Sei qui: Home » Lingua Italiana » Burnout Genitoriale, cos’è e come si combatte o previene
Burnout Genitoriale e Covid

Burnout Genitoriale, cos’è e come si combatte o previene

Burnout Genitoriale e Covid: cos‘è, quali sono i sintomi e come combattere lo stress genitoriale all’interno della famiglia.

Fare il genitore è davvero un lavoro duro. E questa pandemia ha messo a dura prova ruoli e responsabilità all’interno della famiglia.  Ma quando parliamo di burnout genitoriale, non stiamo parlando solo di faccende domestiche e responsabilità familiari. È più complicato di così. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Cos’è il burnout genitoriale?

La definizione ufficiale di burnout secondo l’ICD-11 dell’OMS è: Il burn-out è una sindrome concettualizzata come risultante dallo stress cronico sul posto di lavoro che non è stato gestito con successo. È caratterizzata da tre dimensioni:

Sensazioni di esaurimento dell’energia o di esaurimento, aumento della distanza mentale dal proprio lavoro, o sentimenti di negativismo o cinismo relativi al proprio lavoro. Ridotta efficacia professionale.

Ora adattiamo gli stessi sintomi ma nel contesto genitoriale e familiare.

1. Esaurimento

Il genitore si sente fisicamente ed emotivamente esausto. Questo è il risultato, naturalmente, della privazione del sonno, l’accumulo di troppe responsabilità, l’homeschooling (specialmente ora con la pandemia), e il cercare di soddisfare tutti i bisogni dei loro figli e allo stesso tempo trascurare (o addirittura avere zero tempo) di prendersi cura dei propri bisogni (di base).

2. Distanza emotiva

In secondo luogo, il genitore si sente emotivamente distante dai propri figli, non si sente connesso. A volte, non si divertono nemmeno più a fare i genitori. Perdono il senso di gioia nel fare il genitore. Giocano con i loro figli, ma non sono mentalmente o emotivamente presenti; è il contrario: si sentono mentalmente ed emotivamente vuoti.

3. Inefficacia

Il genitore sente la sensazione di essere inefficace, la sensazione di fare un pessimo lavoro come genitore.

4. Senso di Colpa

C’è molto senso di colpa nel dire “no” ad alcune delle richieste dei genitori e dire sì ad alcune meritate ricompense. Questo perché un genitore sente che questo è ciò che significa essere una madre o un padre: non chiedere nulla in cambio, e quindi non si dovrebbe lamentare delle difficoltà. Questo è il senso di colpa nell’ammettere che si fa fatica, questo è il senso di colpa nel chiedere aiuto, questo è il senso di colpa nell’ammettere errori, paure, vulnerabilità.

Conseguenze del burnout genitoriale

Le conseguenze del burnout genitoriale possono essere diverse e, soprattutto con la pandemia di Covid, l’incidenza di questa sindrome oscilla fra il 2% e il 12%, il che significa che al meglio 2 genitori su 100 soffrono di questa sindrome.

Mirta Mattina, psicologa e psicoterapeuta, referente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio per la psicologia perinatale ha detto a riguardo “l’emergenza da Covid-19 ha acuito quelle difficoltà che già avrebbero dovuto affrontare in situazioni di normalità, come l’isolamento sociale, il sovraccarico del lavoro di cura e l’assenza di supporto esterno”.

Come recuperare / sfuggire al burnout

Per affrontare, prevenire o riprendersi dal burnout, dobbiamo innanzitutto parlarne. Dobbiamo permettere ai genitori di uscire allo scoperto e parlare. Naturalmente, una grande parte del recupero dal burnout è la cura di sé e l’attenzione ai propri bisogni personali. Ma prima di stabilire un po’ di auto-cura per i genitori che stanno lottando con il burnout genitoriale, parliamo delle priorità.

Se il genitore ha lavorato tutto il giorno, e in cima a questo, la pandemia sta aggiungendo l’homeschooling e responsabilità extra sulle loro spalle, quanto è importante avere una casa splendente e pulita, biscotti fatti in casa, vestiti stirati, o cupcakes fatti in casa per la festa della scuola? Forse è importante. Ma se, per fare questi compiti precedentemente menzionati, il genitore ha sacrificato la poca energia che gli era rimasta e non ne è rimasta nessuna per le coccole, il tempo di qualità, il divertimento e la connessione con i figli, allora metterei in dubbio queste priorità.

Quindi, spostiamo alcune priorità. Cosa pensate sia importante nella vostra famiglia? Cupcakes, una casa pulita e scatole per il pranzo che nessuno ricorderà, o coccole, divertimento e ricordi gioiosi che i vostri figli custodiranno per sempre?

Non siete soli

Il burnout non è l’assenza di tempo o di energia. Il burnout è il risultato di squilibri di tempo e di energia mal riposta su priorità confuse. Cari genitori, ricordate: non siete soli.

 

 

Stella Grillo 

© Riproduzione Riservata