Sei qui: Home » Storie » Francesca Colavita e le altre due ricercatrici italiane che hanno isolato il Coronavirus
Emergenza Coronavirus

Francesca Colavita e le altre due ricercatrici italiane che hanno isolato il Coronavirus

Tra ricerca e precariato: ecco la curiosa storia delle tre ricercatrici italiane che hanno isolato il Coronavirus

Maria Rosaria Capobianchi, Francesca Colavita e Concetta Castilletti: ecco i nomi delle tre ricercatrici che sono riuscite, per prime in Europa, a isolare il virus.

Un successo clamoroso

 Grazie all’aiuto del team dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma le tre ricercatrici del laboratorio di Virologia hanno portato a termine la scoperta, e hanno dato inizio alla messa a punto del vaccino e allo sviluppo e al perfezionamento della diagnosi e della cura del virus che sta allarmando il mondo intero: il coronavirus, una famiglia di virus respiratori, di cui ancora si stanno studiando le origini e le cause scatenanti.

Orgoglio italiano

Maria Rosaria Capobianchi è il capo del laboratorio di virologia dello Spallanzani. Di origini campane, nata a Procida 67 anni fa, è laureata in scienze biologiche e ha una specializzazione in microbiologia. Concetta Castilletti è la responsabile dell’Unità che si occupa dell’analisi e lo studio dei virus emergenti. Di origini siciliane, nata a Ragusa 57 anni fa, è specializzata in microbiologia e virologia ed è conosciuta tra i colleghi con il soprannome “mani d’oro”. Subito dopo la scoperta, ha dichiarato: «Abbiamo cullato il virus, ma abbiamo avuto anche un po’ di fortuna». Francesca Colavita è la ricercatrice appena trentenne, di origini molisane, con alle spalle missioni in Sierra Leone per combattere l’Ebola, che lavora come precaria presso il laboratorio di virologia e biosicurezza. Da quattro anni collabora all’Istituto Spallanzani ma non è ancora riuscita a lasciarsi alle spalle la trafila tutta italiana dei contratti di collaborazione rinnovati ad oltranza. 

Cos'è l' infodemia? Ecco il significato della parola associata al coronavirus

Cos’è l’ infodemia? Ecco il significato della parola associata al coronavirus

A citarla per prima l’Organizzazione Mondiale della Sanità all’interno del suo report sul coronavirus. Ecco il significato e l’origine del neologismo infodemia

Le parole di Francesca Colavita

Parole di speranza e di grande umiltà quelle rilasciate a Repubblica dalla dottoressa Colavita. “Sembra strano, ma studiare i virus è stimolante, è una sfida costante, una battaglia in cui stare sempre all’erta. Da parte mia, ho solo fatto il mio lavoro: quello che voglio, devo e mi piace fare. Nulla di più rispetto ai miei colleghi. In questi giorni tutto è amplificato, abbiamo avuto successo, ma la ricerca è questa”. 

Ha poi aggiunto: “Non c’è sessismo nella ricerca, i problemi sono altri. La ricerca è importante per una nazione, e sarebbe importante fare investimenti a lungo termine per quello che riguarda i lavoratori. Sono sei anni che lavoro per lo Spallanzani, prima con un co.co.co, ora con un contratto annuale. Guadagno sui 20mila euro all’anno”.

Da qui l’appello ai nostri politi e a tutti coloro che nella pubblica amministrazione potrebbero dare inizio a un processo di cambiamento nel mercato del lavoro e nel campo della ricerca: “L’Italia deve dare più dignità ai ricercatori. Il nostro lavoro non è un gioco: anche la più piccola ricerca è il tassello di un puzzle che porta cure ed effetti. Ma bisogna passare per i piccoli passi, esperimenti a volte molto basilari. Mi auguro che questa occasione possa contribuire a far vedere la ricerca in modo diverso“.

© Riproduzione Riservata