in 21 giorni, identifica i tre pilastri per lo sviluppo e la crescita dell’intelligenza e della genialità. “Il primo elemento da tenere in considerazione quando si parla di genialità è sicuramente il nostro atteggiamento, ovvero l’insieme di convinzioni che ci possono spingere a migliorare ulteriormente le nostre caratteristiche. Il secondo pilastro è costituito da un insieme di tecniche ed esercizi, ovvero dai «fondamentali dell’apprendimento. Il terzo ed ultimo pilastro è la personalizzazione del metodo: ciò su cui si focalizza la mia ricerca e il lavoro di un team di formatori esperti, è la possibilità di fornire una «cassetta degli attrezzi»

 

© Riproduzione Riservata