Brexit

Erasmus, gli accordi post Brexit fra Italia e Regno Unito

"Il progetto Erasmus continui a essere uno strumento di scambio culturale", le parole del Ministro Dario Franceschini
brexit

Continua dopo la pubblicità

Il Ministro Dario Franceschini ha incontrato il Segretario di Stato per il Digitale, la Cultura, i Media e lo Sport del Regno Unito, Nicky Morgan. Il primo incontro bilaterale successivo alla Brexit si è focalizzato sull’inestimabile patrimonio culturale e sul sempre più vivace mondo delle industrie culturali e creative di Italia e UK. Il Ministro Franceschini ha espresso al riguardo l’auspicio che il modello  Erasmus prosegua a essere uno strumento di dialogo, scambio e amicizia tra le giovani generazioni dei due Paesi: “i solidi e duraturi legami che si creano durante questa esperienza – ha detto Franceschini a riguardo – sono essenziali per alimentare la reciproca conoscenza, la collaborazione culturale e quella scientifica”.

Italia e Regno Unito, insieme per la cultura

Durante l’incontro è stata ricordata la lunga tradizione di cooperazione tra la Repubblica Italiana e il Regno Unito, sia in ambito bilaterale che multilaterale, come dimostrato dalla collaborazione ai recenti G7 e al G20, nonché dal ricco programma di eventi culturali previsto per il 2020 in Italia e in Gran Bretagna per celebrare l’iniziativa UK-Italy Partners for Culture. È stato inoltre espresso l’auspicio che i prossimi appuntamenti del 2021, il G7 a presidenza inglese e il G20 a presidenza italiana, prevedano incontri tematici dei ministri della cultura, come avvenuto nel G7 Cultura a Firenze nel 2017.

Il Ministro Franceschini e il Segretario di Stato Morgan hanno espresso il desiderio di rafforzare la già solida cooperazione tra i due Paesi in ambito culturale e turistico, mediante la realizzazione di nuovi progetti e collaborazioni nell’ambito della tutela del patrimonio culturale mondiale in aree di crisi, del contrasto al traffico illecito di beni culturali, della promozione delle industrie creative, del sostegno a iniziative di scambio tra le nuove generazioni di entrambi Paesi, della promozione turistica dei centri minori. Questi obiettivi potranno essere perseguiti attraverso le risorse già consolidate e le rispettive agenzie turistiche e culturali, come l’Enit, gli Istituti italiani di Cultura nel Regno Unito, il British Council, la British School at Rome, il British Institute of Florence e la Keats Shelley House in Italia.

 

 

Continua dopo la pubblicità

© Riproduzione Riservata