La grande saggistica divulgativa in testa alla classifica settimanale di The Guardian

Sono tutte uscite recenti i libri in testa alla classifica settimanale inglese dei best seller di The Guardian, dominata dalla saggistica: si va da quella di argomento psicologico, con ''The Examined Life'' dello psicanalista Stephen Grosz al primo posto, a quella sul cambiamento globale, con ''The Future'' di Al Gore in terza posizione, passando per quella storica, con ''The Return of a King'' di William Dalrymple in seconda...

Lo psicanalista Stephen Grosz, lo storico William Dalrymple e il vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore sul podio. In quarta posizione la raccolta di poesie  di Sharon Olds, vincitrice del TS Eliot poetry prize 2012

MILANO – Sono tutte uscite recenti i libri in testa alla classifica settimanale inglese dei best seller di The Guardian, dominata dalla saggistica: si va da quella di argomento psicologico, con “The Examined Life” dello psicanalista Stephen Grosz al primo posto, a quella sul cambiamento globale, con “The Future” di Al Gore in terza posizione, passando per quella storica, con “Return of a King” di William Dalrymple in seconda. Quinto si piazza “The Universe within” dell’autore scientifico Neil Shubin. Sono tutti titoli usciti tra gennaio e febbraio 2013: unica eccezione, il libro di Sharon Olds, “Stag’s Leap”, al quarto posto, pubblicato a ottobre dell’anno scorso. Ma non è solo la data d’uscita a farne un caso singolare; si tratta infatti di una raccolta di poesie dedicate dall’autrice al tema del divorzio e della fine dell’amore, recentemente insignita del TS Eliot poetry prize 2012.

In “The Examined Life” l’autore condensa 50 mila ore di sedute cliniche in un grande compendio della psicologia umana, scritto in un linguaggio semplice, non tecnico, per la grande divulgazione. In questo saggio si trova analizzata la dinamica del processo psicanalitico – il racconto, l’ascolto, la comprensione – attraverso storie paradigmatiche che ci svelano intime motivazioni dei più singolari comportamenti umani. Si tratta di un libro che aiuta a illuminare noi e la nostra vita, e che al contempo fornisce un ritratto dello psicologo al lavoro, mettendo in evidenza come le storie dei pazienti siano utili a portare in superficie rivelazioni che riguardano anche lui in prima persona.

In “The Return of a King”, sul secondo gradino del podio, il famoso storico e autore best seller William Dalrymple ripercorre la prima guerra anglo-afghana, svoltasi tra il 1839, anno in cui le truppe della Compagnia delle Indie invasero l’Afghanistan, e il 1842, e conclusasi con la più grande umiliazione militare subita dall’Inghilterra nel 19simo secolo. Subito dietro di lui troviamo l’ex vicepresidente americano Al Gore, che in “The Future” delinea le sei principali linee che guideranno il cambiamento globale nelle decadi a venire: la globalizzazione economica, la globalizzazione delle comunicazioni, il passaggio da un assetto politico mondiale dominato dagli Stati Uniti a uno dominato da più centri di potere, la crescita dei consumi e dell’inquinamento e l’impoverimento delle risorse del pianeta, le rivoluzioni scientifiche che permettono sempre più all’uomo di controllare il suo processo evolutivo, il rapporto sempre più squilibrato tra gli esseri umani e l’ecosistema.

In “The Universe within”, infine, Neil Shubin mostra come l’intera storia del cosmo sia connessa alla formazione della nostra struttura corporea, dalla nostra composizione molecolare, risultato di eventi all’origine del sistema solare, al funzionamento della nostra facoltà visiva.  

1.    Stephen Grosz – The Examined Life
2.    William Dalrymple – The Return of a King
3.    Al Gore – The Future
4.    Sharon Olds – Stag’s Leap
5.    Neil Shubin – The Universe within

 

6 febbraio 2013

© Riproduzione Riservata
Commenti