La lettura riduce lo stress più della musica e di una passeggiata

Leggere un libro funziona meglio e più velocemente di altri metodi per calmare i nervi esausti, come ascoltare musica, fare una passeggiata o bere con una tazza di tè. È stato provato da una ricerca scientifica su un gruppo di volontari di consulenza Mindlab Internazionale presso l'Università del Sussex...
La scoperta appartiene a un team di ricerca dell’Università del Sussex, in Inghilterra
 
MILANO – Leggere un libro funziona meglio e più velocemente di altri metodi per calmare i nervi esausti, come ascoltare musica, fare una passeggiata o bere con una tazza di tè. È stato provato da una ricerca scientifica su un gruppo di volontari di consulenza Mindlab Internazionale presso l’Università del Sussex. Gli psicologi hanno giustificato questo risultato con il fatto che la mente umana, concentrandosi nella lettura, si distrae e viene assorbita nel mondo letterario, alleviando le tensioni nei muscoli e il cuore.
 
LO STUDIO – I soggetti sono stati sottoposti a una serie di prove ed esercitazioni per aumentare i loro livelli di stress e la frequenza cardiaca. Dopo di che sono poi stati testati con una grande varietà di metodi tradizionali per ritrovare il relax psicofisico. E i risultati rilevati dal dottor David Lewis, neurologo psicocognitivo a capo del team di ricerca, sono stati sorprendenti. La lettura si è rivelato lo strumento migliore e ha ridotto i livelli di stress del 68%. Molto più rispetto all’ascolto della musica (61%), l’assaporare una tazza di tè (54%) e di una passeggiata rilassante (42%).
 
L’ESPERTO – La ricerca ha provato che leggere in silenzio, per sei minuti, aiuta a rallentare la frequenza cardiaca e smorzare la tensione dei muscoli. Il dottor Lewis ha commentato: “Perdersi in un libro è il massimo relax. E in tempi come questi di grande incertezza economica aiuta veramente a evadere. Non importa quale libro viene letto. Ogni lettura è coinvolgente e contribuisce a sfuggire dalle preoccupazioni e dallo stress della vita quotidiana. Non è solo fonte di distrazione ma un impegno della fantasia che stimolano la creatività”.
 
LA BOOK THERAPY – Ecco perché il nostro consiglio torna a essere quello di affidarsi alla Book Therapy, un vero toccasana per il nostro benessere mentale. Se siete ancora in vacanza, un libro è di sicuro il miglior alleato per riuscire a staccare la spina. E per chi al termine della settimana di ferragosto sta rientrando dalle ferie, di sicuro il potere calmante della lettura sarà utile per alleviare la tensione legata al ritorno all’attività lavorativa. 
 
18 agosto 2013
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti