Sei qui: Home » Poesie » “Il tempo”, la poesia sul senso del tempo che scandisce le nostre vite
poesie d'autore

“Il tempo”, la poesia sul senso del tempo che scandisce le nostre vite

Il tempo è una poesia bellissima di Jorge Louis Borges, per riflettere sul senso del tempo che passa.

Il tempo è un fiume che mi trascina. Così inizia la poesia di Jorges Louis Borges, che riflette proprio sul senso del tempo che scorre, che scandisce le nostre vite. Il tempo, spesso, come riflette il poeta, diventa nostro nemico nel momento in cui lo lasciamo divorare i nostri giorni. Borges, saggista e scrittore, particolarmente influente nel ventunesimo secolo, è ancora oggi molto letto per le sue riflessioni filosofiche, unite alla fantasia e alla narrazione.

Il tempo che scandisce le nostre vite

Viviamo osservando il tempo, protagonista indiscusso, che scandisce le nostre giornate, le nostre scelte, emozioni. Il tempo è attesa, è desiderio, è sofferenza, come se fosse un qualcosa di vivente. Borges, interrogandosi proprio sulla sua importanza, lo paragona ad un fiume, ad una tigre, come se il suo essere superiore alla vita, spesso, lo portasse a condizionare totalmente le nostre scelte e il nostro essere. E nonostante il tempo sia quella tigre in grado di divorarlo e divorarci, anche noi prendiamo parte alla “scena” e diventiamo quell’animale, quel fiume. Diventiamo complici, un tutt’uno con quella forza. La realtà è questa e il poeta si arrende davanti ad essa. Una realtà che vede i giorni passare, le persone invecchiare, i fiori appassire. Il mondo gira in questo modo e noi non possiamo farci niente. Perciò, questa è la condizione reale che viviamo e noi siamo, disgraziatamente (come scrive Borges), dei semplici esseri umani che sottostanno a questa verità.
Il tempo passa e noi passiamo insieme a lui. Bisogna solo saperlo prendere per mano.

Il tempo, la poesia

Il tempo è un fiume che mi trascina,
ma sono io quel fiume;
è un tigre che mi divora,
ma sono io quella tigre;
è un fuoco che mi consuma,
ma sono io quel fuoco.
Il mondo, disgraziatamente, è reale;
io, disgraziatamente, sono Borges.

 

Stella Grillo

© Riproduzione Riservata