Sei qui: Home » Società » Robin Hood, i luoghi della leggenda dell’opera di Alexandre Dumas
luoghi fantastici

Robin Hood, i luoghi della leggenda dell’opera di Alexandre Dumas

Robin Hood, ancora oggi, rappresenta una leggenda medievale particolarmente affascinante. Scopriamo alcuni luoghi legati a colui che “rubava ai ricchi, per dare ai poveri”

Vicino Londra, a poco più di due ore di distanza, ci si può immergere in una serie di luoghi dove si respira aria di magia e di leggenda. Stiamo parlando dei luoghi legati alla figura leggendaria medievale di Robin Hood. Un comune bandito con un talento spiccato per l’arco e la freccia, che quotidianamente rubava ai personaggi ricchi della società, per aiutare i più bisognosi. Ad oggi non sappiamo ancora se sia esistito veramente ma, in base agli scritti che sono pervenuti fino a noi, possiamo rintracciare dei veri luoghi da visitare vicino Londra.

La leggenda di Robin Hood

Non sappiamo se Robin Hood sia davvero esistito. Una leggenda tramandata oralmente e poi trascritta all’interno di un documento latino del 1420 d.C, ci parla di questo bandito abile nell’arte del rubare. Ciò che rubava, però, era destinato ai bisognosi, poveri, affamati, di cui lui si era guadagnato il massimo rispetto. Una storia che ha affascinato molti di noi, ispirando molti film e cartoni. Ultimo di questi, con la grande interpretazione di Russel Crow nel 2010, nel film “Robin Hood”.

I luoghi della leggenda

Tra i luoghi misteriosi, dove la leggenda inscrive le esperienze di Robin Hood, troviamo in primis la Foresta di Sherwood, famosa per essere il luogo in cui Hood si andava a rifuggiare. Oltre a questa, se ci allontiamo dalle attrattive di Londra, possiamo trovare altri posti dove immergerci nella magia misteriosa di questa storia medievale.

La Major Oak, covo di Robin Hood

Questa è la quercia maggiore, vecchio di circa 800-1000 anni, dove si crede che Robin Hood abitasse. Un vero e proprio covo nella Foresta di Sherwood, dove Fra’ Tac e Little John si nascondevano.

La Foresta di Sherwood

Una immensa foresta, circa un terzo della contea di Nottingham, dove oggi è possibile trascorrere una piacevole giornata a cavallo o passeggiando.

Chiesa di St.Mary

Una chiesa che, dalla narrazione della leggenda, avrebbe visto coronare il matrimonio tra Robin e Marion. Si trova nel villaggio di Edwinstowe. In questo villaggio, viene persino organizzato un Festival di Robin Hood.

Il Castello di Nottingham

Un Castello circondato da una particolare atmosfera medievale, raggiungibile a piedi percorrendo le stradine intorno al centro della città. Oggi, questa dimora, è un museo ed una casa d’arte, piena di dipinti decorativi e oggetti legati alla figura di Robin Hood.
Qui si trova anche la famosissima statua di Robin Hood, in posa con arco e frecce.

Robin Hood di Alexandre Dumas

Il romanzo “Robin Hood. Principe dei ladri” (opera originaria “Robin des bois. Le prince des voleurs”, Dumas 1872) narra le vicende dell’eroe popolare dell’Inghilterra, vissuto in epoca medioevale. Personaggio metà storico e metà leggendario, ispiratore di alcune opere della letteratura inglese, viene immaginato come un generoso fuorilegge sassone o come un semplice bandito dell’epoca. Con i suoi compagni e amici di avventura, fra i quali Frate Tuck e Little John, la storia si dipana con moltissimi colpi di scena, con la guerra fra i sassoni e i normanni, senza tralasciare le relazioni amorose.

Stella Grillo

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

“The Met Unframed”, l’app per visitare da casa il Metropolitan Museum of Art

“Come violento sui monti” di Saffo, la poesia sull’irrazionalità di un grande amore

Successivo