Sei qui: Home » Libri » Dante, Verona consegna la cittadinanza onoraria al Sommo Poeta
la cerimonia

Dante, Verona consegna la cittadinanza onoraria al Sommo Poeta

Dante, Franceschini: “Simbolo di unità nazionale. Importante la consegna da parte di Verona della cittadinanza onoraria al Sommo poeta”
Stamani a Verona è stata consegnata la cittadinanza onoraria della città di Verona a Dante Alighieri, in memoria degli anni in cui il sommo poeta venne ospitato nella città scaligera. “La consegna da parte della città di Verona della cittadinanza onoraria a Dante è importante per tutto il Paese che ha festeggiato il suo Sommo poeta nell’anno dedicato alle celebrazioni per i 700 anni dalla sua scomparsa.” Lo ha dichiarato il Ministro Dario Franceschini durante la cerimonia.

Le celebrazioni per Dante

 
Le celebrazioni di Dante, fa notare il ministro della cultura, stanno diventando davvero una vera e propria festa di popolo. “Oltre alle manifestazioni ufficiali –  che sono tantissime, organizzate sia dal Comitato nazionale che dalle città – sono centinaia le iniziative spontanee. Credo che quest’evento aiuti a scoprire l’unità nazionale e contemporaneamente ad avere fiducia nel futuro. Io ricordo sempre “e quindi uscimmo a riveder le stelle” perché abbiamo tutti voglia di uscire da questa situazione complicata e riveder le stelle della vita. E questo sarà il segnale di quest’estate”.
 

La consegna della cittadinanza di Verona

Il ministro Franceschini ha lodato con queste parole la decisione da parte del  il sindaco Federico Sboarina. “Sono molto onorato di ricevere, anche a nome del Governo, la cittadinanza onoraria da parte della città di Verona a Dante Alighieri. Ha fatto bene il Sindaco a fare questa cosa, ha fatto bene a Verona, per sottolineare, in modo intelligente, il rapporto fortissimo tra Dante e questa città e l’importanza che Verona ha avuto nella vita e nella formazione del Poeta. Il legame tra Dante e Verona non ha avuto il riconoscimento universale che avrebbe meritato ma qui Dante ha vissuto, ha scritto, tra l’altro una parte importante della Divina Commedia, ha studiato ed è stato molto legato alla città: quindi è giusto che trovi cittadinanza a pieno diritto anche a Verona”.
© Riproduzione Riservata