“LibroLesto”, libri consegnati a domicilio direttamente dai librai

L'iniziativa è stata pensata da Angelica e Maria Carmela Sciacca, due sorelle libraie di Catania che da otto anni gestiscono la libreria indipendente Vicolo Stretto

MILANO – Se il lettore non va in libreria, è la libreria che va dal lettore. E’ questo l’elementare, ma originale principio che hanno applicato Angelica e Maria Carmela Sciacca, due sorelle libraie di Catania che da otto anni gestiscono la libreria indipendente Vicolo Stretto. Sempre attente a mantenere un forte contatto con il territorio ed un servizio ai cittadini/lettori, le due sorelle hanno dato vita all’iniziativa “LibroLesto”, che consiste nel consegnare in bici i libri scelti dai lettori. Un modo per combattere la concorrenza delle librerie online e al tempo stesso fidelizzare maggiormente i lettori.

Come nasce l’iniziativa “LibroLesto”?

LibroLesto è nato in maniera del tutto informale due anni fa. Abbiamo tantissimi clienti che non vivono in centro storico e che spesso avevano difficoltà a raggiungere la libreria per cui abbiamo iniziato a consegnare a casa come forma di cortesia. L’anno corso, invece, abbiamo deciso di farlo diventare un vero e proprio servizio per tutti i lettori e le lettrici che hanno voglia di acquistare alla VICOLO STRETTO. LibroLesto è un servizio di consegna e di spedizione in Italia e all’estero per cui chiunque voglia si faccia avanti!

Dalla campagna lanciata in occasione dell’uscita del libro del figlio di Totò Riina al salvataggio della libreria Prampolini: siete  due libraie molto impegnate nel sociale e sul territorio. Dove traete tutta questa energia che va oltre la vostra attività in libreria?

Crediamo che l’impegno civile debba essere parte integrante della vita di ognuno e di ognuna di noi. La famosissima frase “non ho tempo” spesso nasconde una piccola forma di inerzia. Il tempo è diventato l’ossessione di tutti e di tutte noi ma ormai con Angelica ci facciamo sempre la stessa domanda: “E’ il tempo a “decidere” sulle scelte della nostra vita o il contrario?” L’energia la traiamo dall’amore per le cose che facciamo, in fondo ci reputiamo due donne fortunate. Facciamo un lavoro che ci appassiona, amiamo la nostra città e stimiamo tutte le persone con le quali collaboriamo. Meglio di così…

Quale “plus” propone ai lettori una libreria indipendente come la vostra, rispetto alla vasta offerta commerciale legata agli store online e le grandi catene?

Dopo otto anni di attività crediamo che il “plus” della VICOLO STRETTO è la cura del cliente, la selezione dei titoli a scaffale, la proposta degli eventi e l’accoglienza dello spazio. Tutti gli interni della libreria infatti sono stati progettati e realizzati da Marco Terranova , architetto e artigiano esperto di  processi di rigenerazione urbana e cantieri partecipati.

Com’è la vita di un libraio?

Piena di stimoli, cose da fare e appuntamenti a cui non arrivare in ritardo.

Infine, quali sono i vostri progetti per il nuovo anno?

L’apertura della Libreria Prampolini è il nostro unico obiettivo di quest’anno…incrociamo le dita!

 

© Riproduzione Riservata