Novità digitali

Un’app condensa un libro in 20 minuti di lettura, ma la usereste?

Si chiama Joosr e si tratta di una app che riassume i romanzi trasformandoli in pochi minuti di lettura. Alcuni lettori la adorano, altri la condannano, voi cosa ne pensate?
Libro da leggere

MILANO – E se fosse possibile leggere un intero libro in meno di un’ora? Essiste un’applicazione che riassume libri in pochi minuti di lettura. Alcuni studenti sommersi dai compiti potrebbero esultare, ma molti considerano questa operazione un attentato a tutti coloro che amano i libri e la lettura.  L’applicazione si chiama Jossr, scaricabile cliccando qui, e ne parla Bustle.com, e si definisce l’app perfetta per aiutare le persone molto occupate a trovare il tempo di leggere riassunti che prendono al massimo 20 minuti. Cosa pensate di questa iniziativa? 

.

APP CONTROVERSE – Partendo dal fatto che nessuna opera d’intelletto dovrebbe essere riassunta, perché ogni sua parte è fondamentale per capire cosa vuole comunicare l’autore, se per acluni libri goliardici può risultare accetabile, per la saggistica proprio non si riesce a concepire come un libro di centinaia di pagina possa essere riaassunto in poche decine. Joosr, che è disponibile su iOS, offre 20 minuti di sintesi libri di saggistica. Blinkist, invece, promette di offrire riassunti da leggere in 15 minuti. I detrattori di Joosr sottolineano che questa app è anche a pagamento, 4,50 euro al mese per un accesso completo a tutto il catalogo dell’applicazione. Ma con tutte le informazioni che si possono trovare su Internet relative a un libro, conviene pagare per leggere un riassunto? 

.

LEGGI ANCHE: 10 TRUCCHI PER LEGGERE DI PIU’

.

PRO E CONTRO – Sebbene questo tipo di applicazioni vengano criticate da gran parte degli amanti della lettura, entrambe le applicazioni vantano una base di utenti molto ampia. Nonostante le app promettano di fornire tutte le informazioni necessarie è impossibile che riepilogando un libro non si perdano utili principi su cui quel libro è costruito. Vien da sé che quando si riassume un libro, diventa un riassunto e perde il suo titolo di romanzo. Diane Shipley, una giornalista del The Guardian, ha affermato di aver trovato un sacco di valore in queste applicazioni.”E ‘facile dimenticare che per molte persone, la scelta non è tra la lettura di Gillian Flynn e Gustave Flaubert, ma tra lettura e non”, scrive. Essere in grado di ottenere le informazioni più importanti su un argomento importante tramite un app è, secondo lei, utile, e ha trovato che le sintesi potrebbero essere brevi ma efficaci. I sostenitori di queste app hanno più volte affermato che chi vuole essere più preparato su un argomento può sempre approfondirlo quando vuole. Il rischio più grande che si corre, però, è dimenticare che i libri hanno determinata lunghezza per un motivo e una degli aspetti della lettura è cercare di scoprirlo. 

.

© Riproduzione Riservata
Commenti