Dalla narrativa alla varia, passando per la saggistica: ecco le strenne natalizie di Feltrinelli

''Finalmente un po' di tempo per leggere'': è questo l'augurio di Feltrinelli editore per le feste in arrivo, di riuscire a ritagliarsi qualche giornata da dedicare alla cura dello spirito in compagnia di buoni libri. E tante sono le proposte di qualità tra le novità uscite a novembre e dicembre: dalla narrativa alla saggistica e alla varia, molti i titoli da consigliare, regalare, leggere...

I principali titoli proposti da Feltrinelli editore per questo Natale

MILANO – “Finalmente un po’ di tempo per leggere”: è questo l’augurio di Feltrinelli editore per le feste in arrivo, di riuscire a ritagliarsi qualche giornata da dedicare alla cura dello spirito in compagnia di buoni libri. E tante sono le proposte di qualità tra le novità uscite a novembre e dicembre: dalla narrativa alla saggistica e alla varia, molti i titoli da consigliare, regalare, leggere.

NARRATIVA – Nel settore narrativa, tra le strenne non si può fare a meno di citare due titoli di punta di questo autunno, “Di tutte le ricchezze” di Stefano Benni, uscito a settembre, e “Storia di un corpo” di Daniel Pennac, uscito a ottobre: non proprio nuovissimi, ma sicuramente regali graditi da trovare sotto l’albero per molti che magari non hanno ancora avuto modo, o tempo, di acquistarli e leggerli. Tra le proposte più recenti, il nuovo libro di Erri De Luca, “La doppia vita dei numeri”, in cui l’autore ci trasporta nell’atmosfera della notte di San Silvestro a Napoli, dove tra il rumore dei botti che salutano l’arrivo del nuovo anno, due fratelli si trovano riuniti dopo tanto tempo per una tombolata in famiglia: i numeri estratti richiamano in vita immagini, storie, ricordi e persino chi non c’è più. C’è poi il nuovo romanzo di Daniel Glattauer, “Per sempre tuo”, una variazione sul genere romantico, una storia di amore e ossessione che indaga le sfumature più inquietanti del sentimento: qual è il limite oltre il quale la presenza e le manifestazioni d’affetto dell’altro diventano prigione? È questa la domanda che il libro solleva mentre racconta di Judith, donna single tra i trenta e i quarant’anni, ed Hannes, incontrato per caso al supermercato e divenuto poi il suo fidanzato: le eccessive attenzioni di lui nei confronti di Judith sono davvero rivelatrici di un suo lato oscuro? O è lei che non sa riconoscere l’uomo perfetto nemmeno quando lo ha accanto? Una lettura ideale per chi vuole ricavarsi istanti di introspezione e di immersione tre le più intime pieghe dell’animo umano sono invece i diari dello scrittore americano John Cheever, tenuti dagli anni Quaranta fino alla sua morte nel 1982 e pubblicati da Feltrinelli con titolo “Una specie di solitudine”. Una preziosa testimonianza sono invece i reportage narrativi raccolti in “Se tutta l’Africa”, scritti dal corrispondente estero polacco Ryszard Kapuściński sulla sua esperienza in Africa – la nascita di nuovi Stati, i capi politici che li guidano, le storie della gente comune – e pubblicati sul settimanale Polityka tra il 1962 e il 1966.

 

SAGGISTICA – Di sicuro interesse è anche la proposta nel settore della saggistica, a partire dal libro entrato in classifica questa settimana, “Confiteor”. Il giornalista Massimo Mucchetti intervista qui uno dei protagonisti della finanza italiana, Cesare  Geronzi, dal 1982 direttore generale della Cassa di Risparmio di Roma, a capo della quale guidò il processo che condusse nel 2002 alla creazione di Capitalia, coinvolta nel 2004 nella crisi generata dai crac di Parmalat e Cirio. Attraverso le testimonianze e le ricostruzioni incrociate di uno e dell’altro, il libro ricostruisce trent’anni di attività finanziaria del nostro Paese. C’è poi la “Storia dell’Italia partigiana” di Giorgio Bocca, già pubblicata da Laterza nel 1966, lettura fondamentale per chiarezza espositiva e acutezza di sguardo nell’ambito della storiografia legata a quel periodo, che Feltrinelli ripropone oggi ai lettori. E ancora il saggio “Cristianesimo. La religione del cielo vuoto” dell’illustre filosofo italiano Umberto Galimberti, in cui l’autore si interroga su cosa sia rimasto di autenticamente religioso nella nostra epoca, che registra più di altre un boom di spiritualità.

VARIA – Tra le novità più rilevanti del settore varia si segnala “Metagenealogia. La famiglia, un tesoro e un tranello”, scritto da Alejandro Jodorwsky con la collaborazione di Marianne Costa. Il regista e scrittore surrealista cileno, teorico della psicomagia – una forma d’arte che ha per fine la guarigione, ispirata alle pratiche di una guaritrice messicana con cui Jodorowsky era entrato in contatto e dal cui metodo era rimasto affascinato –, propone in questo libro un metodo di analisi del proprio albero genealogico attraverso cui individuare fino a che punto i conflitti, le difficoltà e i desideri che viviamo siano imputabili alla nostra eredità famigliare e alle influenze storico-sociali che in questa si raccolgono. Tra le proposte della varia poi, non poteva ovviamente mancare in questo periodo un libro dedicato all’oroscopo del nuovo anno, illustrato segno per segno da Marco Pesatori in “2013. La rinascita dopo l’apocalisse. Segno per segno”.

19 dicembre 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti