LIBRI - La ventottesima edizione

Tutto pronto per il Salone del Libro 2015

Un’edizione particolare, dedicata alle meraviglie d’Italia. Il programma della ventottesima edizione del Salone del libro di Torino è ormai ufficiale, negli spazi dei padiglioni 1, 2, 3 e 5 del Lingotto fiere, dal 14 al 18 maggio. Gli orari di apertura sono giovedì...

TORINO – Un’edizione particolare, dedicata alle meraviglie d’Italia. Il programma della ventottesima edizione del Salone del libro di Torino è ormai ufficiale, negli spazi dei padiglioni 1, 2, 3 e 5 del Lingotto fiere, dal 14 al 18 maggio. Gli orari di apertura sono giovedì, domenica e lunedì dalle 10 alle 22, venerdì e sabato dalle 10 alle 23.

 

TEMA CONDUTTORE – Il tema conduttore è Le meraviglie d’Italia, richiamato anche dall’immagine dell’agenzia Simonetti Studio di Torino, che riprende il celebre ritratto di Goethe nella campagna romana settecentesca, aggiornandola alle tematiche dell’oggi. Un tributo anche al Paese ospite, la Germania, che affianca con un posto d’onore gli stand di altri Paesi stranieri, quali Albania, Arabia Saudita, Azerbaigian, Brasile, Israele, Kazakhstan, Mozambico, Perù, Polonia, Romania, Santa Sede, Turchia.

 

I PROTAGONISTI – La Regione ospite è il Lazio, e l’assessore alla cultura della Regione Lidia Ravera è anche la madrina del Salone stesso. Le altre Regioni presenti sono Calabria, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta e ovviamente Piemonte. Ci sono tutti gli editori noti e tradizionalmente presenti, sia i grandi gruppi che i piccoli e medi, ma anche ottanta nuovi espositori, trentun nuove presenze nell’Incubatore e lo spazio Officina Editoria di progetto nel padiglione 1, curato da Giuseppe Culicchia, su editoria e librerie indipendenti. Torna anche il Bookstock Village per i giovani lettori e Casa Cookbook, con editori, degustazioni, conferenze, oltre allo spazio per i chocolatiers piemontesi.

 

L’INAUGURAZIONE – Ad inaugurare il Salone ci sarà il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, tra gli altri ospiti istituzionali si segnalano il ministro dei beni culturali Dario Franceschini, dell’istruzione Stefania Giannini, del lavoro Giuliano Poletti, la presidente della Camera Laura Boldrini, il senatore Franco Marini e il sindaco di Torino Piero Fassino.

 

GLI AUTORI – Ovviamente però i più attesi e amati saranno gli autori e le autrici e in generale chi si occupa di cultura, con conferme e scoperte, da Philippe Daverio a Vittorio Sgarbi, da Flavio Caroli a Melania Mazzucco, da Vanessa Diffenbauch a Valerio Massimo Manfredi, da Antonio Scurati a Camilla Lackberg, da Antonia Arslan a Corrado Augias, da Margherita Oggero a Massimo Gramellini, senza dimenticare gli autori tedeschi, come il giornalista d’inchiesta Gunther Walraff, il filosofo Markus Gabriel, l’egittologo Jan Assman, maestro di Christian Greco, attuale direttore del Museo Egizio di Torino.

 

GLI EVENTI PIU’ ATTESI – Tra gli eventi del Salone, l’uscita postuma della fiaba morale La piuma di Giorgio Faletti, ma anche il tributo a Pasolini nel quarantennale della morte e a Dante nel 750° anniversario della nascita. Del resto, gli ospiti del Salone non sono solo politici o scrittori, ma anche cantanti come Roberto Vecchioni e Francesco Guccini, attori e attrici come Angela Finocchiaro, Giacomo Poretti, Cristina Capotondi, Alba Rohrwacher, registi come Ferzan Ozpetek e Pupi Avati.  Un programma intenso, che coinvolgerà anche le Circoscrizioni di Torino e vari Comuni della cintura con il Salone off, a fronte comunque di un biglietto che resta sempre uguale come prezzo, 10 euro, ridotti a otto, con nuovi spazi interni di ristoro per vegetariani, celiaci e operatori del settore. 

 

Elena Romanello

 

5 maggio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti