ipse dixit

Le frasi e gli aforismi più celebri di Frida Kahlo

Dai diari e i carteggi le citazioni da non perdere della pittrice messicana Frida Kahlo , in occasione dei 110 anni dalla sua nascita
Le frasi e gli aforismi più celebri di Frida Kahlo

MILANO – Frida Kahlo è un’icona senza tempo. Femminista, estrosa, appassionata, unica nel suo stile. Il fascino che esercita tuttora con la sua figura leggendaria è innegabile. I ritratti psicologici, i colori vividi delle sue tele, la personalità spiccata e uno stile di vita tra libertà e passione che ogni donna ha invidiato. Ecco le citazioni più celebri tratte dai diari e i carteggi.

.

Leggi anche: José Bartoli, l’amante segreto di Frida Kahlo

 

Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci dev’essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io.

Vorrei immaginarla, e immaginare che lei debba essere là fuori e che anche lei stia pensando a me.

Beh, spero che, se tu sei lì fuori e dovessi leggere ciò, tu sappia che sì, è vero, sono qui e sono strana proprio come te.

 

Tu mi piovi – Io ti cielo.

Tu la finezza, l’infanzia, la vita – amore mio – bambino – vecchio madre e centro – azzurro – tenerezza.…

Io ti porgo il mio universo e tu mi vivi

Sei tu che io amo oggi.

Ti amo con tutti gli amori.

 

Nella saliva…nella carta…nell’eclisse…in tutte le linee…in tutti i colori…in tutti i boccali…nel mio petto…fuori…dentro…nel calamaio…nelle difficoltà a scrivere…nello stupore dei miei occhi…nelle ultime lune del sole (il sole non ha lune)…in tutto (dire “in tutto” è stupido e magnifico)…DIEGO nelle mie urine…DIEGO nella mia bocca…nel mio cuore…nella mia follia…nel mio sogno…nella carta assorbente… nella punta della penna…nelle matite…nei paesaggi… nel cibo…nel metallo…nelle malattie… nelle rotture… nei suoi pretesti…nei suoi occhi… nella sua bocca…nelle sue menzogne…

 

Nessuno è separato da nessuno.

Nessuno lotta per se stesso.

Tutto è uno.

L’angoscia e il dolore, il piacere e la morte non sono nient’altro che un processo per esistere.

La lotta rivoluzionaria in questo processo è una porta aperta all’intelligenza.

 

L’amore?

Non so.

Se include tutto, anche le contraddizioni e i superamenti di sé stessi, le aberrazioni e l’indicibile, allora sì, vada per l’amore.

Altrimenti, no.

 

Leggi anche: Come assomigliare a Frida Kahlo

© Riproduzione Riservata