Sei qui: Home » Società » Viaggi » La bellezza della Puglia incanta anche il New York Times
Bellezze Italiane

La bellezza della Puglia incanta anche il New York Times

Il viaggio del giornalista del New York Times che attraversando in lungo e in largo la Puglia ne è rimasto veramente estasiato

MILANO – Buon cibo, mare cristallino, tracce di Magna Grecia, la pizzica, paesaggi brulli e quasi commoventi: la Puglia è tutto questo e molto altro. Non si può descrivere in poche parole, perché la sua bellezza è talmente vasta e ricca da essere difficile da definire. Così la pensa Sebastian Modak, il giornalista del New York Times che quest’anno ha passato la sua estate viaggiando e perdendosi tra le terre pugliesi, rimanendone davvero estasiato. Il New York Times ha inserito la Puglia nella lista dei 52 posti da visitare.

Da Bari a Lecce, le bellezze della Puglia

Il viaggio di Sebastian Modak parte da Bari, una città calda e assolata, bellissima per dirigersi poi verso Lecce. Agli occhi del giornalista Lecce è un “capolavoro del Barocco, fatta di calcare color crema”. Spostandosi a Martina Franca, cambia ancora paesaggio e si trova dunque in una cittadina su una collina immersa da vigneti e da alberi di ulivi.
Della Puglia non apprezza soltanto il paesaggio e i beni culturali, ma anche il cibo. Piatti preferiti? Beh orecchiette alle cime di rapa, fave e cicoria e il capocollo.
Sebastian prosegue il suo viaggio in Puglia e giunge a Polignano a mare, che però lo delude: troppo turistico e troppo affollato. Molto meglio San Vito.
E di Alberobello che ne pensa? “Sembra di essere in un film fantasy”. Il giornalista del New York Times rimane profondamente suggestionato dalla particolarità e originalità di queste costruzioni.

Una terra indefinibile e irriducibile

Insomma, c’è poco da dire. La Puglia non è una terra da cartolina, e tanto meno da slogan accattivante. La Puglia è un viaggio, e scoprendola si capisce che la sua ricchezza e la sua complessità non possono essere ridotte a poche parole. La Puglia ha tanta storia, tanta archeologia, moltissimi sapori e attraversandola da nord a sud ci si imbatte in tante diversità. Una terra indefinibile e irriducibile.

LEGGI ANCHE: Viaggio nella Sicilia di Camilleri, tutti i luoghi del commissario Montalbano

 

© Riproduzione Riservata