Sei qui: Home » Libri » Lo scrittore-medico Andrea Vitali vaccina gli anziani del suo comune
lo scrittore-medico

Lo scrittore-medico Andrea Vitali vaccina gli anziani del suo comune

Dopo aver assistito i suoi concittadini durante la prima ondata, Andrea Vitali torna a fare il medico volontario per vaccinare gli anziani del suo comune di origine, Bellano

Andrea Vitali, fra gli autori più letti del panorama italiano, torna a fare il medico volontario. Lo fa per vaccinare gli anziani del suo comune di origine, Bellano, in provincia di Lecco. Dopo aver svolto la professione di medico di base per più di venticinque anni, nel 2013 Vitali aveva lasciato il mestiere per dedicarsi a tempo pieno alla scrittura. Ora, il dovere lo chiama e Andrea Vitali non si sottrae, e torna ad aiutare la sua gente per difenderla dall’emergenza coronavirus.

“Non sono un eroe”

Per quasi trent’anni Andrea Vitali è stato il dottore del paese, nel 2013 ha lasciato la professione per dedicarsi solo ai suoi libri. Oggi lo scrittore ritorna il prima linea, come aveva già fatto lo scorso anno durante i mesi dell’emergenza, e indossa nuovamente il camice bianco. Lo avevamo intervistato proprio in occasione dell’inizio dell’emergenza Covid, quando Andrea Vitali per tre giorni decise di sostituire un suo collega in ambulatorio. Lo scrittore un anno fa si sentii in nel dovere di rispondere e di andare a visitare amici e pazienti di un tempo. “Non sono un eroe e questo ci tengo a sottolinearlo” disse in quella intervista.

Le parole di Andrea Vitali

“Lo ritengo quasi obbligatorio mettersi a disposizione, non avrei potuto fare diversamente – afferma Vitali a Lecconotizie – anche perché in provincia, ai confini del ‘regno’ per così dire, con i medici di base che scarseggiano è molto difficile organizzare cose di questo impegno”. Per lo scrittore, stiamo vivendo “un momento particolarmente difficile, dura da talmente tanto tempo che ha usurato la resistenza psicologica delle persone. Noto purtroppo una certa intolleranza, un umore quasi vinto dinnanzi ad una situazione che sicuramente avrà il suo finale, anche se oggi la luce in fondo al tunnel non è così splendente”.

 

 

© Riproduzione Riservata