Premio Strega 2020

Sandro Veronesi, ecco chi è il vincitore del Premio Strega 2020

Vincitore della 74esima edizione del Premio Strega, Sandro Veronesi è fra i maggiori narratori italiani contemporanei. Ecco tutti i suoi libri
veronesi strega

Vincitore della 74esima edizione del Premio Strega, Sandro Veronesi è fra i maggiori narratori italiani contemporanei. La prima volta con “Caos calmo” nel 2006 e ora con “Il Colibrì”, Sandro Veronesi è l’unico scrittore, dopo Paolo Volponi, ad aver vinto per ben due volte il Premio Strega.

Chi è Sandro Veronesi

Nato a Firenze il 1 aprile del 1959, Sandro Veronesi si laurea in architettura a Firenze con una tesi su Victor Hugo e il restauro moderno. Il suo romanzo d’esordio è del 1988, “Per dove parte questo treno allegro”. Tra il 1997 e il 1998 collabora con Rai 3 ed è autore e conduttore del programma televisivo Magazzini Einstein. Collabora con numerosi quotidiani e riviste letterarie. Insieme a Domenico Procacci, ha fondato la casa editrice Fandango Libri. È fratello maggiore del regista e sceneggiatore Giovanni Veronesi. Ha 5 figli e sua moglie è Manuela Cavallari. 

Le opere

Il suo romanzo d’esordio è del 1988, “Per dove parte questo treno allegro“, a cui seguono “Gli sfiorati” (1990) e “Venite, venite B52” (1995). Veronesi è autore anche di quattro libri giornalistici. Fra questi, “Cronache italiane”(1992), “Live” (1996), “Occhio per occhio” (1992), inchiesta sulla pena di morte nel mondo, e “Superalbo” (2002). Nel 2000 pubblica “La forza del passato“, vincitore del Premio Campiello e del Premio Viareggio. E’ la volta poi del libro per ragazzi “Ring City” che vince il Premio Fregene nel 2001. Nel 2002 Veronesi scrive la prefazione a “L’incredibile menzogna” di Thierry Meyssan, riguardante le teorie cospirative sull’11 settembre 2001. Sandro Veronesi vince il premio Strega 2006 grazie al romanzo “Caos calmo“, uscito l’anno precedente. Esce “Brucia Troia” nel 2007. Tra il 2014 e il 2015 pubblica dapprima “Terre rare” e poi “Non dirlo”. Nel novembre 2015 lascia Bompiani, insieme a Umberto Eco, per approdare a La nave di Teseo. Con il nuovo editore pubblica “Un dio ti guarda” nel 2016, “Cani d’estate” nel 2018 e “Il colibrì” nel 2019.

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti