Sei qui: Home » Libri » Le copertine dei grandi classici reinterpretate dagli studenti dello IED
Il progetto

Le copertine dei grandi classici reinterpretate dagli studenti dello IED

Gli studenti di IED Firenze interpretano i titoli dei grandi classici plasmando in maniera inusuale carta e colori per copertine intuitive senza parole

I grandi classici reinterpretati da giovani studenti. Sperimentare, manipolare, plasmare, interpretare la carta “oltre al consueto” per essere in grado di progettare in maniera creativa/innovativa nel campo della grafica per l’editoria. E’ questo l’obiettivo che si è posto l’Istituto Europeo di Design – IED Firenze con il progetto “Classici in Carta”, rivolto agli studenti del corso di formazione continua in Grafica per la Comunicazione che si sono cimentati nella re-interpretazione delle copertine di alcuni grandi Classici della Letteratura, plasmando con un approccio originale ed estroso le carte ecosostenibili di alta qualità, messe a disposizione dalle aziende specializzate ICMA Sartorial Paper e Fontana Grafica.

Il progetto

Così Odissea, Divina Commedia, Sogno di una notte di mezza estate , Le  Metamorfosi, Pinocchio ma anche I Tre Porcellini, Pippi Calzelunghe, I viaggi di Gulliver, Frankenstein, Guida Galattica per autostoppisti – per citare alcuni tra i  38 titoli scelti sui quali hanno lavorato gli studenti – hanno copertine che, pur senza parole,  sono facilmente riconducibili grazie all’estro creativo di Angelica Ziffer, Arianna Palazzolo, Cosimo Cecchi, Gabriella Carpentiero, Maria Vittoria Lami, Sarah Passaro. Le copertine saranno in Mostra al Padiglione di Arte Contemporanea- PAC Milano dal 5 al 7 ottobre nell’ambito di Packaging Première Collection.

Il commento della docente IED Firenze

“L’osservazione e lo studio di questo materiale, la manipolazione con tagli, piegature, rilievi e contrasti di colore hanno dato vita a copertine capaci di trasmettere un messaggio in modo innovativo e immediato, senza bisogno di aggiungere parole”, spiega Laura Moretti docente IED Firenze che ha supervisionato i lavori degli studenti.

 

Istituto Europeo di Design

IED nasce nel 1966 grazie alla felice intuizione di Francesco Morelli ed è oggi un’eccellenza internazionale di matrice completamente italiana, che opera nel campo della formazione e della ricerca, nelle discipline del Design, della Moda, delle Arti Visive e della Comunicazione. IED è un sistema formativo in evoluzione; un laboratorio capace di pensare e ripensarsi con una mission chiara e condivisibile: offrire ai giovani creativi una formazione completa, una “Cultura del Progetto” che li accompagni per tutta la vita. Proprio per questo suo processo di creazione costante, IED è molto più di una Scuola: è un centro in cui prendono forma professionalità di nuova generazione. Una fucina di idee che sviluppa creatività attraverso l’offerta di vari percorsi.

Le copertine dei grandi classici e gli artisti

Ecco le foto di alcuni dei grandi classici reinterpretati in copertina dagli studenti dello IED di Firenze.

Angelica Ziffer: Pippi Calzelunghe

Angelica Ziffer: Pippi Calzelunghe

Arianna Palazzolo: Notre-Dame de Paris, Victor Hugo

Arianna Palazzolo: Notre-Dame de Paris, Victor Hugo

Cosimo Cecchi: Pinocchio di Carlo Collodi

Cosimo Cecchi: Pinocchio di Carlo Collodi

Gabriella Carpentiero: Odissea di Omero

Gabriella Carpentiero: Odissea di Omero

Maria Vittoria Lami: Alice nel Paese della Meraviglie di Charles Lutwidge Dodgson

Maria Vittoria Lami: Alice nel Paese della Meraviglie di Charles Lutwidge Dodgson

© Riproduzione Riservata