Ecco perché i gatti sono i migliori amici di uno scrittore

Le storie raccontate all’interno del libro “Writers and Their Cats” di Alison Nastasi, dimostrano quanto i gatti siano davvero i migliori amici di uno scrittore
Ecco perché i gatti sono i migliorEcco perché i gatti sono i migliori amici di uno scrittorei amici di uno scrittore

MILANO – Le storie raccontate all’interno del libro “Writers and Their Cats” di Alison Nastasi, dimostrano quanto i gatti siano davvero i migliori amici di uno scrittore. La blogger Arianna Rebolini su BuzzFeed ne ha raccolti alcuni legati a celebri autori come murakami e Borges. Eccoli di seguito.

Leggi anche: Scrittori e gatti, da Baudelaire a Bukowski

Alice Walker

Alice Walker, attivista e vincitrice del premio Pulitzer per “Il colore viola”, ha parlato di uno dei suoi amati gatti in un’intervista del 2007 rilasciata per la rivista buddista Lion’s Roar. “Il mio gatto ha vissuto una vita molto dura prima di arrivare a casa mia. Ha un dente rotto e un altro lungo sull’altro lato. Ha i denti sporgenti ed irregolari “, ha detto Walker. “Un estraneo potrebbe guardarlo e dire, ‘Oh, ha denti imperfetti.’ Ma quando lo guardo vedo in lui l’assoluta perfezione – l’affascinante perfezione  – della sua imperfezione. Il mio gatto mi trasferisce così tante informazioni sul tipo di vita che ha avuto e sulla sua anima.”

Il suo ex gattino Willis prende il nome dal Willis Avenue Bridge a New York, dove è stata salvata. Un gatto speciale è entrato nella vita di Walker dopo il suo divorzio. “Ho chiamato questo gatto Tuscaloosa, che significa ‘combattente nero’ in lingua Choctaw”, scrive. “Come si evince dal suo nome, mi sentivo estremamente vulnerabile, all’improvviso tutta sola in una grande città, e molto bisognosa di protezione … Vivevamo in un minuscolo appartamento di tre piani al secondo piano a Park Slope, a Brooklyn. .. Spesso, mentre lavoravo alla mia scrivania, che si affacciava sulla strada, Tuscaloosa era seduta ai miei piedi. A volte scrivevo appoggiata sul letto; lui sonnecchiava, placido e caldo, vicino alle mie ginocchia. ”

Successivamente Walker incontrò il suo gatto Frida in un rifugio, “un calico di due anni con il pelo lungo, occhi grandi gialli e una gamba arancione … L’ho chiamata Frida, in omaggio a Frida Kahlo. Potevo solo sperare che un giorno mostrasse un po’ del carattere dell’artista messicana. Nonostante il suo aspetto poco grazioso, Kahlo, come Frida, si trasformò in un essere di coraggio, passione e portamento … Quando è ora di andare a letto la raccolgo, la accarezzo, le sussurro che dolce creatura è, quanto è bella e meravigliosa, quanto sono fortunata ad averla nella mia vita, e che la amerò sempre “.

 

Doris Lessing

Doris Lessing, scrittrice britannica di origine iraniana Premio Nobel per i suoi libri, tra cui “Il taccuino d’oro”, è cresciuta in una fattoria nella Rhodesia del Sud (ora Zimbabwe), che ha contribuito allo sviluppo del suo affetto per gli animali, in particolare i gatti. “Che lusso è avere un gatto, ti sorprende ogni giorno, sentire la morbidezza liscia sotto il palmo, il suo calore quando ti svegli in una notte fredda, la grazia e il fascino anche in un ambiente tranquillo e semplice” diceva la Lessing. “Il gatto cammina attraverso la tua stanza, e in quel passo solitario vedi il leopardo o anche la pantera, oppure quando gira la testa per riconoscerti il giallo bagliore di quegli occhi ti fa capire che visitatore esotico hai qui, quale amico domestico rappresenta il gatto che fa le fusa mentre si fa accarezzare, o si strofina il mento, o si gratta la testa. ”

Lessing ha scritto sul suo amato gatto El Magnifico in un breve libro intitolato alla piccola bestia. “Il gatto che ho comunicato meglio è stato El Magnifico”, ha detto al Wall Street Journal nel 2008. “Era un gatto così intelligente.” Un altro libro della Lessing dedicato ai suoi gatti fu “Gatti molto speciali”, uscito in diverse edizioni.

