Premio Strega, grande attesa per la finale di stasera

Con la seconda votazione e la proclamazione del vincitore si conclude stasera, al Ninfeo di Villa Giulia, la 67a edizione del Premio Strega, promosso dalla Fondazione Bellonci in collaborazione con Liquore Strega...
A Roma, Ninfeo di Villa Giulia, si tiene la seconda votazione e la proclamazione del vincitore

MILANO – Con la seconda votazione e la proclamazione del vincitore si conclude stasera, al Ninfeo di Villa Giulia, la 67a edizione del Premio Strega, promosso dalla Fondazione Bellonci in collaborazione con Liquore Strega. Il premio, di 5.000 euro, viene assegnato all’autore del libro più votato tra i cinque titoli finalisti, ciascuno proposto da due giurati in veste di garanti della qualità dell’opera:

•    Mandami tanta vita (Feltrinelli) di Paolo Di Paolo
Presentato da Gad Lerner e Rosetta Loy

•    Le colpe dei padri (Piemme) di Alessandro Perissinotto
Presentato da Gianluigi Beccaria e Eva Cantarella

•    Figli dello stesso padre (Longanesi) di Romana Petri
Presentato da Alberto Asor Rosa e Salvatore S. Nigro

•    Resistere non serve a niente (Rizzoli) di Walter Siti
Presentato da Alessandro Piperno e Domenico Starnone

•    Nessuno sa di noi (Giunti) di Simona Sparaco
Presentato da Valeria Parrella e Aurelio Picca

TRADIZIONE CHE SI RIPETE
– Ogni anno la seconda votazione, lo spoglio dei voti scanditi ad alta voce e la proclamazione del vincitore si ripetono seguendo una tradizione che risale all’alba del secondo dopoguerra. Nel 1944, in una Roma non ancora liberata, cominciò a prendere vita intorno a Maria e Goffredo Bellonci il gruppo degli Amici della domenica, che nel 1947, grazie all’illuminata adesione del giovane industriale Guido Alberti, decisero di fondare con il Premio Strega un’istituzione capace fin da subito di riaccendere il dibattito culturale nella nuova stagione della democrazia e della libertà.

PROTAGONISTI DELLA SOCIETA’ CULTURALE ITALIANA
– Grazie all’impegno della Fondazione Bellonci, presieduta da Tullio De Mauro, la serata finale del Premio continua a riunire i protagonisti della società culturale italiana che negli anni hanno raccolto il testimone dei primi Amici della domenica (nell’edizione del 1947 erano presenti, tra gli altri, Aleramo, Alvaro, Banti, Brancati, Debenedetti, Flaiano, Longhi, Maccari, Manzini, Morante, Moravia, Palazzeschi, Pannunzio, Piovene). Secondo la formula di rito, alle ore 21.30 il presidente di seggio Alessandro Piperno, vincitore del Premio nel 2012, dà il via alle operazioni di voto. Quest’anno, per la prima volta, sul nuovo sito i giurati hanno potuto votare i libri anche per via telematica. I voti online si sono aggiunti a quelli espressi mediante la tradizionale scheda cartacea.

I VOTI – L’esito della votazione è determinato quest’anno dalle preferenze espresse dei 400 Amici della domenica (in cui sono inclusi quindici voti collettivi di scuole, istituti culturali e circoli di lettura), cui si aggiungono i voti di 60 lettori “forti” segnalati da 30 librerie associate all’ALI distribuite in tutto il Paese: À la page (Aosta), Alterocca (Terni), Altroquando (Roma), Arion Eritrea (Roma), Cavallotto (Catania), De Agostini La Talpa (Novara), Dante (Ravenna), De Luca (Chieti), Galla 1880 (Vicenza), Gulliver (Torino), Hoepli (Milano), Koinè (Sassari), I Granai (Roma), Il Campanile (Caravaggio), Laterza (Bari), Liberrima Socrate (Lecce), Libraccio La Cerchia (Milano), Libro più (Genova), Lieto (Napoli), Modusvivendi (Palermo), Molise Scuola (Campobasso), Piazza della Repubblica Libri (Cagliari), Rinascita (Ascoli Piceno), Rinascita (Empoli), Roma (Bari), Rosmini (Rovereto), Scientifica editrice Pisanti (Napoli), Tavella (Lamezia Terme), Volare (Pinerolo), Traverso (Vicenza).

LA PROCLAMAZIONE
– Al termine della votazione, si procede allo scrutinio dei voti, puntualmente registrato sulla storica lavagna che troneggia sul palco ad ogni finale del Premio. Anche quest’anno lo spoglio delle schede fino alla proclamazione del vincitore viene seguito dalle 23.30 in diretta televisiva su Rai Uno, condotta da Villa Giulia da Laura Chimenti e Antonio Caprarica.

4 luglio 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti