Arriva il PendoLibro 2013, il primo libro con i racconti dei pendolari italiani

Iniziativa promossa da Libreriamo con il coinvolgimento dei booklovers per editare e produrre il primo open e-book sulle emozioni, i sogni, gli incontri, le problematiche raccontate dagli stessi italiani che tutti i giorni si muovono per lavoro o per studio...

Iniziativa promossa da Libreriamo con il coinvolgimento dei booklovers per editare e produrre il primo open e-book  sulle emozioni, i sogni, gli incontri, le problematiche degli italiani che tutti i giorni si muovono per lavoro o per studio. Scadenza per la realizzazione e la consegna delle opere sarà giugno 2013

MILANO – La condivisione conquista anche il mondo dei libri. Non solo dal punto di vista del mero scambio di un testo in maniera libera, ma anche e soprattutto nella capacità di scriverlo, produrlo ed editarlo. Da oggi, infatti, gli oltre 10 milioni di italiani che tutti i giorni si muovono per lavoro o per studio, utilizzando treni, aerei, auto, moto, pullman avranno la possibilità di raccontare la loro avventura giornaliera, fatta di emozioni, incontri, sogni, rabbia, e diventare essi stessi i protagonisti di un libro in formato digitale (e-book) che sarà pubblicato e condiviso gratuitamente su Internet. L’iniziativa prende il nome di PendoLibro (2013), nasce da un’idea di Libreriamo e si propone di raccogliere, selezionare, produrre ed editare un libro, facendo leva sulla partecipazione degli stessi pendolari. L’e-book sarà poi distribuito in maniera assolutamente gratuita su Internet.


SPAZIO ALLA FANTASIA
– “La nostra è un’iniziativa sperimentale – Afferma Saro Trovato, mood maker e fondatore di Libreriamo – che tende a promuovere la lettura e i libri in un’Italia dove si legge poco, utilizzando le nuove tendenze che si stanno affermando grazie al web 2.0, dando spazio e rendendo protagonista la fantasia e la voglia di raccontare di migliaia di italiani che nutrono il sogno di scrivere un libro.  Abbiamo scelto i pendolari e il pendolarismo come oggetto del nostro e-book, per il duplice scopo di mettere in evidenza le problematiche che incontrano tutti i giorni gli Italiani per poter arrivare al lavoro o a Scuola/Università, ma allo stesso tempo per poter raccontare anche la parte più intima e relazionale dell’esperienza del viaggio giornaliero. Non solo, il libro stesso è uno dei compagni di viaggio dei pendolari”.

COME PARTECIPARE – Partecipare al Pendolibro (2013), che se avrà successo sarà pubblicato anche anche nei prossimi anni, è molto semplice: basterà scrivere uno o più racconti brevi legato/i alla propria esperienza di pendolare; cliccare sull’apposito banner presente nella home page di Libreriamo o sull’apposita icona PendoLibro 2013 all’interno della pagina facebook del social book magazine, inserire il proprio racconto nell’apposito form, e attendere il mese di giugno quando saranno comunicati quali saranno i racconti, selezionati da un’apposita giuria, che faranno parte dell’open e-book. Come indicazione di massima, la lunghezza dei racconti non deve superare le 20mila batture, corrispondenti a circa 10 cartelle di word. A selezionare i racconti sarà la stessa redazione di Libreriamo coadiuvata da alcuni autorevoli critici letterari italiani.


FONTI D’ISPIRAZIONE
– Il PendoLibro (2013) prende spunto da alcune tendenze forti che si stanno affermando grazie alla rete: ovvero il “crowdsourcing” (da crowd, “folla”, e outsourcing, “esternalizzazione di una parte delle proprie attività”), termine usato spesso da aziende, giornalisti e altre categorie per riferirsi alla tendenza a sfruttare la collaborazione di massa, resa possibile dalle nuove tecnologie del Web 2.0, per raggiungere determinati obiettivi; il Book Sharing o BookCrossing (dai termini in lingua inglese book, libro e crossing, attraversamento, passaggio), che materialmente consiste nella pratica di una serie di iniziative collaborative volontarie e completamente gratuite, di cui alcune anche organizzate a livello mondiale, che legano la passione per la lettura e per i libri alla passione per la condivisione delle risorse e dei saperi. L’idea di base è di rilasciare libri nell’ambiente naturale compreso quello urbano, o “into the wild”, ovvero dovunque si preferisca, affinché possano essere ritrovati e quindi letti da altri, che eventualmente possano commentarli e farli proseguire nel loro viaggio; il Self Publishing (autoedizione o  auto pubblicazione), che consiste nell’assunzione da parte di un autore dell’attività di pubblicare un libro o un’opera simile, senza passare attraverso la intermediazione di un editore.

LA PRIMA VOLTA – Il PendoLibro (2013) sarà la prima pubblicazione di Edizioni Liberiamo, sarà in formato digitale, completamente gratuita e a disposizione di tutti coloro che amano i libri e la lettura. Si riserva la possibilità di tradurla in inglese per diffonderla anche all’estero.

17 aprile 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti