LIBRI - L'iniziativa di Nati per Leggere in occasione della Giornata dell'Infanzia

Giornata dell’Infanzia, Nati per Leggere sostiene il diritto alle storie per i bambini

Nati per Leggere, da 15 anni, si propone di fornire ai genitori gli strumenti per creare un legame indissolubile con il proprio bambino, attraverso la pratica della lettura condivisa. Per il bambino il suono della voce del genitore è il primo ponte che lo collega al mondo...

Domani, 20 novembre, si celebrerà la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Quest’anno, anche Nati per Leggere, invita le famiglie a sostenere il DIRITTO alle STORIE delle bambine e dei bambini con una simpatica iniziativa

MILANO – Nati per Leggere, da 15 anni, si propone di fornire ai genitori gli strumenti per creare un legame indissolubile con il proprio bambino, attraverso la pratica della lettura condivisa. Per il bambino il suono della voce del genitore è il primo ponte che lo collega al mondo esterno e alla sua famiglia. Attraverso le parole dei libri la relazione tra genitori e figli si intensifica, essi entrano in contatto e in sintonia grazie al filo invisibile delle storie e alla magia della voce. Ecco perché è importante leggere insieme.

GIORNATA DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA – Nella giornata di giovedì 20 novembre le famiglie verranno invitate da Nati per Leggere ad apporre sulla porta della propria abitazione o sotto il campanello la targhetta “Qui abita una famiglia nataperleggere” e a postarne la foto sulla Pagina Facebook Nazionale del Programma.

L’OBIETTIVO – Nati per Leggere opera affinchè non manchino mai da parte degli adulti tempo, voce e storie; e che ci siano in ogni città, in ogni paese, da nord a sud, sulle isole e sulle cime delle montagne, spazi riservati alle storie belle, di qualità, che nutrono e aiutano a crescere, da leggere tutti insieme, #abassavoce.

COME PARTECIPARE – Tutte le famiglie, ovviamente, sono invitate a partecipare, basta solo richiedere la targhetta “Qui abita una famiglia nataperleggere” all’indirizzo mail [email protected].

19 novembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti