Sei qui: Home » Società » Evita Perón, la storia di una donna che ha cambiato il XX secolo
evita peron

Evita Perón, la storia di una donna che ha cambiato il XX secolo

Moriva 70 anni fa una delle donne più influenti e importanti del XX secolo: Eva Perón. Conosciuta come Evita, ha svolto un ruolo importante nel governo del marito e ancora oggi, è ampiamente ricordata per i suoi impegni sociali.

Moriva 70 anni fa una delle donne più influenti e importanti del XX secolo: Evita Perón, moglie del Presidente argentino Juan Perón e First Lady dell’Argentina. Conosciuta affettuosamente come Evita, ha svolto un ruolo importante nel governo del marito e ancora oggi, è ampiamente ricordata per i suoi impegni a favore dei poveri e per il suo ruolo nell’aiutare le donne a conquistare il diritto di voto.

L’infanzia di Evita

Maria Eva Duarte nacque a Los Toldos, in Argentina, il 7 maggio 1919 da Juan Duarte e Juana Ibarguren, una coppia non sposata. Eva, la più giovane di cinque figli, aveva tre sorelle maggiori e un fratello maggiore. Juan Duarte lavorava come amministratore di una grande fattoria di successo e la famiglia viveva in una casa sulla strada principale della piccola città. Tuttavia, Juana e i bambini condividevano il reddito di Juan Duarte con la sua “prima famiglia”, una moglie e tre figlie che vivevano nella vicina città di Chivilcoy.

Non molto tempo dopo la nascita di Eva, il governo centrale, che in precedenza era stato gestito da ricchi e corrotti proprietari terrieri, passò sotto il controllo del Partito Radicale, composto da cittadini della classe media favorevoli alle riforme. Juan Duarte, che aveva tratto grandi vantaggi dalle sue amicizie con quei proprietari terrieri, si trovò presto senza lavoro. Tornò nella sua città natale, Chivilcoy, per raggiungere l’altra famiglia. Quando partì, Juan voltò le spalle a Juana e ai loro cinque figli. Eva non aveva ancora un anno.

Juana e i suoi figli furono costretti a lasciare la loro casa e a trasferirsi in una minuscola abitazione vicino ai binari della ferrovia, dove Juana si guadagnava da vivere cucendo abiti per i cittadini. Eva e i suoi fratelli avevano pochi amici; erano ostracizzati perché la loro illegittimità era considerata scandalosa.

Nel 1926, quando Eva aveva 6 anni, suo padre rimase ucciso in un incidente stradale. Juana e i bambini si recarono a Chivilcoy per il suo funerale e furono trattati come emarginati dalla “prima famiglia” di Juan.

Evita e il sogno di diventare una Star

Nel 1930 Juana trasferì la famiglia in una città più grande, Junin, per cercare maggiori opportunità per i figli. I fratelli maggiori trovarono un lavoro ed Eva e sua sorella si iscrissero a scuola. Da adolescente, la giovane Eva si appassiona al mondo del cinema, in particolare alle star americane. Eva si prefigge di lasciare la sua piccola città e la sua vita di povertà per trasferirsi a Buenos Aires, la capitale dell’Argentina, e diventare un’attrice famosa.

Contro la volontà della madre, Eva si trasferì a Buenos Aires nel 1935, quando aveva solo 15 anni. I dettagli reali della sua partenza rimangono avvolti nel mistero. Secondo una versione della storia, Eva si recò nella capitale in treno con la madre, apparentemente per fare un’audizione per una stazione radiofonica. Quando Eva riuscì a trovare un lavoro alla radio, la madre, arrabbiata, tornò a Junin senza di lei. Nell’altra versione, Eva incontrò un popolare cantante a Junin e lo convinse a portarla con sé a Buenos Aires. In entrambi i casi, il trasferimento di Eva a Buenos Aires fu definitivo.

La vita a Buenos Aires

Eva arrivò a Buenos Aires in un momento di grandi cambiamenti politici. Nel 1935 il Partito Radicale era caduto dal potere, sostituito da una coalizione di conservatori e ricchi proprietari terrieri nota come Concordancia. Questo gruppo rimosse i riformisti dalle posizioni di governo e diede lavoro ai propri amici e seguaci. Chi resisteva o si lamentava veniva spesso mandato in prigione. I poveri e la classe operaia si sentivano impotenti nei confronti della minoranza ricca.

Con pochi beni materiali e poco denaro, Eva si ritrovò tra i poveri, ma non perse mai la determinazione a farcela. Dopo la fine del suo lavoro alla radio, trovò lavoro come attrice in una compagnia che viaggiava in piccole città dell’Argentina. Anche se guadagnava poco, Eva si assicurava di inviare denaro a sua madre e ai suoi fratelli.

