Marguerite Yourcenar, la storia d’amore con Grace Frick

Marguerite Yourcenar è la prima donna che, andando contro corrente e vivendo relazioni omosessuali, riesce a sedere tra gli Immortali dell'Accademia francese
marguerite yourcenar storia amore grace frick

MILANO – La morte della madre a pochi giorni dal parto, l’indifferenza del padre, e, più avanti, la scoperta dell’omosessualità. La vita di Marguerite Yourcenar, pseudonimo di Marguerite Antoinette Jeanne Marie Ghislaine Cleenewerck de Crayencour, è stata colma di difficoltà e incertezze.

Nata nel 1903 a Bruxelles da una famiglia franco-belga, Marguerite perse la madre a dieci giorni di vita, deceduta a causa delle febbre puerperale che a quel tempo mieteva ancora moltissime donne. Il padre la affidò immediatamente alle cure di una balia, e si disinteressò di lei finché non diventò più grande. Ubriacone e affetto dal demone del gioco d’azzardo, sperperò il patrimonio familiare e si indebitò fino al collo. La piccola Marguerite, però, fin da piccola mostrò di avere un’intelligenza fuori dal comune, e un singolare interesse per le materie classiche. A soli 8 anni inziò ad appassionarsi alle opere di Racine e Aristofane, a 10 anni imparò il latino e a 12 il greco. Dieci anni dopo, sotto lo pseudonimo di Marguerite Yourcenar (anagramma di Crayencour), pubblicò la sua prima raccolta di poesie.

Coup de grâce

Nel 1937 Marguerite fece l’incontro che cambiò per sempre la sua vita. Si trovava a Parigi, e lì conobbe Grace Frick, un’accademica americana insegnante di letteratura inglese. Quello con Grace fu un colpo di fulmine, di quelli che non si dimenticano più: Marguerite capì che nel suo cuore non ci sarebbe più stato posto per gli uomini. Essere una donna omosessuale negli anni Trenta non era facile, ma la storia d’amore con Grace durò 40 anni, durante i quali le due donne si furono sempre fedeli.

La guerra e gli USA

Nel 1939 scoppiò la seconda guerra mondiale. Grace e Marguerite decisero di emigrare negli Stati Uniti, inizialmente pensando di restarvi pochi mesi. Vi restarono per dodici anni. Fu un periodo difficilissimo, di gravi ristrettezze economiche e tanta fatica. Lei e Grace andarono a convivere, prima a New York e poi a Hartford, nel Connecticut.  Grace, a fine 1942, le trovò un posto part-time da insegnante. Si tratta del periodo più cupo della sua vita, segnato da sacrifici, che avrà fine solo con la pubblicazione delle Mémoires d’Hadrien (Memorie di Adriano), un romanzo concepito come una lunga lettera scritta dall’imperatore Adriano in cui racconta la sua vita privata.

La malattia di Grace

Le due intraprendono una serie di viaggi per il mondo, ma, a causa della malattia di Grace, che da anni soffriva di tumore, diventano sempre più radi. Nel 1974 Marguerite pubblica Care memorie, il primo romanzo della trilogia sulla sua famiglia, composta in seguito da Archivi del nord e Quoi, l’Éternité? Grace Frick muore nel 1979.

Un nuovo amore: Jerry Wilson. L’Accademia francese

Marguerite si riaffaccia al mondo grazie alla conoscenza di Jerry Wilson, un giovane studente gay americano, a cui la scrittrice si lega passionalmente. Insieme compiono lunghi viaggi, tra cui quello che la conduce a sedere, come prima donna, tra gli Immortali scandalizzati nell’Accademia francese di Parigi. Anche Jerry Wilson non le sopravvisse e morì nel 1986 per HIV. La scrittrice morì il 17 dicembre 1987 nel Maine.

© Riproduzione Riservata