Sei qui: Home » Senza categoria » Salman Rushdie accoltellato sul palco a New York.
Salman Rushdie Aggredito

Salman Rushdie accoltellato sul palco a New York.

Lo scrittore Salman Rushdie è stato aggredito oggi a New York mentre stava tenendo una conferenza. Secondo la polizia è stato ferito al collo con un'arma da taglio

Lo scrittore Salman Rushdie, 75 anni, è stato aggredito oggi a New York mentre stava tenendo una conferenza. Lo riporta un giornalista dell’Associated Press presente sul posto secondo il quale un uomo è salito sul palco sul quale si trovava lo scrittore e lo ha preso a pugni o a coltellate. 

Un uomo ha aggredito Salman Rushdie sul palco del Chautauqua Institution, iniziando a prenderlo a pugni e ad accoltellarlo da 10 a 15 volte. L’autore 75enne è stato spinto ed è caduto a terra e l’uomo è stato arrestato.

Rushdie è stato portato in elicottero in ospedale, ha detto la polizia di stato. Le sue condizioni non sono ancora note.

L’uomo che ha aggredito Salman Rushdie è stato fermato dalla polizia. La polizia dello Stato di New York ha annunciato che Rushdie è stato ferito al collo da un’arma da taglio. L’aggressione è avvenuta intorno alle 11 ora locale (le 17 in Italia).

Salman Rushdie colpito dalla fatwa dell’ayatollah Khomeini

Salman Rushdie è autore de ‘I versetti satanici’, il libro che venne bandito in Iran nel 1988 perché considerato blasfemo. L’ayatollah Khomeini, l’anno dopo la pubblicazione del libro, lanciò una fatwa contro lo scrittore indiano offrendo una ricompensa da 3 milioni di dollari a chi lo avesse ucciso. La guida suprema Ali Khamenei ha rinnovato la fatwa nel 2017, e nel 2019 via Twitter.

Erano centinaia le persone presenti al Chautauqua Institution, nello Stato di New York, per assistere alla conferenza dello scrittore nell’ambito di un festival letterario. Tutte sono state evacuate subito dopo l’aggressione. 

I Versetti Satanici di Rushdie banditi in Iran nel 1988

Il libro di Rushdie “The Satanic Verses” (Versetti satanici) è stato bandito in Iran dal 1988, poiché molti musulmani lo considerano blasfemo e lo scrittore ha ricevuto minacce di morte. Un anno dopo, l’allora leader iraniano, l’ayatollah Ruhollah Khomeini, ha emesso una fatwa, o editto, chiedendo la morte di Rushdie.

È stata offerta anche una taglia di oltre 3 milioni di dollari per chiunque lo uccida. Il governo iraniano ha preso le distanze da tempo dal decreto di Khomeini, ma il sentimento anti-Rushdie persiste. Nel 2012, è stata una fondazione religiosa iraniana semi-ufficiale che ha aumentato la taglia per Rushdie da 2,8 milioni di dollari a 3,3 milioni.

© Riproduzione Riservata