Oggetti da booklover

I segnalibri più belli con cui personalizzare i propri libri

I segnalibri sono gli oggetti originali che i booklover amano collezionare per decorare e rendere più unici i propri libri. Eccone alcuni davvero originali
I segnalibri più belli con cui personalizzare i propri libri

MILANO – Tra la moltitudine di lettori del mondo, ci sono coloro che utilizzano qualsiasi oggetto per indicare il punto in cui sono arrivati, dai biglietti del treno, alle cartoline; coloro che piegano le pagine creando le famose orecchie e chi invece conserva il libro in modo quasi religioso, segnando le pagine con un originale segnalibro, che possa stimolare la lettura e che possa dare personalità al lettore. I segnalibri infatti offrono due vantaggi: invogliano ad afferrare il libro e a buttarsi nella lettura, contribuiscono al nostro stile di lettori, differenziandoci dagli altri e aumentando la nostra personalità.
Certo il modo migliore per avere un bel segnalibro è fabbricarselo da sé, ma per i più pigri ce ne sono alcuni d’artigianato davvero carini. Eccone alcuni.

Segnalibro a forma di fiore

Questi segnalibri sono fatti a mano all’uncinetto, ideati per ornare i libri in modo delicato, romantico e originale.

Segnalibro a forma di gatto 

Un segnalibro simpatico, confezionato in feltro, con le sue morbide zampine saprà indicarti dove hai abbandonato la lettura.

Di cuoio

image 0

Più classici, questi segnalibri sono perfetti per i booklover in quanto sono fatti di pelle conciata, sono decorati con una foglia o con un nodo celtico e sono flessibili, senza il rischio di sciuparsi nelle borse o negli zaini pieni di libri.

Segnalibro con gambe da strega

Originale e creativo, questo è un modo simpatico per lasciare un segno nei propri libri, dimostrando di essere scherzosi e divertenti.

Segnalibro con fascia elastica

image 0

Elegante, sofisticato e delicato, questo segnalibro è diverso da tutti gli altri proposti, in quanto non si inserisce tra le pagine, ma, essendo fornito di un elastico, si avvolge attorno al libro intero, rivelando la sua bellezza a volume aperto.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti