Sei qui: Home » Società » ”Toc Bologna 2013”, uno sguardo approfondito sull’editoria digitale per ragazzi

”Toc Bologna 2013”, uno sguardo approfondito sull’editoria digitale per ragazzi

Torna a Bologna il più grande evento sul futuro dell'editoria digitale per ragazzi. Il ''TOC Bologna 2013'' si svolgerà infatti domenica 24 marzo presso il Quartiere fieristico di Bologna, sul tema ''Play, learn, grow. Publishing for the Next Generation''...
Si svolgerà a marzo l’evento “Tools of Change for Publihing”: un’occasione per scoprire app, e-book, game e tutti i nuovi prodotti editoriali per ragazzi

 
MILANO –  Torna a Bologna il più grande evento sul futuro dell’editoria digitale per ragazzi. Il “TOC Bologna 2013” si svolgerà infatti domenica 24 marzo presso il Quartiere fieristico di Bologna, sul tema “Play, learn, grow. Publishing for the Next Generation”. Si tratta della terza edizione della conferenza internazionale organizzata dalla statunitense O’Reilly Media e da BolognaFiere. Vi interverranno i massimi esperti mondiali nel settore dell’editoria elettronica, per confrontarsi sulle ultime novità e sui nuovi trend in questo settore. All’evento, che avrà luogo alla vigilia della 50a edizione della Fiera del Libro per Ragazzi (Bologna, 25-28 marzo), sono attesi oltre 500 operatori (sviluppatori di app, editori, disegnatori, produttori, artisti, autori, ecc.) provenienti da ben 40 Paesi di tutto il mondo.
 
TOOLS OF CHANGE FOR PUBLISHING
– Le varie sessioni del “TOC Bologna 2013” (Tools of Change for Publishing) affronteranno diversi argomenti di grande attualità, tra cui il mercato globale dei contenuti per l’infanzia e la pre-adolescenza (app, e-book, game, ecc.), le attività di licensing e di gestione delle property, le nuove opportunità di lavoro con i contenuti digitali. Saranno anche esaminati gli importanti cambiamenti che l’editoria sta affrontando in questi ultimi tempi, offrendo soluzioni e case history per sfruttare al meglio le trasformazioni in quasi tutti i settori (editoriale, design, produzione, marketing, pubblicità, rapporti con gli autori, contratti, copyright, ecc.). Non mancherà, naturalmente, uno sguardo all’editoria per le prossime generazioni.
 
L’IMPORTANZA DEL DIGITALE – “Il digitale non è più una opzione, ma è un fatto nel mondo dell’editoria”, ha dichiarato ha dichiarato Kat Meyer, copresidente del TOC Bologna 2013 e responsabile del programma dell’evento. “Rappresenta infatti un’enorme opportunità per gli editori per espandere la loro capacità di raggiungere il pubblico e per aumentare i loro guadagni. Ogni editore per bambini dovrebbe inserire media digitali ed interattivi. C’è però molto di più che aggiungere semplicemente nuovi formati ai prodotti digitali: ogni aspetto del business è stato in qualche modo segnato dal passaggio al digitale. Il programma del TOC Bologna 2013 aiuterà gli editori e gli altri operatori interessati ai contenuti per bambini a comprendere i cambiamenti radicali, ad avere una visione critica e a camminare verso strategie e connessioni, per trarre vantaggi dalle trasformazioni in corso in questo settore”.
 
LE SCORSE EDIZIONI – “Nel 2011, abbiamo lanciato la prima delle nostre conferenze internazionali TOC”, ha spiegato Roberta Chinni, project manager di BolognaFiere. “Le prime due edizioni sono state coronate da un grande successo. Quest’anno, perciò, daremo il benvenuto ad un numero ancora maggiore di editori ed operatori da tutto il mondo. Siamo sicuri che a Bologna troveranno la migliore occasione per fare il punto sulle ultime novità internazionali dell’editoria per i ragazzi e per stabilire nuove partnership e iniziative commerciali”.

12 febbraio 2013

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Le new entry Smith e Tamaro subito in vetta alla classifica delle vendite

Alessandro Burato, ”La mia fotografia va oltre il nudo e ritrae la superficie”

Successivo

Lascia un commento