Sei qui: Home » Lingua Italiana » Perché si dice “Fare la cresta”, l’origine del modo di dire
modi di dire

Perché si dice “Fare la cresta”, l’origine del modo di dire

Avrete sicuramente sentito, e magari anche utilizzato, l'espressione "Fare la cresta". Come nasce? Scopriamo l'origine del modo di dire 

Avrete sicuramente sentito, e magari anche utilizzato, l’espressione “Fare la cresta”. Spesso viene utilizzato in contesti legati a trattative, durante i quali si pattuisce uno scambio… non sempre equilibrato, oppure nei quali si dà maggiore valore a qualcosa rispetto all’effettivo valore. Ma come nasce tale espressione?  Nonostante si tratti di una locuzione molto utilizzata e comune, probabilmente non tutti conoscono l’origine di questo modo di dire. Scopriamola insieme.

Cosa significa “Fare la cresta”

L’espressione fare la cresta viene usata per indicare qualcuno intento ad appropriarsi qualcosa in più rispetto al dovuto. Il termine ha origini “bucoliche”. Nell’antichità i contadini erano soliti aggiungere alla loro cucina un condimento, chiamato “agresto”, ricavato dall’uva poco matura. Per preparare il condimento i contadini venivano mandati nelle vigne per cogliere solo l’uva ancora poco matura. In realtà spesso i contadini raccoglievano anche l’uva buona da tenere per sé. Questo gesto ha preso il nome di “fare l’agresto” che, col tempo si è trasformato in “fare la cresta”.

Perché diciamo così

Espressioni idiomatiche come “fare la cresta” sono protagoniste all’interno del libro “Perché diciamo così” (Newton Compton), opera scritta dal fondatore di Libreriamo Saro Trovato contenente ben 300 modi di dire catalogati per argomento, origine, storia, tema con un indice alfabetico per aiutare il lettore nella variegata e numerosa spiegazione delle frasi fatte. Un lavoro di ricerca per offrire al lettore un “dizionario” per un uso più consapevole e corretto del linguaggio. Un “libro di società” perché permette di essere condiviso e di “giocare” da soli o in compagnia alla scoperta dell’origine e dell’uso corretto dei modi di dire che tutti i giorni utilizziamo. Un volume leggero che vuole sottolineare l’importanza delle espressioni idiomatiche. Molte di esse sono cadute nel dimenticatoio a causa del sempre più frequente utilizzo di espressioni straniere e anglicismi. 

 

 

© Riproduzione Riservata