Sei qui: Home » Libri » “La fattoria degli animali” di Orwell ci spiega la libertà di stampa
La fattoria degli animali

“La fattoria degli animali” di Orwell ci spiega la libertà di stampa

"La fattoria degli animali" è un libro di George Orwell del 1945, che con acute allegorie, ci spiega molto bene il concetto di libertà ed uguaglianza.

Quando parliamo di libertà di stampa, di pensare, di oppressione, di ribellioni, non possiamo non pensare al libro “La fattoria degli animali” di George Orwell. Un libro apparentemente semplice, ma che nasconde una reta di significati complessi, allegorie pungenti sul sistema politico. Un libro che ci insegna l’autonomia di pensiero, il concetto di ribellione. Non a caso venne pubblicato in una data chiave come il 1945. Qui i personaggi e gli eventi della Fattoria degli animali rappresentano le persone e gli eventi reali della rivoluzione russa e le sue conseguenze. Orwell scrisse La fattoria degli animali perché voleva raccontare la vera storia della rivoluzione, in un modo che chiunque potesse capire, anche se non conosceva tutti i dettagli storici. Tuttavia, oltre a questo, nel libro troviamo anche un profondo discorso sul potere politico e l’oppressione in generale.

Tematiche più importanti 

Non possiamo approcciare in maniera superficiale ad un libro del genere. Colmo di insegnamenti e significati sottesi, focalizziamoci su alcune tematiche importanti da analizzare; importanti anche per la nostra contemporaneità. 

La corruzione degli ideali socialisti in Unione Sovietica

La fattoria degli animali è un’opera famosa e conosciuta per la sua critica pungente alla storia e alla retorica della rivoluzione Russa. Raccontando la storia della nascita e dello sviluppo del comunismo sovietico, sotto forma di una favola di animali, La fattoria degli animali allegorizza l’ascesa al potere del dittatore Joseph Stalin. Nella novella, il rovesciamento dell’oppressore umano Mr. Jones, da parte di una coalizione democratica di animali, lascia rapidamente il posto al consolidamento del potere tra i maiali. Proprio come l’intellighenzia sovietica, i maiali si affermano come la classe dirigente della nuova società. 

La lotta per la preminenza tra Leon Trotsky e Stalin emerge nella rivalità tra i maiali Snowball e Napoleon. Sia nel caso storico che in quello romanzesco, la figura idealista ma politicamente meno potente (Trotsky e Palla di Neve) viene espulsa dallo stato rivoluzionario dal maligno e violento usurpatore del potere (Stalin e Napoleone). Le purghe e i processi-spettacolo con cui Stalin ha eliminato i suoi nemici e solidificato la sua base politica, trovano espressione nella “Fattoria degli animali”,  come le false confessioni e le esecuzioni degli animali, di cui Napoleone non si fida in seguito al crollo del mulino a vento.

Anche se Orwell credeva fortemente negli ideali socialisti, sentiva che l’Unione Sovietica realizzava questi ideali in una forma terribilmente perversa.
La Fattoria degli Animali non serve tanto a condannare la tirannia o il dispotismo, quanto a mettere sotto accusa l’orribile ipocrisia delle tirannie che si basano, e devono il loro potere iniziale, su ideologie di liberazione e uguaglianza. Così la novella critica la violenza del regime stalinista contro gli esseri umani che governava, e indica anche la violenza del comunismo sovietico contro la logica, il linguaggio e gli ideali umani.

L’abuso del linguaggio come strumento per esercitare l’abuso di potere

Una delle preoccupazioni centrali di Orwell, sia in Animal Farm che in 1984, è il modo in cui il linguaggio può essere manipolato e utilizzato come strumento di controllo. Nella Fattoria degli Animali, i maiali gradualmente distorcono una “retorica della rivoluzione socialista” per giustificare il loro comportamento e per tenere gli altri animali all’oscuro. Gli animali abbracciano di cuore l’ideale visionario del socialismo di Major, ma dopo la morte di Major, i maiali distorcono gradualmente il significato delle sue parole. Di conseguenza, gli altri animali sembrano incapaci di opporsi ai maiali senza opporsi anche agli ideali della Ribellione.

