A Napoli apre il primo hotel-biblioteca d’Italia

A Napoli da sabato 25 maggio sarà possibile dormire in una bellissimo hotel-biblioteca: si tratta del primo Book and bed d'Italia
A Napoli apre il primo hotel-biblioteca d'Italia

MILANO – Quanto sarebbe bello essere immersi in un mondo di libri e poterli sfogliare in completa quiete e comodità, senza ansia né fretta? Tra poco sarà possibile: infatti prendendo a modello il progetto dell’hotel-biblioteca di Tokio in cui le persone possono dormire tra libri e sapere, adesso a Napoli apre il primo book and bed d’Italia. Lo spazio verrà inaugurato questo sabato 25 maggio.

LEGGI ANCHE: A Tokyo apre ”Book & Bed”, l’hotel dedicato agli amanti dei libri

Due suite con 4.000 libri ciascuna

Nel palazzo di Mooks in via Luca Giordano a Napoli, al primo piano della libreria Mondadori, apre questo sabato 25 maggio uno spazio magico e speciale: ci sarà infatti l’inaugurazione del primo hotel-biblioteca di Italia, una biblioteca molto fornita in cui è possibile anche dormire.


All’interno del Book and Bed ci sono infatti due suite, la “Calvino” e la “Freud”, due camere eleganti di 45 mq ciascuna, in cui gli ospiti potranno consultare 4 mila libri in piena libertà: tali libri non sono disposti secondo un ordine definito, in modo tale che la scelta e la scoperta dei libri siano totalmente spontanei e i lettori possano costruirsi un percorso proprio. I volumi spaziano dal 1741, provenienti da collezioni private, a libri contemporanei.
Certo, non si sa se questo progetto avrà un riscontrò immediato o se riscuoterà successo anche a Napoli, ma la struttura è stata ideata chiedendo il parere a 1500 lettori del quartiere Vomero, a cui è stato domandato cosa avrebbero cambiato rispetto al progetto del book and bed di Tokyo.

Non si fermerà a Napoli il progetto di hotel biblioteca di Mooks: a breve anche Milano Brera avrà il suo Book and Bed Suite. Entro la fine del 2020 saranno invece realizzati a Napoli, in via Roma, e nella Capitale, nel quartiere Eur, altri due Book and Bed, dove però il concept sarà più smart e più simile al modello orientale, che andranno quindi ad ampliare e diversificare l’offerta esistente in territorio partenopeo e nazionale.

© Riproduzione Riservata