LIBRI IN CARCERE

#LaBuonaLettura, l’iniziativa che porta i libri nelle carceri italiane

Ecco l'iniziativa che porta i libri e promuove la lettura nelle carceri italiane
#LaBuonaLettura, l'iniziativa che porta i libri nelle carceri italiane

MILANO – Dal  12 ottobre fino al 31 ottobre, grazie all’iniziativa “La buona lettura” promossa dai librai italiani, in particolare dal libraio di Roma Massimiliano Timpano, chi lo vorrà potrà donare libri alle carceri italiane. Si potranno donare con il sistema del #Librosospeso, recandosi in una qualsiasi Libreria italiana che aderisce, e donare un libro che sarà poi consegnato al centro raccolta di Roma, che provvederà in seguito alla consegna presso le carceri italiane.

LEGGI ANCHE: UN LIBRO SOSPESO, QUANDO LA LETTURA DIVENTA VIRALE E CONTAGIOSA IN LIBRERIA 

 

L’IDEA – L’idea nasce per diffondere il libro e la lettura, e attraverso la stessa, aiutare le persone a ritrovare fiducia e senso della vita, affinchè non si sprofondi nell’ emarginazione, ma verso la correzione ed il recupero. Quali libri si possono donare? Tutti: poesie, fumetti e graphic novel, aforismi e saggi. A partire dal 31 ottobre poi, tutti i libri che saranno stati raccolti saranno distribuiti presso i diversi istituti di detenzione. Le librerie e gli editori che vogliono aderire all’iniziativa possono scrivere all’indirizzo: [email protected]

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti