Sei qui: Home » Società » Viaggi » Val Rendena, Trentino: i benefici dell’estate in montagna
Carpe viam

Val Rendena, Trentino: i benefici dell’estate in montagna

Daniele Iovane nella sua rubrica "Carpe Viam" ci racconta i benefici della montagna in estate portandoci ad alte altitudini, precisamente nel cuore della Val Rendena, in Trentino. 

Andate a sentire il sole sulla schiena e sul viso. Andate a vedere la natura nella sua più cruda bellezza. La montagna è il luogo perfetto per rifugiarsi durante la vostra prossima vacanza, per entrare in comunione con la natura. Le attività che si possono fare in montagna sono varie: escursioni, arrampicate, pesca, canoa, sci e campeggio e scoprire, oltretutto, una cultura molto lontana dalla nostra. Andare in montagna, inoltre, ha anche effetti benefici sulla salute. Per questo Daniele Iovane nella sua rubrica “Carpe Viam” ci porta ad alte altitudini, precisamente nel cuore della Val Rendena, in Trentino. 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Libreriamo (@libreriamo)

 

I benefici della Montagna d’estate

Perché è importante passare le proprie vacanze in montagna? Anche se per noi Italiani, le vacanze al mare rappresentano un vero must irrinunciabile dai molteplici benefici, anche la montagna sa essere un vero toccasana per la nostra salute. 

L’altitudine, ad esempio, è un ottima alleata per il nostro metabolismo. Sia per l’azione dell’alta quota è il circolo di un’aria più pulita, sia per l’attività fisica che vi ritroverete a fare senza rinunciare a dell’ottimo cibo sostanzioso verso cena. 

L’altitudine crea un altro beneficio per la salute durante una vacanza estiva in montagna, in quanto può contribuire a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. La riduzione dell’ossigeno aiuta a creare nuovi percorsi per i vasi sanguigni per far fluire l’ossigeno. Inoltre, il rischio di morte per cardiopatia ischemica è più basso. Le persone (soprattutto le donne) che vivono ad alta quota hanno meno probabilità di morire di infarto. Le prove scientifiche dimostrano che la vita ad alta quota può portare a cuori più sani. 

Stare in montagna dà ai polmoni la possibilità di respirare ossigeno privo di gas o di inquinamento atmosferico. L’aria fresca aiuta a risolvere i problemi respiratori e a facilitare la respirazione in caso di asma. Il profumo più comune quando si viaggia in montagna è quello del pino (è come camminare nel Natale d’estate) e gli studi dimostrano che il pino diminuisce la rabbia, la depressione e lo stress.

La montagna per la pace interiore 

L’habitat e la vita della montagna, possono essere utili per trovare la propria pace interiore nella vita e non solo. Possono aiutare a riscoprire la bellezza della natura e il modo in cui essa può creare la vita al suo interno. È una sorpresa continua, un viaggio alla riscoperta di ciò che spesso dimentichiamo nelle nostre quotidianità frenetiche.  Nel corso della storia, scrittori, artistico, pittori e non solo, si sono rivolte allo sfondo delle Montagne per ritrovare il contatto con loro stessi e ciò che li circondava. Perché queste insegnano l’importanza del rallentare. L’incontro costante con suoni, odori e rumori diversi attiva il cervello in modo diverso rispetto a un soggiorno in città, e tutto ciò agisce per calmare i nervi. 

 

Idee per una vacanza in Montagna? La Val Rendena 

Daniele Iovane ci ha parlato dalle altitudine della Val Rendena, una zona dove poter visitare grandissime bellezze come Madonna di Campiglio, Pinzolo, Adamello, Dolomiti di Brenta, Presanella – nomi di rinomati paesi e monti imperdibili. Situata nel cuore del Parco Naturale Adamello-Brenta, si presenta misteriosa e selvaggia, luminosa e rigogliosa, colma di paesaggi mozzafiato da scoprire.

Val Rendena è il luogo perfetto dove potersi ricongiungere con se stessə, dove poter incontrare pascoli, animali e piante particolari, boschi, rocce e ghiacciai eterni. Alla maestosità dei ghiacciai di Adamello e Presanella, ad esempio, si contrappongono le suggestioni del Gruppo di Brenta, e alle pareti granitiche fanno da contraltare prati e boschi, torrenti, laghi e cascate.

Cultura e Montagna: un connubio reale

Sapevi che anche i luoghi di montagna sono patrimonio dell’UNESCO? La val rendena è uno di questi. Abitata sin dall’antichità, qui possiamo trovare delle bellissime perle da visitare per catapultarci in luoghi quasi magici. Ad esempio, non potete perdervi, conosciuto nell’800, Darè, un villaggio montano con delle bellissime case in pietra. Basta visitare la Casa Cues,  di architettura medievale, oppure la fontana di piazza Roma, un’ampia agorà da quale partono diversi sentieri per addentrarsi in percorsi e camminate. Oppure Villa Rendena, un paesino abitato fin dall’età del Bronzo, che occupato in seguito dalle popolazioni retiche, alle quali seguirono i Celti e infine i Romani. A spiazzo, invece, potete visitare la più importante chiesa del paese, dedicata al santo, dove secondo la tradizione avvenne il suo martirio. Particolarissima è quella dedicata a Sant’Antonio, risalente al 400 che rappresenta un connubio perfetto tra l’ architettura romanica e gotica. E se passate a Spiazzo, visitate il Museo della Guerra Bianca Adamellina.

Se volete addentrarvi in una natura rigogliosa e ammirare cascate uniche, passate per Strembo e andate alle cascate del Lares (alta e bassa), di Folgorida, di Casöl (Casina Muta), di Pedrùc, di Stablèi, di Pont delle Cambiali e di Mandron.

Infine, impossibile non passare per la famosissima e mondana Madonna di Campiglio dove potete fare una gita bellissima al Lago Nambino. 

Insomma, un viaggio giusto al momento giusto per difendersi e riprendersi dalla calura estiva. 

 

Stella Grillo

 

© Riproduzione Riservata