I cinquant’anni di Adelphi, l’esclusione di Dell’Utri e le ”Sfumature di bianco” sui quotidiani di oggi

Sulle pagine di cultura dei principali quotidiani italiani, ampio spazio viene dedicato ai 50 anni della storica casa editrice Adelphi ed al suo direttore editoriale Roberto Calasso...

Corriere e Repubblica celebrano l’anniversario della storica casa editrice con il direttore editoriale Roberto Calasso ed il suo libro “L’impronta dell’editore”. Su Il Giornale Fabrizio Govi di ALAI presenta della Mostra dei Libri Antichi, mentre torna alla ribalta E.L. James con una nuova iniziativa editoriale che indirettamente la riguarda

RASSEGNA STAMPA – Sulle pagine di cultura dei principali quotidiani italiani, ampio spazio viene dedicato ai 50 anni della storica casa editrice Adelphi ed al suo direttore editoriale Roberto Calasso, il quale per l’occasione ha realizzato ”L’impronta dell’editore”, la raccolta di saggi nel quale racconta i suoi cinquant’anni all’interno della casa editrice che ha segnato la cultura italiana. Spazio anche alla “Mostra del Libro antico” e alla nuova iniziativa editoriale che riguarda E.L. James e la sua trilogia erotica.


SERPENTE DI LIBRI
– Sul Corriere della Sera, Pietro Citati nel rendere omaggio a “L’impronta dell’editore” di Roberto Calasso, ripercorre gli esordi i suoi esordi all’interno della casa editrice Adelphi. Nel 1963, in Italia il campo era occupato da due case editrici: la sua e quella di Giulio Einaudi. A differenziare Calasso da Einaudi era il fatto di non voler apparire come educatore o pedagogo, ma di rimanere dietro le quinte, non apparendo e restando un consigliere segreto che gioca con i progetti e i libri. Ciò permise a Calasso di stabilire un rapporto di fascinazione con i suoi lettori. Il suo obiettivo principale non è mai stato quello di pubblicare tanti libri senza rapporto tra loro, ma un unico libro, un serpente di libri, “anelli di una sola catena che si rispondevano l’uno con l’altro”.  Un sogno impossibile, ma al quale Adelhi, secondo Citati, è andato molto vicino rispetto a qualsiasi altro editore.

L’INCONTRO CON BAZLEN – Sulle pagine culturali di Repubblica, spazio all’intervista di Antonio Gnoli con Roberto Calasso. All’interno dell’intervista, Calasso racconta quando nel maggio 1962, il giorno del suo ventunesimo compleanno, il critico letterario e scrittore italiano Roberto Bazlen parlò a Calasso dell’opportunità di veder pubblicati per loro i più importanti libri con una nuova casa editrice che stava per nascere. Nell’intervista, Gnoli ripercorre insieme a Calasso le varie tappe della casa editrice Adelphi. Momento topico è stato a cavallo degli anni Settanta, quando Adelphi inizia a pubblicare le opere di Joseph Roth, diventato un punto di riferimento per i giovani di allora. Antonio Gnoli e Roberto Calasso torneranno a discutere dei 50 anni di Adelphi  domenica pomeriggio a Roma nel corso di “Libri come”.

LIBRI ANTICHI – Spazio alla “Mostra del Libro antico” sul quotidiano Libero, dove Michela Ravalico approfondisce la decisione da parte del presidente dell’Associazione librai antiquari Fabrizio Govi di escludere dall’edizione di quest’anno Marcello Dell’Utri a casa dello scandalo dei furti alla biblioteca Girolamini. La giornalista sottolinea come questa decisione rappresenti la fine di un epoca, mentre Govi precisa che la scelta non sia ricollegabile alla “Mostra internazionale dei libri antichi e di pregio” targata Dell’Utri.

CINQUANTA SFUMATURE FAI DA TE – Colorato e ironico l’articolo che appare su “Il Giornale” scritto da Daniele Abbiati. Il giornalista parla in maniera divertente della nuova iniziativa editoriale che riguarda la scrittrice E.L. James, autrice della “trilogia delle sfumature”, la più discussa degli ultimi anni. Per dar seguito al successo della serie, la scrittrice ha deciso di dare “carta bianca” alle sue fan. L’editore statunitense Vintage Books il 1° maggio lancerà Fifty Shades of Grey: Inner Goddes (Cinquanta sfumature di grigio: dea interiore). Si tratterà di un diario-agenda in cui le lettrici di tutto il mondo potranno inserire le loro esperienze, intervallate da alcune citazioni tratte dall’opera pregressa.

 

15 marzo 2013

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti