Sei qui: Home » Libri » “Lettere alle mie figlie”, la storia di ogni donna afgana da raccontare al mondo
libri da leggere

“Lettere alle mie figlie”, la storia di ogni donna afgana da raccontare al mondo

In quest'opera, Fawzia Koofi racconta la sua storia, la storia di ogni donna afgana. Un appello di fare rete contro il terrore di “non contare niente per il mondo che ci abbandona”

Fawzia Koofi è una politica e attivista afghana, autrice del libro “Lettere alle mie figlie“. In quest’opera, l’autrice racconta la sua storia, la storia di ogni donna afgana. Ha documentato la sua storia di vita per disegnare una chiara immagine delle lotte delle donne afghane, di modo che il mondo capisca cosa hanno passato e, alla luce degli ultimi fatti di cronaca, cosa rischiano di tornare a vivere. 

Lettere alle mie figlie

“Da noi, le figlie non sono le benvenute. Io, diciannovesima di ventitré fratelli, fui abbandonata da mia madre sotto il sole cocente dell’Afghanistan affinché morissi. Malgrado le numerose bruciature sono sopravvissuta, diventando la sua figlia preferita. Questa è stata la mia prima vittoria. Mio padre, per venticinque anni membro del Parlamento, era un uomo incorruttibile, molto legato alle tradizioni del nostro Paese. Venne ucciso dai mujaheddin. Fu allora che mia madre, analfabeta, decise di mandarmi a scuola: sono stata la prima femmina, in famiglia, a ricevere un’istruzione.

Mentre infuriava la guerra civile, sono diventata insegnante di inglese, poi ho studiato medicina. Ho sposato l’uomo che amavo e gli ho dato due meravigliose bambine. Ma l’arrivo dei talebani ha suonato l’ultimo rintocco per la libertà. Mio marito, dopo aver subito lunghe torture in carcere, è morto di tubercolosi e io, imprigionata dal burqa, ho sentito la rabbia crescere in me. Da quel giorno la mia voce si è levata per difendere coloro che soffrono. Oggi che sono parlamentare, so che ogni ingiustizia e sofferenza che posso alleviare compensa in parte ciò che non ho potuto fare prima: salvare la vita di chi è abbandonato da tutti.”

Chi è Fawzia Koofi

Nata in una famiglia poligama, Koofi è stata inizialmente rifiutata dai suoi genitori a causa del suo sesso. Suo padre, un membro del Parlamento, aveva sposato una donna più giovane e sua madre cercava di avere un figlio maschio per mantenere l’affetto del marito. Il giorno in cui è nata Koofi, è stata lasciata per molto tempo esposta al sole, ma è sopravvissuta.

Riuscì a convincere i suoi genitori a mandarla a scuola, diventando così l’unica ragazza della famiglia a effettuare degli studi. Successivamente si è laureata all’università con un master in economia e management. Suo padre è stato membro del Parlamento per 25 anni ma è morto alla fine della prima guerra in Afghanistan (1979-1989), ucciso dai mujaheddin.

Inizialmente voleva diventare un medico, ma ha scelto di studiare scienze politiche e diventare un membro dell’UNICEF. Ha lavorato a stretto contatto con gruppi vulnerabili come gli sfollati interni e donne e bambini emarginati ed è stata responsabile della protezione dei bambini per l’organizzazione dal 2002 al 2004.

Ha iniziato la sua carriera politica nel 2001 dopo la caduta dei talebani, promuovendo il diritto all’istruzione delle ragazze nella sua campagna “Ritorno a scuola”.

Dal 2002 al 2004 Fawzia Koofi ha lavorato con l’UNICEF come responsabile della protezione dei minori per proteggere i bambini dalla violenza, dallo sfruttamento e dagli abusi.

Nelle elezioni parlamentari del 2005, è stata eletta alla Wolesi Jirga, la camera bassa dell’Assemblea nazionale afgana, per il distretto di Badakhshan nella parte nord-orientale del paese, ed è stata vicepresidente della camera bassa, il cui presidente è vicepresidente dell’intera Assemblea. È stata quindi la prima donna vicepresidente supplente del parlamento nella storia dell’Afghanistan. È stata rieletta alle elezioni parlamentari del 2010 e poi eletta parlamentare su un totale di 69 membri donne dell’Assemblea.

In Parlamento, si è concentrata principalmente sui diritti delle donne, ma ha anche redatto leggi per la costruzione di strade per collegare villaggi remoti a strutture educative e sanitarie. Nel 2009 ha redatto la legge sull’eliminazione della violenza contro le donne.

Firmata come decreto, la bozza doveva essere votata per diventare un documento ufficiale della costituzione. È stata presentata al Parlamento nel 2013 ed è stato bloccata dai membri conservatori che sostenevano che gli articoli della legge fossero contro l’Islam. Tuttavia, la legge viene applicata in tutte le 34 province dell’Afghanistan e le cause giudiziarie vengono decise in base alla legge. È sopravvissuta a diversi tentativi di omicidio, compreso uno l’8 marzo 2010, vicino alla città di Tora Bora.

Intendeva candidarsi alla presidenza dell’Afghanistan nelle elezioni presidenziali afghane del 2014 su una piattaforma di pari diritti per le donne, promuovendo l’istruzione universale e l’opposizione alla corruzione politica, ma nel luglio 2014 ha affermato che la commissione elettorale ha spostato la data di registrazione a ottobre 2013 e di conseguenza non si è qualificata per il requisito di età minima di 40 anni.

È stata rieletta membro del Parlamento nel 2014 ma non è più vicepresidente. Attualmente è presidente della Commissione per le donne, la società civile e i diritti umani dell’Afghanistan.

Sono in tante a temere di morire, come Fawzia Koofi che, pensate, quando nacque solo perché femmina venne lasciata sotto il sole dal padre sperando che il caldo la uccidesse. Ma lei è sopravvissuta e oggi, anche se pesa sulla sua testa un’altra condanna, è diventata una politica.

Tutelare le donne afgane

Alcune delle iniziative che Fawzia Koofi ha sostenuto durante il suo mandato come parlamentare includono: il miglioramento delle condizioni di vita delle donne nelle carceri afghane; l’istituzione di una commissione per combattere il problema della violenza (in particolare la violenza sessuale) contro i bambini; e l’emendamento della legge sullo status personale degli appartenenti alla confessione sciita. Vi consigliamo di leggere questo libro raccogliere l’appello di Fawzia Koofi di fare rete contro il terrore di “non contare niente per il mondo che ci abbandona”, come dice in lacrime questa ragazza di Kabul terrorizzata per ciò che accadrà a lei e al suo popolo in mano ai talebani.

 

© Riproduzione Riservata