Il principio principale della fattoria può essere apertamente affermato come “tutti gli animali sono uguali, ma alcuni animali sono più uguali di altri”. Questo oltraggioso abuso della parola “uguale” e dell’ideale di uguaglianza, in generale caratterizza il metodo dei maiali, che diventa sempre più audace man mano che il romanzo procede. La sofisticata esposizione di Orwell di questo abuso di linguaggio, rimane una delle caratteristiche principali de “La fattoria degli animali”, degna di uno studio attento. 

La tendenza della società verso la stratificazione di classe

La fattoria degli animali offre un commento sullo sviluppo della tirannia di classe e sulla tendenza umana a mantenere e ristabilire strutture di classe, anche in società che presumibilmente si distinguono per la totale uguaglianza.
La novella illustra come le classi che si sono inizialmente unificate di fronte a un nemico comune – come gli animali contro gli umani – possono diventare internamente divise quando quel nemico viene eliminato. L’espulsione del signor Jones crea un vuoto di potere, e non passa molto tempo prima che il prossimo oppressore assuma il controllo totalitario.

La divisione naturale tra lavoro intellettuale e fisico, viene rapidamente ad esprimersi come una nuova serie di divisioni di classe, con i “lavoratori del cervello” (come sostengono i maiali), che usano la loro intelligenza superiore per manipolare la società a proprio vantaggio. Orwell non chiarisce mai nella Fattoria degli Animali se, questo stato negativo di cose, costituisce un aspetto inerente alla società o semplicemente un risultato contingente all’integrità di quest’ultima.
In entrambi i casi, la novella indica la forza di questa tendenza alla stratificazione di classe in molte comunità e la minaccia che pone alla democrazia e alla libertà.

Letteratura e allegoria

La fattoria degli animali attinge ad una ricca tradizione di allegoria politica. Le allegorie politiche sono storie che usano personaggi e situazioni immaginarie per fare satira su eventi politici della vita reale. George Orwell era un grande ammiratore dello scrittore irlandese del XVII e XVIII secolo Jonathan Swift. Nel suo romanzo più famoso, I viaggi di Gulliver, Swift fece una satira dei governanti del suo tempo reimmaginandoli come “lillipuziani”, gli abitanti fisicamente piccoli di un’isola fittizia. Mentre la satira di Swift sposta gli eventi inglesi in un paese immaginario d’oltremare per criticare più liberamente il governo inglese, la novella di Orwell inverte questo processo, portando gli eventi in Unione Sovietica nel cuore della campagna inglese. Questa inversione permette a Orwell di sostenere che gli eventi della rivoluzione sovietica sono “più vicini a casa” di quanto i suoi lettori inglesi si rendano conto. Animal Farm ha a sua volta influenzato molte allegorie politiche. Forse la più famosa di queste è Il signore delle mosche di William Golding, che allegorizza i fallimenti dei governanti europei immaginandoli come scolari inglesi che combattono per un’isola tropicale.

La politica e George Orwell

Poiché La fattoria degli animali è così critica nei confronti del comunismo sovietico, alcuni lettori potrebbero essere sorpresi di apprendere che Orwell era un socialista impegnato. Come risultato delle sue esperienze come poliziotto coloniale in Birmania e mentre viveva nei quartieri popolari di Londra e Parigi, Orwell divenne un feroce oppositore del colonialismo e del capitalismo incontrollato. Alla fine si unì al Socialist Independent Labor Party, e documentò lo sviluppo delle sue convinzioni politiche in una serie di saggi e libri, il più famoso è The Road To Wigan Pier (1937). Nel 1936, Orwell viaggiò in Spagna per opporsi alla fazione fascista nella guerra civile spagnola. Mentre era in Spagna, Orwell fu coinvolto nel conflitto tra le fazioni stalinista e trotskista nelle forze comuniste, e fu fortunato a fuggire con la sua vita. Questa esperienza formò il suo odio per tutta la vita verso lo stalinismo e il totalitarismo in generale. Era disgustato dalla misura in cui i socialisti britannici erano disposti a difendere Stalin, e uno dei suoi principali obiettivi nello scrivere La fattoria degli animali era di esporre la crudeltà e l’ipocrisia dello stalinismo agli altri socialisti britannici. La novella ritrae anche il capitalismo – rappresentato dai regimi di Jones e Pilkington – come crudele. Il ritratto gentile del libro di Boxer e degli altri “animali inferiori” ha le sue radici nella simpatia di Orwell per le persone oppresse.

 

 

© Riproduzione Riservata