Sei qui: Home » Storie » Lettere » “Dedizione senza brama, amore senza desiderio”, le lettere sulla pittura di Hesse

“Dedizione senza brama, amore senza desiderio”, le lettere sulla pittura di Hesse

Hermann Hesse all’età di quarant’anni ha cominciato a dipingere. Il celebre scrittore conosciuto soprattutto per il suo romanzo più famoso, “Siddharta” dipinse come autodidatta. Il suo percorso artistico lo si evince dai suoi saggi in cui parla della pittura, o nelle lettere in cui spiega il senso per lui dell’arte o dei tanti amici-pittori che lo circondano. Ecco alcuni estratti dalle sue epistole.

“Dalla tristezza che spesso diventò insopportabile, trovai una via d’uscita per me cominciando a disegnare e a dipingere, ciò che non avevo mai fatto in vita mia. Non importa se ha un valore oggettivo; per me è un nuovo immergersi nel consolamento dell’arte, che lo scrivere non mi dava quasi più. Dedizione senza brama, amore senza desiderio.”

Da una lettera a Felix Braun, 1917

 

“I miei piccoli acquerelli come poesie o sogni riportano della ‘realtà’ solo un distante ricordo e lo modificano secondo sentimenti ed esigenze personali (…), non dimentico (…) che sono solo un dilettante.”

Da una lettera a Helene Welti, 1919

Hesse pittore4

“La produzione con penna e pennello per me è il vino, la cui ebbrezza scalda e abbellisce la vita in modo da renderla sopportabile.”

Da un lettera a Franz Karl Ginzkey, 1920

 

“Mi limito a semplici motivi di paesaggio, sembra che io non vada più avanti. Vedo sí come è bello tutto il resto, le arie e gli animali, la vita animata e il più bello, gli uomini, so-no spesso commosso e quasi costernato, ma non riesco a dipingerlo.”

Da una lettera a Cuno Amiet, 1922

 

In questi anni, da quando mi sono occupato di pittura, ho sviluppato, a poco a poco, una distanza dalla letteratura che non avrei saputo raggiungere per altre vie. Se poi quel dipinto abbia un qualsiasi valore in sé, non è in questione. Come si sa il tempo nell’arte, contrariamente all’industria, non ha nessuna importanza, non esiste tempo perso, se alla fine si raggiunge il grado possibile di intensità a compiutezza. Non sarei giunto così lontano come scrittore senza la pittura.”

Da una lettera a Georg Reinhart, 1924

 

Copertina: Un acquarello dipinto da Hermann Hesse

© Riproduzione Riservata