Dopo aver fatto un po’ di esperienza nel campo della recitazione, Eva lavorò come attrice di telenovela radiofonica e ottenne anche alcuni piccoli ruoli cinematografici. Nel 1939, insieme a un socio d’affari, fondò la propria azienda, la Compagnia del Teatro dell’Aria, che produceva soap opera radiofoniche e una serie di biografie di donne famose.

Nel 1943, pur non potendo vantare lo status di star del cinema, la ventiquattrenne Eva aveva raggiunto il successo e un discreto benessere. Viveva in un appartamento in un quartiere di lusso, dopo essere sfuggita alla vergogna della sua infanzia povera. Per pura volontà e determinazione, Eva aveva trasformato il suo sogno adolescenziale in realtà.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Libreriamo (@libreriamo)

 

L’incontro con Juan Domingo Peron 

Il 15 gennaio 1944, un forte terremoto colpì l’Argentina occidentale, uccidendo 6.000 persone. Gli argentini di tutto il Paese vollero aiutare i loro connazionali. A Buenos Aires, lo sforzo fu guidato dal colonnello dell’esercito Juan Domingo Perón, 48 anni, capo del dipartimento del lavoro della nazione.

Perón chiese agli artisti argentini di usare la loro fama per promuovere la sua causa. Attori, cantanti e altri (tra cui Eva Duarte) percorsero le strade di Buenos Aires per raccogliere fondi per le vittime del terremoto. La raccolta di fondi culminò in un evento di beneficenza tenutosi in uno stadio locale. Lì, il 22 gennaio 1944, Eva incontrò il colonnello Juan Perón.

Perón, un vedovo la cui moglie era morta di cancro nel 1938, fu immediatamente attratto da lei. I due divennero inseparabili e ben presto Eva si dimostrò la più accanita sostenitrice di Perón. Sfruttò la sua posizione alla radio per trasmettere trasmissioni che lodavano Perón come figura governativa benevola.

Evita come First Lady

Perón venne eletto nel 1946 come Presidente ed ereditò un Paese con un’economia forte. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, molte nazioni europee, in gravi condizioni finanziarie, presero in prestito denaro dall’Argentina e alcune furono costrette a importare grano e carne dall’Argentina. Il governo di Perón trasse profitto da questo accordo, facendo pagare gli interessi sui prestiti e le tasse sulle esportazioni da parte di allevatori e agricoltori.

Eva, che preferiva essere chiamata Evita (“Piccola Eva”) dalla classe operaia, abbracciò il suo ruolo di first lady. Insediò membri della sua famiglia in alte cariche governative in settori come il servizio postale, l’istruzione e le dogane.

Eva visitava gli operai e i leader sindacali nelle fabbriche, interrogandoli sulle loro esigenze e chiedendo loro suggerimenti. Utilizzò queste visite anche per tenere discorsi a sostegno del marito.

Eva Perón si vedeva come una doppia persona: come Eva, svolgeva i suoi compiti cerimoniali nel ruolo di first lady; come Evita, paladina della classe operaia, serviva il suo popolo faccia a faccia, lavorando per soddisfare le loro esigenze. Aprì gli uffici del Ministero del Lavoro e si sedette alla scrivania per accogliere i lavoratori bisognosi di aiuto.

Sfruttava la sua posizione per ottenere aiuto per coloro che si presentavano con richieste urgenti. Se una madre non riusciva a trovare un’assistenza medica adeguata per il proprio figlio, Eva faceva in modo che il bambino fosse curato. Se una famiglia viveva nello squallore, lei si occupava di trovare un alloggio migliore.

La fondazione di Evita per i bisognosi 

All’inizio del 1948, Evita riceveva migliaia di lettere al giorno da persone bisognose che chiedevano cibo, vestiti e altre necessità. Per gestire così tante richieste, Evita sapeva di aver bisogno di un’organizzazione più formalizzata. Nel luglio del 1948 creò la Fondazione Eva Perón, di cui fu l’unica leader e responsabile delle decisioni.

La Fondazione ricevette donazioni da aziende, sindacati e lavoratori, ma spesso queste donazioni furono costrette. Le persone e le organizzazioni rischiavano multe e persino il carcere se non contribuivano. Eva non teneva alcun registro scritto delle sue spese, sostenendo che era troppo impegnata a distribuire il denaro ai poveri per fermarsi a contarlo.

Molte persone, avendo visto sui giornali foto di Evita vestita con abiti e gioielli costosi, sospettarono che tenesse per sé parte del denaro, ma queste accuse non poterono essere provate.

Nonostante i sospetti su Evita, la fondazione raggiunse molti obiettivi importanti, assegnando borse di studio e costruendo case, scuole e ospedali. 

© Riproduzione Riservata