favole al telefono

Le “favole al telefono” di Gianni Rodari ritornano per i bimbi in ospedale

“Favole al telefono 2020". Da martedì 14 aprile la sensibilità letteraria e sociale di Gianni Rodari rivivrà attraverso le voci al telefono dei Dottor Sogni nei reparti ospedalieri pediatrici di alta complessità

Le “favole al telefono” di Gianni Rodari ritornano per i bimbi in ospedale

Al via il progetto Favole al telefono 2020: Theodora chi-ama Rodari, di Fondazione Theodora Onlus. A quaranta anni dalla morte e nel centenario della nascita, la straordinaria fantasia e l’intelligenza di Gianni Rodari rivivono attraverso le voci dei Dottor Sogni, artisti professionisti, formati a intervenire in reparti ospedalieri pediatrici di alta complessità. Il progetto che al momento è previsto fino al 30 aprile, di cui è testimonial Margherita Buy, è patrocinato da “100 Gianni Rodari”, calendario ufficiale degli eventi di celebrazione dell’autore, a cura di EL-Einaudi Ragazzi-Emme Edizioni.

Favole al telefono

A seguito dell’emergenza sanitaria, la tutela dei ricoverati, ha costretto Fondazione Theodora Onlus a sospendere le visite in ospedale. Si è quindi posto il problema di come continuare a prendersi cura dei piccoli pazienti in un momento che peggiora la loro già delicata condizione. La risposta è stata trovata pensando a quelle “Favole al telefono” del 1962, in cui, secondo l’invenzione di Rodari il ragionier Bianchi, rappresentante di commercio, ogni sera chiama la sua bambina per raccontarle una favola, dalle città in cui si trova a vendere medicinali.

Racconti – medicina, che fanno bene al cuore, sono quelli a cui pensava Rodari e gli stessi di cui si fanno interpreti i Dottor Sogni in corsia. Qui sono stati trasformati in interventi telefonici che della presenza dal vivo, attraverso la voce (a differenza di una registrazione) mantengono il calore della relazione. Le telefonate per la favola della buonanotte avverranno fra le 19.00 e le 21.00 circa, un momento della giornata in corsia in cui spesso prevale la malinconia. I bambini ricoverati negli ospedali in cui la Fondazione opera potranno prenotare la loro favola al telefono scrivendo una mail a [email protected].

I Dottor Sogni

E’ chiaro quanto oggi, in piena emergenza Covid – 19, sia utile a tutti sviluppare la gestione emotiva della malattia. Per far questo i Dottor Sogni usano l’arte, il teatro in particolar modo, per costruire una relazione affettiva di sostegno alla cura dei piccoli pazienti. Ma anche dei loro genitori e del personale medico e infermieristico. Una relazione che non mira a distrarre ma ad elaborare una sofferenza attraverso momenti positivi.

Scopo degli interventi dei Dottor Sogni è quello di far sperimentare che è possibile sorridere anche da ammalati. Anche quando non ci si dovesse riuscire, il panorama emotivo che si ha disposizione non ha come unico orizzonte la camera di un ospedale. Come a dire: quando entrano in una stanza i Dottor Sogni esce momentaneamente la malattia. Un vigoroso promemoria sul fatto incontrovertibile ma momentaneamente messo da parte che si è prima persone e solo dopo ammalati.

La Onlus

Theodora Onlus da 25 anni si prende cura, attraverso il gioco, l’ascolto e il teatro delle emozioni dei bambini ricoverati in 160 ospedali di 8 paesi nel mondo. La Fondazione è presente in Svizzera, dove è nata e in Italia, Francia, Inghilterra, Spagna, Bielorussia, Turchia, Honk Kong. 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti