Sei qui: Home » Libri » Critici » La parabola di Andre Agassi, campione di tennis, autore e maestro di vita

La parabola di Andre Agassi, campione di tennis, autore e maestro di vita

LA CRITICA QUOTIDIANA – Tutto è partito da un libro, ''Open'', con cui l'ex campione di tennis Andre Agassi ha accettato la sfida di raccontare il suo passato e i suoi tormenti per arrivare a svelare il segreto che l'ha portato a farcela. Oggi è diventato un guru, capace di ispirare le persone e i grandi manager: sul Giornale Giuseppe De Bellis disegna il suo ritratto...
Sul Giornale Giuseppe De Bellis disegna il ritratto dell’autore di “Open”, un uomo che ha saputo andare oltre il suo passato di grande sportivo e reinventarsi come motivatore. Agassi è oggi a Milano al World Business Forum per raccontare la sua storia e il segreto del suo successo
LA CRITICA QUOTIDIANA – Tutto è partito da un libro, “Open”, con cui l’ex campione di tennis Andre Agassi ha accettato la sfida di raccontare  il suo passato e i suoi tormenti per arrivare a svelare il segreto che l’ha portato a farcela. Oggi è diventato un guru, capace di ispirare le persone e i grandi manager: sul Giornale Giuseppe De Bellis disegna il suo ritratto, quello di un uomo che è riuscito a superarsi sempre, sul campo come nella vita.
UN CAMPIONE CHE HA VINTO CONTRO SE STESSO – Sicuramente ci sono stati tennisti più forti di Agassi – De Bellis cita Sampras e McEnroe per esempio – ma a differenza degli altri ex campioni lui non è rimasto appeso ai suoi ricordi, ha saputo trascendere il suo passato. Lo ha fatto raccontando la verità che ha imparato sul campo, come sportivo e come uomo. Condividendo nella sua autobiografia i dubbi che lo hanno torturato, la continua lotta che lo dilaniava interiormente –“Odio il tennis, lo  odio con tutto il cuore, eppure continuo a giocare”, scrive – rivela infatti che si può vincere anche contro se stessi: questo è il suo segreto. 
UN LIBRO IN CUI I LETTORI TROVANO ISPIRAZIONE – In questo libro le persone trovano ciò di cui sono continuamente in cerca: ispirazione. Per questo “Open” è stato il caso letterario che è stato, con 300 mila copie vendute solo in Italia e la sua continua presenza in classifica nonostante sia uscito da tre anni. E per questo la gente va ad ascoltare Agassi parlare, raccontare ancora una volta la sua storia per spiegare, appunto, come farcela – “L’ha fatto ad Harvard, qualche mese fa; lo fa oggi a Milano, al World Business forum: un posto per ascoltarlo costa dai duemila euro in su”, scrive De Bellis, che definisce Agassi “un intellettuale della vita” e accosta la sua figura a Steve Jobs. 
IL SEGRETO DEL SUCCESSO DI AGASSI – Di sicuro l’ex tennista è un emblema di successo imprenditoriale: possiede una fondazione e una holding che mescolano gli affari e la charity. “Agassi e la moglie Steffi aiutano le scuole di mezz’America con i soldi delle loro donazioni. Gli altri, molti, li investono: Andre ha appena comprato un’azienda che produce snack per ragazzini. Li vuole aiutare a mangiare meglio, dice con un’operazione di crossmarketing che unisce il benefattore all’imprenditore”, prosegue il giornalista. A lui guardano tanti imprenditori per superare la loro paura di non essere adeguati, di non riuscire a portare avanti l’azienda. Qual è il consiglio di Agassi per loro? “Io sono cambiato quando ho smesso di voler essere perfetto. Ho deciso di essere perfezionista del non essere perfezionista”.
6 novembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Libroterapia e proposte di lettura, ”Di bestia in bestia” di Michele Mari

”Geografie”, l’architettura delle città vista attraverso l’obiettivo di Marco Zanta

Successivo

Lascia un commento