Sei qui: Home » Libri » “Candido”, le frasi del racconto più celebre di Voltaire
Ricorrenze letterarie

“Candido”, le frasi del racconto più celebre di Voltaire

Buon Compleanno Voltaire! In occasione della nascita di Voltaire eccoalcuni passaggi della sua opera più famosa, “Candido, o l’ottimismo”, scritto nel 1759

Il 21 novembre 1964 nasceva Voltaire, pseudonimo di François-Marie Arouet. E in occasione del suo anniversario della nascita vi proponiamo alcuni passaggi della sua opera più famosa, Candido, o l’ottimismo.

Un’opera che trasmette una contemporaneità, soprattutto nel linguaggio e nell’ironia tipica di Voltaire, che non può che conquistare la lettura. E’ un’opera contestualizzata al periodo e allo stesso tempo senza tempo.

Candido e il rifiuto dell’ottimismo

Nel Candido, Voltaire ribaata le teorie ottimistiche di stampo metafisico sulla vita umana.

Scritto nel 1759, questo racconto filosofico mira a confutare le dottrine ottimistiche come quella di Leibniz. Con la sua visione disincantata del mondo,Voltaire intende stigmatizzare la pretesa di vivere nel migliore dei mondi possibili.

Candido è a metà strada tra un racconto filosofico e un romanzo di viaggio e di formazione. Vuole appunto criticare, secondo i principi della ragione illuministica, la massima ottimistica per cui “tutto è bene”.

Candido si fa testimone di quella sfiducia laica e razionale nei confronti dei progetti e nei disegni provvidenziali della metafisica, soprattutto di quelli di stampo religioso.

Nell’opera emerge l’ideale dell’Illuminismo di combattere l’ignoranza e di smontare le filosofie fondate su dogmi e principi di autorità.

Il rifiuto dell’ottimismo più semplice e scontato è una diretta conseguenza di un’osservazione critica del “migliore dei mondi possibili”

L’ironia di Voltaire

L’ironia sarcastica di Voltaire è il frutto della libero esercizio della ragione e della progressiva secolarizzazione del sapere. E’ lo strumento con cui fare emergere le contraddizioni e le ingiustizie profonde di un mondo che appare perfetto. 

La felicità umana sembra allora un’utopia, che nessuno riesce concretamente a realizzare, mentre il male, fisico e morale, regna ovunque, tanto che “la storia è un seguito di inutili atrocità”.

L’ironia è un’arma per enfatizzare le grandissime contraddizioni dell’umano, con le sue malvagità e atrocità. Il mondo è cattivo e per resistere bisogna operare per il proprio fine.

Candido di Voltaire ecco alcune frasi 

“Il precettore Pangloss era l’oracolo di casa, e il piccolo Candido ascoltava i suoi insegnamenti con la fiducia propria dell’età e del suo temperamento. Pangloss insegnava la metafisico-teologo-cosmologo-scempiologia. Egli dimostrava mirabilmente che non c’è effetto senza causa, e che in questo migliore dei mondi possibili… è provato, diceva, che le cose non potrebbero andare altrimenti: essendo tutto quanto creato in vista di un fine, tutto è necessariamente inteso al fine migliore. I nasi, notate, son fatti per reggere gli occhiali: e noi infatti abbiamo gli occhiali… Ne consegue che coloro i quali hanno affermato che tutto va bene, han detto una castroneria. Bisognava dire che meglio di così non potrebbe andare.”

 “Che cos’è l’ottimismo’ diceva Cacambo – ‘Ahime!’ disse Candido ‘è la smania di sostenere che si tutto va bene quando si sta male’

 “Gli sciocchi ammirano ogni parola d’un autore famoso; io leggo per me solo, e mi piace soltanto quello che fa per me.”

 “Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio e il bisogno.”

 “Oh, migliore dei mondi possibili, dove sei adesso?”

 “Volli uccidermi 100 volte, ma amavo ancora la vita. Questa ridicola debolezza è forse una delle più funeste delle inclinazioni umane: infatti può darsi una cosa più sciocca che ostinarsi a portare il fardello che si vorrebbe continuamente buttare a terra?”

 “Io sono quello che definisco uno spirito errante per le passioni d’altri; ovvero un imbecille.”

 

 

© Riproduzione Riservata