Sei qui: Home » Storie » Coronavirus, i flash mob di domenica 15 marzo per sentirci più uniti
15 marzo

Coronavirus, i flash mob di domenica 15 marzo per sentirci più uniti

Siete pronti per il primo flash mob di oggi? E' tempo di affacciarsi alla finestra e unire le nostre voci in un canto contro la paura

Anche per oggi, 15 marzo, sono in programma due flash mob: il primo alle 18, quando si canterà “Il cielo è sempre più blu” di Rino Gaetano, e il secondo alle 21, dove si accenderanno torce e candele. Un momento di condivisione, ma soprattutto il segno di un Paese che non si arrende alla solitudine e si stringe contro il Coronavirus. 

Il flash mob delle 18

Sono ormai alcuni giorni che i cittadini costretti in casa si danno un appuntamento fisso durante la giornata per sentirsi meno soli. Da Napoli a Milano, ecco che alle 18 di ogni giorno tanti cittadini si affacciano a balconi, finestre e giardini per unirsi in un metaforico abbraccio. Dopo l’inno di Mameli il primo giorno, e “Azzurro” di Celentano il secondo giorno, oggi la canzone scelta per l’appuntamento delle ore 18 è un successo di Rino Gaetano, ‘Il cielo è sempre più blu’. Per far rumore si può usare qualsiasi oggetto: vanno bene trombe, fischietti, pentole e mestoli.

Applausi e luci alle 21

Per oggi, domenica 15 marzo, è in programma anche un secondo evento serale. L’idea di questo flash mob è venuta da Matera. L’evento si chiama “Applausi e luci per Matera“: “Pensavo a una sorta di ‘flash mob’ da casa, all’imbrunire (quindi intorno alle 18.00) potremmo accendere una candela sui nostri davanzali e farci un bell’applauso corale. Un applauso per sentirci, come se fossimo anche fisicamente vicini; un applauso per darci coraggio in un momento di sconforto senza precedenti; un applauso per congratularci con noi stessi che stiamo seguendo le regole e ne usciremo presto e vittoriosi”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Libreriamo insieme, condividere la lettura dei libri per stare uniti nei giorni di isolamento

Come non arrendersi alle difficoltà, la lezione di Ernest Hemingway

Successivo

Lascia un commento