Novità autunnali, le letture proposte da Frassinelli

Ricca e variegata è la proposta editoriale di Frassinelli, marchio facente capo a Sperling e Kupfer, per questo autunno...

Dalla narrativa alla saggistica, numerose ed interessanti sono le proposte di lettura per questo autunno

MILANO – Ricca e variegata è la proposta editoriale di Frassinelli, marchio facente capo a Sperling e Kupfer, per questo autunno. Dalla narrativa alla saggistica, tante sono le proposte  in grado di soddisfare gusti ed esigenze di tutti i lettori. Per quanto concerne la narrativa, segnaliamo “La galleria dei mariti scomparsi” di Natasha Solomons, un testo in cui una moglie perfetta scopre le gioie della libertà nella Londra degli anni Sessanta. Appassionante storia d’amore è invece quella narrata ne L’isola senza nome” della scrittrice americana Rebecca Wlaker, in cui i due protagonisti si trovano costretti a dover fronteggiare diverse avversità per poter portare a compimento il loro sogno, quello del matrimonio. La saggistica propone invece “Il libro dell’abbondanza”, testo a cura di Igor Sibaldi che propone utili ed interessanti consigli su come superare le proprie paure ed imparare ad essere un vincitore.

La protagonista de “La galleria dei mariti scomparsi” è  Juliet, una donna cresciuta secondo i crismi della figlia perfetta: mai un atto di ribellione, mai un gesto scomposto. Poi si è sposata e ha fatto le cose giuste per diventare una moglie irreprensibile, ordinata e obbediente. Però suo marito, a un certo punto, svanisce nel nulla, senza lasciare traccia. E Juliet inizia a cambiare: il giorno del suo trentesimo compleanno esce per acquistare un frigorifero, e finisce per regalarsi il ritratto che le fa un affascinante quanto alternativo pittore. Sono gli anni Sessanta, le ragazze indossano minigonne, i Beatles rivoluzionano la musica e Juliet scopre la libertà. Almeno finché non riesce a svelare il mistero del marito scomparso.

Quando una ragazza americana di vent’anni decide di partire con un’amica per l’Africa, quello che immagina è una vacanza esotica e avventurosa: e infatti troverà ad accoglierla la straordinaria ricchezza dei paesaggi e l’inebriante intensità dei profumi. E’ questa l’ambientazione che fa da sfondo a ‘L’isola senza nome’.  Quello che non poteva aspettarsi è l’incontro con l’amore, quello vero, totale e assoluto, con Adè, un intagliatore di legno. La ragazza si adatta subito alla scarsità di risorse dell’isola, alla lingua swahili e alla religione mussulmana. Adè vuole sposarla ma la tradizione impone che lui chieda la sua mano ai genitori. I due si recano quindi a Nairobi per ottenere il passaporto per gli Stati Uniti ma qui troveranno un’Africa differente, fatta di violenza e corruzione. E la ragazza si troverà costretta a rientrare negli Stati Uniti. Molto più di una storia d’amore e molto più di un romanzo di viaggio, L’isola senza nome è la storia di una trasformazione: il ponte tra due mondi e due culture. Un romanzo indimenticabile e pieno di poesia, dove le parole sono come la vegetazione in Africa: scarse ma essenziali, vivide e impressionanti.

Commovente e vero, “La cucina delle spezie” intreccia la vita e i ricordi di una donna indiana da molti anni in America con il sapore e gli aromi delle ricette che accompagnano da sempre la sua esistenza. È lei a raccontare la storia di una famiglia in bilico tra due mondi, fino al giorno in cui è costretta a richiamare a sé i figli già adulti e lontani. Se all’inizio la convivenza è difficile, presto l’affetto e la memoria riemergono, in un’aura quasi magica, intorno alla tavola materna. Per i figli imparare a cucinare diventa un vero e proprio atto d’amore, il modo più naturale per far crescere la forza dei sentimenti.

 

Dopo aver portato a buon fine la missione impossibile di acquistare un abito di Dior a Parigi, la signora Harris – impeccabile governante inglese di mezza età – è tornata alle sue abitudini quotidiane. Quando all’improvviso le si presenta una nuova occasione. Ada Harris deve ritrovare il vero padre di Henry, un affettuoso ragazzino maltrattato dalla famiglia adottiva. Ma il papà di Henry è di New York e di cognome si chiama Brown… difficile, ma non impossibile per la tenace e temeraria signora Harris, nella sua nuova avventura dal titolo “La signora Harris va a New York”.

‘Il Libro dell’abbondanza’ è un vero e proprio manuale per i tempi di crisi, nel quale Sibaldi affronta i nostri problemi quotidiani, oggi sempre più urgenti, e ci guida al loro superamento. Grazie a un linguaggio semplice e coinvolgente e ispirandosi all’antica saggezza dei testi biblici, in particolare della Genesi, l’autore evidenzia i «sintomi» e suggerisce la «cura». Paura del futuro? Portando l’esempio di Abramo, Sibaldi spiega come trovare una nuova ricchezza, esteriore e soprattutto interiore. Cattivo rapporto con l’autorità? Questa volta sono il coraggio e la passionalità di Sara a farci ritrovare la libertà dai legami che ci stanno stretti. Storie e consigli si intrecciano così in un viaggio alla conquista di una rinnovata ricchezza interiore.

24 settembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti