Sei qui: Home » Libri » Istituto per gli Studi Filosofici sotto sfratto, 300mila libri antichi senza una casa
Cultura in sfratto

Istituto per gli Studi Filosofici sotto sfratto, 300mila libri antichi senza una casa

L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli è stato sfrattato dalla sede storica. I trecento libri rarissimi che ospitava non hanno più una casa

MILANO -Libri, molti dei quali rari, sfrattati. Dalla prima edizione italiana dell’Encyclopedie di Diderot e D’Alembert, agli scritti di Giordano Bruno e Benedetto Croce. L’immensa biblioteca dell’Istituto italiano per gli studi filosofici, acquistata dal dopoguerra ad oggi dall’avvocato Gerardo Marotta, da noi già intervistato qualche anno fa, è stata sfrattata dalla sua sede storica. Un patrimonio stimato in dieci milioni. Scopriamo insieme questa triste storia grazie al Corriere della Sera.

.

UN TESORO QUASI PERDUTO – Un tesoro di libri che oggi non hanno più una casa. Marotta, presidente dell’Istituto, denuncia, “I volumi moriranno in un capannone della periferia. È un insulto alla cultura, un assassinio commesso dall’inerzia della Regione”. L’amministrazione ha promesso di creare una biblioteca per l’istituto da più di dieci anni. Lo stesso Gerardo ha deciso di accogliere a casa sua molti dei libri più importanti presenti nel catalogo, mentre per gli altri è stata più volte promessa la costruzione di biblioteche, ma molti di loro giacciono in magazzini abbandonati, per lo meno è questa la grande paura di Gerardo Marotta.

,

LA STORIA DELL’ISTITUTO – L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici nasce esattamente 40 anni fa, voluto fortemente dall’avvocato Gerardo Marotta e costruito, pagina dopo pagina, intorno ad una biblioteca umanistica che all’inizio contava “solo” centomila volumi. Nei corridoi del Palazzo Serra di Cassano hanno camminato personalità come Karl Popper, Hans Georg Gadamer e Rita Levi Montalcini. Nel 1993 l’Unesco riconosce a Napoli una dimensione di rinascita intellettuale che non ha pari nel mondo: “L’istituto organizza corsi e colloqui ovunque nell’Europa occidentale, pubblica opere in sei lingue, antiche e moderne, contribuendo a fare della sua città una vera capitale culturale”. E poi, il declino. Un declino che sembra andare di pari passo, quasi fosse la conseguenza più logica, all’avanzata di una società che dimentica pian piano se stessa perché attenta a guardare ad altro. Ai conti, al profitto, ad un tornaconto economico immediato ma spogliato di qualsiasi utilità civile. All’istituto sono stati tagliati i fondi pubblici e da quel momento il declino è stato inevitabile.

 

LA PETIZIONE – Non sono mancate le reazioni in merito al grave rischio che il patrimonio letterario della biblioteca sparisca. Da parte di una nostra lettrice è stata aperta una petizione rivolta al Ministero dei Beni Culturali, dell’Istruzione e all’Unesco per salvare i libri dell’Istituto di Studi Filosofici di Napoli.

.

 

 

© Riproduzione Riservata