Sei qui: Home » Poesie » “Ricordo il magico istante”, la poesia di Puškin su un amore mai dimenticato
La Poesia

“Ricordo il magico istante”, la poesia di Puškin su un amore mai dimenticato

In occasione dell’anniversario della nascita del poeta, scrittore e drammaturgo russo Aleksandr Sergeevič Puškin, vi proponiamo “Ricordo il magico istante”, una poesia che canta un amore mai dimenticato.

Il 6 giugno 1799 nasceva a Mosca Aleksandr Sergeevič Puškin, il padre della lingua e della letteratura russa contemporanea. Prolifico autore di saggi, narrativa in prosa, opere teatrali e in versi, Puškin ci ha regalato grandi spunti di riflessione e meravigliose pagine che non cessano di essere attuali.

In occasione dell’anniversario della nascita di Puškin, ricordiamo questo importante letterato leggendo una delle sue poesie, dedicata ad un amore mai dimenticato: “Ricordo il magico istante”.

Ricordo il magico istante di Puškin

Ricordo il magico istante:
Davanti m’eri apparsa tu,
Come fuggevole visione,
Genio di limpida beltà.

Nei disperati miei tormenti,
Nel chiasso delle vanità,
Tenera udivo la tua voce,
Sognavo i cari lineamenti.

Anni trascorsero. Bufere
Gli antichi sogni poi travolsero,
Scordai la tenera tua voce,
I tuoi sublimi lineamenti.

E in silenzio passavo i giorni
Recluso nel vuoto grigiore,
Senza più fede e ispirazione,
Senza lacrime, né vita e amore.

Tornata è l’anima al risveglio:
E ancora mi sei apparsa tu,
Come fuggevole visione,
Genio di limpida beltà.

E nell’ebbrezza batte il cuore
E tutto in me risorge già –
E la fede e l’ispirazione
E la vita e lacrime e amore.

Un amore “magico”

“Ricordo il magico istante” è una poesia che rimane impressa per la sua dolcezza. Immaginiamo quanto sia forte l’amore che Puškin prova per la donna protagonista del componimento, una donna che è “genio di limpida beltà”, meravigliosa, di ineguagliabile bellezza. Una donna che è capace di rendere più bella la vita del poeta, che con la sua presenza riesce a mitigare ogni tormento.

Il componimento di Puškin si divide, infatti, in due momenti distinti: nei momenti in cui la visione della donna amata è presente, è come se questa irradiasse di luce e bellezza anche l’esistenza dell’io lirico; nei momenti in cui invece la donna è assente, il mondo torna quel luogo grigio da cui il poeta vorrebbe fuggire.

L’assenza della donna determina sensazioni negative, fra tutte l’apatia: il protagonista sta in silenzio, “recluso nel vuoto grigiore”, privo di felicità, ma anche privo di qualunque altro sentire. Non è forse così anche per ciascuno di noi? In fondo, in questa bellissima poesia, Puškin descrive con le sue doti magistrali qualcosa che appartiene al sentire di ognuno di noi, perché è certo che, almeno una volta nella vita, tutti ci siamo sentiti così, felici da poter toccare il cielo con un dito e pieni di ispirazione con il nostro amore accanto, e svuotati di vita, persino di senso, senza di lui.

 

 

© Riproduzione Riservata