Stefano Piccirillo, ”Nel mio libro spiego come è possibile cambiare la propria vita in 24 ore”

Ventiquattr'ore per cambiare vita, per mettere fine ad una devastante precarietà esistenziale e lavorativa. E' quanto accade ad Alex, l'architetto quarantenne protagonista di “Dalle 8:00 alle 8:00”, l’ultimo romanzo di Stefano Piccirillo, voce storica della radiofonia italiana, giunto alla sua terza avventura editoriale...

L’8 dicembre esce in libreria “Dalle 8:00 alle 8:00”, il nuovo libro del deejay scrittore. In allegato il primo capitolo del libro 

MILANO – Ventiquattr’ore per cambiare vita, per mettere fine ad una devastante precarietà esistenziale e lavorativa. E’ quanto accade ad Alex, l’architetto quarantenne protagonista di “Dalle 8:00 alle 8:00”, l’ultimo romanzo di Stefano Piccirillo, voce storica della radiofonia italiana, giunto alla sua terza avventura editoriale. Patrocinato dell’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale, il libro uscirà ufficialmente l’8 dicembre.
 
GENERAZIONE A META’ – “Dalle 8:00 alle 8:00” (Edizioni C’era una volta) è “la cronaca profonda e disperata dell’esistenza di una generazione di mezzo – scrive Sandro Petrone, inviato Rai, che ne ha curato la prefazione – . Mezza età ma, soprattutto, presa a metà fra la devastante eredità ricevuta dai padri accaparratori del dopoguerra italiano e i giovani immobilizzati in un post-benessere desertificato. (…) Fa vivere in presa diretta la catena di circoli viziosi in cui siamo andati a imprigionarci, depistati dalla società della  Globalizzazione, polverizzando i rapporti umani essenziali, in primo luogo quello fra uomo e donna, fino a non ritrovarci più, in una continua ricerca che conduce dritto all’autoreferenzialità, all’insoddisfazione, alla solitudine”.

 

IL PROTAGONISTA – Alex, in effetti, è un ex figlio del benessere, molto viziato. Ha vissuto bene e comodamente quando all’improvviso la sua esistenza viene messa in gioco dalla perdita del lavoro. Si ritrova da un giorno all’ altro nel mondo dei quarantenni precari. Con un problema in più: il suo brutto carattere. Ha un rapporto con le cose e le persone “a tempo”. Facile a nuovi entusiasmi e difficile a viverli con costanza. Ha 24 ore per ricominciare una nuova vita, dalle 8:00 alle 8:00 del giorno dopo, dove gli capita ciò che vorrebbe sempre e ciò che non vorrebbe mai. Le donne e la sua ex moglie, i colleghi di un lavoro che non ha più, gli stagisti e gli amici di una vita, le conoscenze al bar, i viaggi e gli incidenti. Nuovi incontri e vecchie abitudini dure a resistere. La forza dell’incoscienza e la debolezza di un cuore fragile che lo trascinano, di ora in ora, in storie ed emozioni nuove.

 

CAMBIARE TUTTO IN 24 ORE – “Più volte – spiega l’autore, Stefano Piccirillo – mi sono trovato a pensare come oggi, più di ieri,  il tempo divori tutto: a tutte quelle cose che iniziano e finiscono nel giro di pochissimo. In 24 ore, appunto. A come spesso lasciamo andare incontri e occasioni che magari, chissà, avrebbero potuto cambiarci la vita. Capita anche a me e a volte, a fine giornata, mi ritrovo a pensare a quante cose siano passate nella mia vita e a quante non abbia prestato la benché minima attenzione, preso da questa folle corsa che, spesso, non porta a niente. Da qui l’idea di concentrarle tutte in 24 ore e immaginare cosa potrebbe capitare ad un uomo, ad Alex appunto, se, invece di lasciarle andare, decidesse di viverle”.

 

L’AUTORE – Stefano Piccirillo è una delle voci storiche della Radio italiana. Da 29 anni la sua vita è legata ad un microfono e, da qualche tempo, alla passione per la scrittura. Nella sua carriera di radiofonico: Rtl 102.5, Rds, One o One, Radio 2 e naturalmente, da 10 anni, è a Radio Kiss Kiss dove conduce "Your Kiss" e "Kiss Kiss Weekend". È docente di comunicazione presso l’Accademia di Stefano Jurgens dove insegna agli allievi i segreti per diventare le nuove voci dell’FM. Scrive di musica e spettacolo su quotidiani e periodici come Il Mattino, Gloss Magazine e Starbene. È la voce fresca del doppiaggio italiano: Die Hard 4, Fame, Ti lascio perché ti amo troppo e decine di film, telefilm e spot che hanno impressi la voce di Stefano. Attore di teatro con Roberto Ciufoli per lo spettacolo Lunedi Non Riposo e nelle fiction Un posto al Sole e La Nuova Squadra. Esordisce come scrittore nel 2010 con "La mia guarigione", seguito nel 2011 da "Dieci Canzoni Una Vita". Nel 2012, con "Dalle 8:00 alle 8:00" continua ad affermarsi quale autore originale di pagine di vita contemporanea.

 

5 dicembre 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti