Famiglia

Per essere una famiglia basta l’amore

La famiglia non è per forza quella che ci viene imposta, quella sanguigna. Famiglia è l'insieme di persone legate dall'amore e dal rispetto
Per essere una famiglia basta l'amore

MILANO – La famiglia è il luogo da cui proveniamo, costituisce le nostre radici, senza le quali non esisteremmo e non saremmo come siamo; ma la famiglia è anche quella che ci scegliamo, quella degli amici che consideriamo così vicini e affini a noi da considerarli come il nostro nido. Oggi tale concetto si è evoluto e si è allargato, non limitandosi ai legami sanguigni ma allargandosi a comprendere tutti quei legami d’amore e d’affetto. Inutile dire che famiglia dovrebbe essere casa: sarebbe il luogo in cui ci sentiamo accettati, protetti e autentici. Non dobbiamo (non dovremmo) fingerci qualcun’altro e non dobbiamo rispettare un determinato codex sociale. 

 

 

Non sempre però la famiglia in cui ci troviamo per sorte è il nostro porto sicuro, ma anzi potrebbe essere anche il nostro peggiore incubo: liti, violenze, soprusi non sono così insoliti purtroppo.
Ultimamente si parla molto di questa tematica, così abbiamo deciso di chiedere a voi lettori cosa significhi famiglia e che cosa implichi.

 

 

L’elemento essenziale della famiglia è l’amore

Non esiste la famiglia perfetta: ci saranno sempre delle incomprensioni, delle abitudini singolari, dei litigi. Vivere in una famiglia non è facile proprio perché ci può essere contrasto di intenzioni e contrasto generazionale. Il difficile rapporto genitori e figli, ad esempio, è una costante del tutto naturale, proprio a causa del diverso modo di approcciarsi alla vita e al differente modo di pensare.

Le preoccupazioni subentrano quando la famiglia diventa un incubo in cui tutto ti viene imposto, per non parlare di quando la violenza diventa sovrana. Non bisogna per forza accettare la propria famiglia, non bisogna per forza subire le separazioni, anzi, i divorzi nascono anche per questo motivo: chi l’ha detto che una donna debba fare finta di niente dei tormenti di un marito violento? Chi l’ha detto che l’uomo debba essere il capofamiglia? Chi l’ha detto che ci debba essere un capofamiglia?
Proprio per questo motivo, la famiglia non deve essere per forza quella imposta, quella che ti capita. Famiglia è quell’insieme di persone legate da un forte affetto. Tutti possono costituire una famiglia, se c’è l’amore.

 

 

Nel momento in cui decidiamo di crearci un nostro nucleo famigliare, non dovremmo sentirci costretti in limitazioni: come facciamo a trattenerci in amore? È questo sentimento che lega persone con caratteristiche apparentemente inconciliabili e distanti.
C’è anche da dire che una famiglia esiste a prescindere dal numero dei partecipanti: si parte da due e da lì si può crescere, oppure no. Avere figli non è il criterio che giudica una famiglia migliore di un’altra.

 

 

Insomma nessuna famiglia è perfetta: non esiste la famiglia della mulino bianco, non esistono delle regole per fabbricarne la quinta essenza, in cui ognuno rispetta e rientra nel suo determinato ruolo. Ciò che la rende tale è la forza dell’amore e del rispetto, come afferma Richard Bach, l’autore della famosissima storia Il gabbiano Jonathan Livingston.

Il legame che unisce la tua vera famiglia non è quello del sangue, ma quello del rispetto e della gioia per le reciproche vite.

 

 

LEGGI ANCHE: 10 libri da leggere sul rapporto genitori-figli

 

© Riproduzione Riservata
Commenti