Consigli di lettura

10 libri da leggere sul rapporto genitori-figli

Dai grandi classici ai più recenti bestseller, vi proponiamo una serie di libri che hanno analizzato il rapporto genitori-figli nelle sue possibili e diverse sfaccettature
10 libri da leggere sul rapporto genitori-figli

MILANO – C’è chi li definisce romanzi di formazione, per altri sono storie di ragazzi alla ricerca della propria identità passando per il conflitto generazionale con i propri genitori. Dai grandi classici ai più recenti bestseller, vi proponiamo una serie di libri che hanno analizzato il rapporto genitori-figli nelle sue possibili e diverse sfaccettature.

Le mamme ribelli non hanno paura di Giada Sundas

Giada Sundas è la mamma più famosa del web. I suoi post sulla sua esperienza di madre hanno avuto migliaia di condivisioni. Le mamme ribelli non hanno paura è il suo primo romanzo. Un debutto che partendo dalla vita parla al cuore di tutti. Un piccolo regalo a una bimba di due anni perché possa scoprire un giorno come è venuta al mondo, da quale amore, da quali errori, da quali scelte. Una storia sulla maternità, quella vera che si fa passo dopo passo, fatica dopo fatica, felicità dopo felicità.

A bocca chiusa non si vedono i pensieri di Benjamin Ludwig

La commovente storia di una bambina speciale alla ricerca del suo posto nel mondo. Di questo tratta “A bocca chiusa non si vedono i pensieri” scritto da Benjamin Ludwig, una storia di famiglia che esplora temi importanti quali l’adozione, l’affido e l’autismo. Un romanzo ispirato alla storia vera dell’autore. La protagonista è Ginny Moon, per molti versi una tipica quattordicenne: suona il flauto nell’orchestra della scuola, gioca a basket due volte alla settimana e studia le poesie di Robert Frost per la lezione di letteratura americana. C’è solo un piccolo particolare che la distingue dalle altre ragazzine della sua età: Ginny è autistica.

Incendi di Richard Ford

Nell’estate del I960 la città di Great Falls, Montana, fu circondata dal fuoco. Il fumo proveniente dalla foresta in fiamme coprì le montagne a sud, ovest e a est. Fu l’estate in cui il padre di Joe trasferì la famiglia nel Montana per non perdere l’occasione del boom petrolifero. Fu l’estate in cui il padre perse il lavoro al golf club e andò a combattere l’incendio. Fu l’estate in cui la madre di Joe incontrò Warren Miller e s’innamorò di lui. Fu l’estate in cui Joe si accorse che i genitori erano qualcosa di inesplicabile, come tutti.

Notti in bianco e baci a colazione di Matteo Bussola

Un libro ironico e struggente sulla magia di essere padre scritto da Matteo Bussola. Dialoghi strampalati, buffe scene domestiche, riflessioni sottovoce che dopo la lettura continuano a risuonare in testa. Nell’«abitudine di restare» si scopre una libertà inattesa, nei gesti della vita di ogni giorno si scopre quanto poetica possa essere la paternità.

I fratelli Karamazov di Fedor Dostoevskij

Si tratta dell’opera opera più complessa, profonda e compiuta dell’autore russo. In un clima cupo e feroce si consuma il parricidio più celebre della storia della letteratura, apparentemente provocato dall’atavica lotta per la donna, in realtà maturato nel più ampio contesto della contrapposizione tra padri e figli

Se ti abbraccio non aver paura di Fulvio Ervas

Il libro racconta la storia di Franco Antonello e di suo figlio Andrea, autistico. Franco è diventato un cavaliere che combatte per suo figlio. Un cavaliere che non si arrende e continua a sognare. Per anni hanno viaggiato inseguendo terapie: tradizionali, sperimentali, spirituali. Adesso partono per un viaggio diverso, senza bussola e senza meta. Insieme, padre e figlio, uniti nel tempo sospeso della strada. 

Nati due volte di Giuseppe Pontiggia

Che cosa succede in una famiglia quando nasce un figlio handicappato, come si evolvono le paure, le speranze, l’angoscia, le normali esperienze di tutti i giorni. Come reagiscono i familiari, gli amici, i medici, “la gente”, e il padre, la madre, il fratello. I bambini disabili, come suggerisce il titolo, nascono due volte: la prima li vede impreparati al mondo, la seconda è una rinascita affidata all’amore e alla intelligenza degli altri.

Gli sdraiati di Michele Serra

“Gli sdraiati” è un romanzo comico, un romanzo di avventure, una storia di rabbia, amore e malinconia. Ed è anche il piccolo monumento a una generazione che si è allungata orizzontalmente nel mondo, e forse da quella posizione riesce a vedere cose che gli “eretti” non vedono più, non vedono ancora, hanno smesso di vedere.

Il mio nome è Asher Lev di Chaim Potok

Asher Lev, un bambino ebreo di Brooklyn, ha la pittura nel sangue. Tutto nelle sue mani diventa disegno, immagine, colore: la casa, la madre, il padre, gli amici, la strada. Ma in una cultura come quella ebraica la vocazione di Asher è destinata a creare duri conflitti e alla fine una drammatica rottura. Asher incontra un maestro, va in Europa, a Firenze, Roma, Parigi… Quando torna a New York, è ormai un pittore affermato. Decide di misurarsi con un tema fondamentale nella storia della pittura, la crocifissione, scatenando un nuovo conflitto con il padre e con il suo ambiente d’origine.

La strada di Cormac McCarthy

Un uomo e un bambino, padre e figlio, senza nome. Spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo una strada americana. La fine del viaggio è invisibile. Circa dieci anni prima il mondo è stato distrutto da un’apocalisse nucleare che lo ha trasformato in un luogo buio, freddo, senza vita, abitato da bande di disperati e predoni. Non c’è storia e non c’è futuro. Mentre i due cercano invano più calore spostandosi verso sud, il padre racconta la propria vita al figlio.

 

 Protocredits:  Tim Mossholder

© Riproduzione Riservata
Commenti