 

Gillian Flynn

Con un background da giornalista e un’infanzia piena di libri e film dell’orrore, Gillian Flynn era destinata a diventare un autrice di romanzi che esplorano il lato oscuro della società. Il suo bestseller internazionale “L’amore bugiardo” è diventato un film di successo diretto da David Fincher. Flynn ha scritto la sceneggiatura premiata e guadagnato un posto nella breve lista di autori che hanno tradotto con successo i loro libri per il grande schermo.

Sembra giusto che Flynn, che ha scritto di avvincenti criminali femminili, serial killer e culti mortali satanici, mantenga un gatto nero come suo familiare felino, evitando però gli stereotipi. Roy è uno dei quattro gatti neri che Flynn ha scelto come suo animale domestico da quando era bambina. “Ritengo che i gatti neri siano i migliori: affettuosi, rilassati e dolci” ha detto. “Roy è un gatto-cane. Si fa trovare sulla porta quando torniamo a casa. Gira intorno a noi appena ci sediamo. Puoi sentire le sue fusa in lontananza da tre stanze di distanza.” E se ti stai chiedendo chi ha creato le parti più tese dei thriller psicologici di Flynn, è stato sicuramente il partner scritturato da Flynn: “Roy mi ha aiutato con i miei ultimi due libri e in tutte le mie sceneggiature. Preferisce sedersi sulla tastiera, quindi può digitare cose come GY * T ^ & $$ ^ R ^ & h && G !!! Ora che lavoro su una pedana, si siede accanto a me, a guardare. È una sentinella molto dolce.”

 

Haruki Murakami

In un saggio intitolato “Choju Neko no Himitsu” (“Il segreto di un vecchio gatto”), l’acclamato romanziere giapponese Haruki Murakami racconta di quando ha chiesto ad un dirigente della casa editrice Kodansha di prendersi cura del suo gatto mentre lui viaggiava. In cambio del favore, Murakami promise che avrebbe scritto un romanzo per la casa editrice. Quel libro si rivelò essere il suo bestseller del 1987, Norwegian Wood, incentrato sulle relazioni molto diverse tra uno studente di Tokyo e due donne. Il libro lo catapultò sulla scena letteraria. Nello stesso saggio, l’autore parla di scrivere il suo primo libro Ascolta la canzone nel vento: “Ricordo ancora bene i giorni in cui stavo scrivendo il mio primo romanzo di notte, con il gatto sulle mie ginocchia e sorseggiando birra. A quanto pare che al gatto non piacesse che io scrivessi un romanzo, e spesso generava caos con il mio manoscritto sulla scrivania.”

Murakami, ampiamente considerato uno dei più grandi scrittori viventi, presenta regolarmente i gatti nella sua narrativa – a volte un dettaglio apparentemente banale, altre volte un simbolo enigmatico o un presagio. Il suo libro “L’uccello che girava le viti del mondo” ha come protagonista un gatto scomparso; “Kafka sulla spiaggia” racconta di un personaggio in grado di comunicare con i gatti persi; e nel saggio “Sulla morte del mio gatto” Murakami  condivide le sue storie personali sulle molte muse miagolanti con cui ha condiviso la sua vita: Kirin, Butch, Sundance, Mackerel, Scotty, Calico, Peter, Black, Tobimaru, Croquette, e (opportunamente) Musa.

Nel 1974, Murakami, appassionato di musica jazz con un’invidiabile collezione di vinili, aprì un club nella periferia di Tokyo e lo chiamò Peter Cat. La sede fu chiusa nel 1981. Durante il giorno, i clienti venivano per un caffè. Di notte venivano serviti cibo e bevande e si godeva il jazz dal vivo. Murakami spesso faceva il barista, puliva e faceva il DJ. Lo spazio era decorato con innumerevoli accessori e statuette ispirate ai gatti.

 

Jorge Luis Borges

Sei in un altro tempo/ Sei il padrone / di un abito chiuso come un sogno”, recita la poesia di Jorge Luis Borges “A un gatto”. Il poeta argentino, saggista e scrittore di racconti che ha contribuito a diffondere la letteratura latinoamericana, ha condiviso la sua umile vita con diversi gatti, tra cui un grande felino bianco chiamato Beppo, dal nome di un personaggio in un poema di Lord Byron che parlava di un uomo che si perde in mare. Borges scrisse la sua poesia per il suo compagno: “Il gatto bianco e celibe si guarda / nella lucida luna dello specchio / non può sapere che il biancore / e quei occhi d’oro mai visti / nella casa sono la sua propria immagine. / Chi gli dirà che quello che lo osserva / non è che un sogno dello specchio?”

© Riproduzione Riservata