Compleanni d'autore

Buon compleanno – Tanti auguri a Roberto Saviano

Tanti auguri a Roberto Saviano che oggi compie 36 anni. L'autore di ''Gommorra'' è uno tra gli scrittori italiani più apprezzati

MILANO – Tanti auguri a Roberto Saviano che oggi compie 36 anni. Diventato famoso grazie al suo libro-denuncia ”Gomorra”, oggi, Saviano è uno tra gli autori italiani più apprezzati. Dalle prime minacce di morte del 2006 da parte dei cartelli camorristici, denunciati nel suo ‘expose’ e nella piazza di Casal di Principe durante una manifestazione per la legalità, Roberto Saviano è sottoposto a un serrato protocollo di protezione. Dal 13 ottobre 2006 vive sotto scorta. Numerose le sue collaborazioni con importanti testate giornalistiche italiane ed internazionali. Attualmente in Italia collabora con L’espresso e La Repubblica, negli Stati Uniti con il Washington Post, il New York Times e il Time, in Spagna con El Pais, in Germania con Die Zeit e Der Spiegel, in Svezia con Expressen e in Gran Bretagna con il Times.

GOMORRA – Il libro si presenta come un viaggio nell’universo criminale dei luoghi della camorra, da Casal di Principe all’agro aversano. Tra boss malavitosi, rifiuti tossici smaltiti nelle campagne, ville sfarzose e popolazioni conniventi, l’autore parla di un Sistema che arruola come reclute ragazzi non ancora adolescenti, creando boss-bambini che ritengono che la sola maniera di morire con onore sia essere uccisi. Il libro vende quasi tre milioni di copie solo in Italia, e viene tradotto in più di cinquanta Paesi, comparendo nelle graduatorie di Best Seller, tra l’altro, in Svezia, Olanda, Austria, Libano, Lituania, Israele, Belgio e Germania.

I PREMI NOBEL A SOSTEGNO DI ROBERTO SAVIANO – Dopo le minacce di morte allo scrittore, il 20 ottobre 2008, i premi Nobel Gunter Grass, Dario Fo, Rita Levi Montalcini, Desmond Tutu, Orhan Pamuk e Michail Gorbaciov si mobilitano chiedendo allo Stato italiano qualunque sforzo per garantire l’incolumità di Roberto Saviano. L’appello vennefirmato anche da scrittori come Claudio Magris, Jonathan Franzen, Peter Schneider, Josè Saramago, Javier Marias, Martin Amis, Lech Walesa, Chuck Palahniuk e Betty Williams.

SAVIANO E LA MUSICA – Titolare di una laurea honoris causa in Giurisprudenza assegnatagli nel gennaio del 2011 dall’Università di Genova, Roberto Saviano, che dal 2012 è cittadino onorario di Milano, ha ispirato diversi artisti in ambito musicale: il gruppo piemontese dei Subsonica nell’album ‘L’eclissi’ gli ha dedicato il brano ‘Piombo’, mentre il rapper Lucariello ha composto la canzone ‘Cappotto di legno’ (dopo aver ottenuto il permesso dello stesso Saviano), che racconta la vicenda di un sicario che si accinge a uccidere lo scrittore. Saviano appare anche al termine del videoclip della canzone di Fabri Fibra ‘In Italia’ e nel brano ‘TammorrAntiCamorra’ del gruppo rap ‘A67, in cui legge un brano del suo libro.

ZERO ZERO ZERO – Nella primavera del 2013 a sette anni di distanza da Gomorra esce il suo secondo e attesissimo libro “ZeroZeroZero, che lui stesso descrive così: “’Scrivere di cocaina è come farne uso. Vuoi sempre più notizie, più informazioni, e quelle che trovi sono succulente, non ne puoi più fare a meno. Sei addicted. Anche quando sono riconducibili a uno schema generale che hai già capito, queste storie affascinano per i loro particolari. E ti si ficcano in testa, finché un’altra – incredibile, ma vera – prende il posto della precedente. Davanti vedi l’asticella dell’assuefazione che non fa che alzarsi e preghi di non andare mai in crisi di astinenza. Per questo continuo a raccoglierne fino alla nausea, più di quanto sarebbe necessario, senza riuscire a fermarmi. Sono fiammate che divampano accecanti. Assordanti pugni nello stomaco. Ma perché questo rumore lo sento solo io? Più scendo nei gironi imbiancati dalla coca, e più mi accorgo che la gente non sa. C’è un fiume che scorre sotto le grandi città, un fiume che nasce in Sudamerica, passa dall’Africa e si dirama ovunque. Uomini e donne passeggiano per via del Corso e per i boulevard parigini, si ritrovano a Times Square e camminano a testa bassa lungo i viali londinesi. Non sentono niente? Come fanno a sopportare tutto questo rumore?’

22 settembre 2015

© Riproduzione Riservata
Commenti