Sei qui: Home » Poesie » Crisi Ucraina, una poesia contro la guerra
poesia contro la guerra

Crisi Ucraina, una poesia contro la guerra

Ci sono diversi giovani poeti ucraini che hanno dedicato i loro versi alla difficile situazione nel loro Paese come la giovane poetessa ucraina Lyudmila Legostaeva, autrice di questi versi che ben esprimono la paura del popolo ucraino.

Una poesia contro la guerra e per scongiurare il conflitto tra Ucraina e Russia. Spesso nella storia le situazioni difficili e le tensioni tra popoli hanno ispirato la scrittura di libri, poesie ed opere d’arte. Il conflitto tra Ucraina e Russia che dura da 8 anni non è da meno: vediamo espressione di tale conflitto nei dipinti, nei libri, nella poesia.

Crisi Ucraina: una poesia contro la guerra

Ci sono diversi giovani poeti ucraini che hanno dedicato i loro versi alla difficile situazione nel loro Paese. Sebbene i loro cognomi siano ancora sconosciuti al grande pubblico, le loro poesie contro la guerra sono capaci di farci rivivere l’amore per la loro nazione e al tempo stesso la paura del conflitto che possa degenerare in uno scontro ancor più aspro. E’ questo il caso della giovane poetessa ucraina Lyudmila Legostaeva, autrice di questa poesia contro la guerra che ben esprime la paura del popolo ucraino.

Viburnum, simbolo dell’Ucraina

Protagonista di questa poesia contro la guerra è il “viburnum”, una specie di pianta fiorita nel famiglia Adoxaceae nativo in Europa, Nord Africa e Asia centrale, diventata uno dei simboli dell’Ucraina: le sue bacche simboleggiano la casa e la terra natale, il sangue e le radici familiari. Nel Paganesimo slavo kalyna, altro nome di questa pianta, rappresenta anche la bellezza di una giovane donna, che fa rima bene nella lingua ucraina: ka-ly-na – div-chy-na. La canzone Chervona Kalyna era l’inno del Esercito ribelle ucraino, e un grappolo di bacche è oggi un’insegna dell’esercito ucraino.

Viburnum ha scritto lettere dall’Ucraina

Viburnum ha scritto lettere dall’Ucraina
Alle bianche betulle russe,
E caddero grosse gocce rosse
O sangue, o lacrime.
Ha scritto: “Portate via i vostri ragazzi,
Che gli ospiti non fossero stati invitati,
Perché gli estranei muoiono in qualcun altro?
I combattimenti qui sono terribili.
Sei sfacciatamente mentito sul fatto che i ragazzi stanno “vagando”,
Furono gettati nella gola della guerra ..
La guerra non è addestramento… qui uccidono davvero,
Questi sono i tuoi fratelli e figli.
Verrà insegnato loro a sparare alle persone con un cannone,
Insidioso dare l’ordine.
I figli dovrebbero nascere per questo?
Per fermare il loro tempo qui?
Metti croci al collo dei ragazzi,
Ora prendono di mira le persone
Uno di questi è sia la lingua che la fede
Per il bene di idee bizzarre.
Alcuni non torneranno mai a casa,
I campi sono pieni di tombe,
I vivi sono storpi, il loro destino è bizzarro,
Uccelli senza ali.”
Viburnum ha scritto lettere e inviato
Con stormi di sangue nero…
Intorno al viburno bruciava e bruciava,
E le ceneri sono volate a terra.
Anche se gli scatti di “Gradiv” hanno spaventato il viburno
E i fuochi si chiusero in un anello,
Ha scritto, urlando a morte
Ed era una vera combattente…
costole rotte, tempie tagliate,
Tutti i rami sono danneggiati,
E caddero gocce di rosso e di sale,
Le candele bruciavano come una chiesa.
Perché tutta questa terra non è bagnata di rugiada,
E sangue umano senza limiti,
Non era dolcemente scaldata dal sole,
E le ceneri dopo l’incendio…
Viburnum ha scritto lettere dall’Ucraina
In diverse parti del mondo:
“Non dormire, aiuto. Ci sparano alle spalle
E voglio distruggere al Cremlino … ”
È difficile accettare guerre e perdite,
Il popolo prese questa croce e la portò…
E ci inchineremmo alla terra di quel viburno,
Manca una lettera scritta,
Per la sua sincerità, coscienza non corrotta,
Che anche nel fuoco non bruci…
E lascia che la coscienza dorma ancora nel paese delle betulle,
Ma presto tutto il boschetto sarà rumoroso!

© Riproduzione Riservata