#ioleggoacasa

#ioleggoacasa, l’invito alla lettura che spopola sui social

Proposto da Giulia Ciarapica, #ioleggoacasa sul social lancia un invito semplice: approfittare di questi giorni per leggere di più
#ioleggoacasa, l'invito alla lettura che spopola sui social

Un invito alla lettura in un periodo in cui si deve restare a casa per non mettere a rischio la propria salute e quella degli altri. Dopo la proposta del Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini e il mondo della cultura di sostenere la campagna #iorestoacasa contro l’emergenza Coronavirus, spopola in queste ore l’hashtag #ioleggoacasa. L’invito è semplice: approfittare di questi giorni per leggere di più.

Leggere di più

A lanciare l’iniziativa la giornalista e blogger letteraria Giulia Ciarapica, la quale suggerisce di utilizzare il tempo a disposizione per ritrovare il piacere di una buona lettura. Un appello subito raccolto: ecco alcuni interventi. “Stare in casa non significa annullarci. Significa imparare a sfruttare i nostri spazi e il nostro tempo per fare cose alternative. Stimolare la creatività. Prenderci cura di noi, coccolarci un po’. E significa anche avere l’occasione di LEGGERE!”

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

“Il COVID-20 colse tutti impreparati. Fu il primo bio-internet virus. I sintomi includevano febbre alta, tosse secca, e l’incontrollabile impulso di mandare cuoricini rossi con WhatsApp”. La letteratura ha talvolta il potere di scoprire il lato ironico e dissacrante anche delle situazioni apparentemente più serie e preoccupanti: è il caso della penna di Etgar Keret, autore de “Un intoppo ai limiti della galassia” che ci regala un punto di vista molto particolare su questo periodo storico così difficile. #UnIntoppoAiLimitiDellaGalassia #EtgarKeret #IoLeggoaCasa #Feltrinelli #FeltrinelliEditore #Book #Books #Libro #Libri #DaLeggere #Leggere #LeggereSempre #Instabook #Instabooks #Bookgram #Booksgram #Keret #Covid #Covid19 #LeggereSempre #LibriAColazione #Leggichetipassa #LeggereaCasa

Un post condiviso da FeltrinelliEditore (@feltrinelli_editore) in data:

 

© Riproduzione Riservata