Sei qui: Home » Libri » Arriva il PendoLibro 2013, il primo libro con i racconti dei pendolari italiani

Arriva il PendoLibro 2013, il primo libro con i racconti dei pendolari italiani

Iniziativa promossa da Libreriamo con il coinvolgimento dei booklovers per editare e produrre il primo open e-book sulle emozioni, i sogni, gli incontri, le problematiche raccontate dagli stessi italiani che tutti i giorni si muovono per lavoro o per studio...

Iniziativa promossa da Libreriamo con il coinvolgimento dei booklovers per editare e produrre il primo open e-book  sulle emozioni, i sogni, gli incontri, le problematiche degli italiani che tutti i giorni si muovono per lavoro o per studio. Scadenza per la realizzazione e la consegna delle opere sarà giugno 2013

MILANO – La condivisione conquista anche il mondo dei libri. Non solo dal punto di vista del mero scambio di un testo in maniera libera, ma anche e soprattutto nella capacità di scriverlo, produrlo ed editarlo. Da oggi, infatti, gli oltre 10 milioni di italiani che tutti i giorni si muovono per lavoro o per studio, utilizzando treni, aerei, auto, moto, pullman avranno la possibilità di raccontare la loro avventura giornaliera, fatta di emozioni, incontri, sogni, rabbia, e diventare essi stessi i protagonisti di un libro in formato digitale (e-book) che sarà pubblicato e condiviso gratuitamente su Internet. L’iniziativa prende il nome di PendoLibro (2013), nasce da un’idea di Libreriamo e si propone di raccogliere, selezionare, produrre ed editare un libro, facendo leva sulla partecipazione degli stessi pendolari. L’e-book sarà poi distribuito in maniera assolutamente gratuita su Internet.


SPAZIO ALLA FANTASIA
– “La nostra è un’iniziativa sperimentale – Afferma Saro Trovato, mood maker e fondatore di Libreriamo – che tende a promuovere la lettura e i libri in un’Italia dove si legge poco, utilizzando le nuove tendenze che si stanno affermando grazie al web 2.0, dando spazio e rendendo protagonista la fantasia e la voglia di raccontare di migliaia di italiani che nutrono il sogno di scrivere un libro.  Abbiamo scelto i pendolari e il pendolarismo come oggetto del nostro e-book, per il duplice scopo di mettere in evidenza le problematiche che incontrano tutti i giorni gli Italiani per poter arrivare al lavoro o a Scuola/Università, ma allo stesso tempo per poter raccontare anche la parte più intima e relazionale dell’esperienza del viaggio giornaliero. Non solo, il libro stesso è uno dei compagni di viaggio dei pendolari”.

COME PARTECIPARE – Partecipare al Pendolibro (2013), che se avrà successo sarà pubblicato anche anche nei prossimi anni, è molto semplice: basterà scrivere uno o più racconti brevi legato/i alla propria esperienza di pendolare; cliccare sull’apposito banner presente nella home page di Libreriamo o sull’apposita icona PendoLibro 2013 all’interno della pagina facebook del social book magazine, inserire il proprio racconto nell’apposito form, e attendere il mese di giugno quando saranno comunicati quali saranno i racconti, selezionati da un’apposita giuria, che faranno parte dell’open e-book. Come indicazione di massima, la lunghezza dei racconti non deve superare le 20mila batture, corrispondenti a circa 10 cartelle di word. A selezionare i racconti sarà la stessa redazione di Libreriamo coadiuvata da alcuni autorevoli critici letterari italiani.


FONTI D’ISPIRAZIONE
– Il PendoLibro (2013) prende spunto da alcune tendenze forti che si stanno affermando grazie alla rete: ovvero il “crowdsourcing” (da crowd, “folla”, e outsourcing, “esternalizzazione di una parte delle proprie attività”), termine usato spesso da aziende, giornalisti e altre categorie per riferirsi alla tendenza a sfruttare la collaborazione di massa, resa possibile dalle nuove tecnologie del Web 2.0, per raggiungere determinati obiettivi; il Book Sharing o BookCrossing (dai termini in lingua inglese book, libro e crossing, attraversamento, passaggio), che materialmente consiste nella pratica di una serie di iniziative collaborative volontarie e completamente gratuite, di cui alcune anche organizzate a livello mondiale, che legano la passione per la lettura e per i libri alla passione per la condivisione delle risorse e dei saperi. L’idea di base è di rilasciare libri nell’ambiente naturale compreso quello urbano, o “into the wild”, ovvero dovunque si preferisca, affinché possano essere ritrovati e quindi letti da altri, che eventualmente possano commentarli e farli proseguire nel loro viaggio; il Self Publishing (autoedizione o  auto pubblicazione), che consiste nell’assunzione da parte di un autore dell’attività di pubblicare un libro o un’opera simile, senza passare attraverso la intermediazione di un editore.

LA PRIMA VOLTA – Il PendoLibro (2013) sarà la prima pubblicazione di Edizioni Liberiamo, sarà in formato digitale, completamente gratuita e a disposizione di tutti coloro che amano i libri e la lettura. Si riserva la possibilità di tradurla in inglese per diffonderla anche all’estero.

17 aprile 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Potrebbe interessarti anche:
I modi di dire benauguranti per accogliere il nuovo anno nel modo migliore
I modi di dire benauguranti per accogliere il nuovo anno nel modo migliore

Ecco 21 espressioni e i luoghi comuni più congeniali per accogliere il nuovo anno. Una selezione di "frasi fatte" della nostra tradizione per cominciare il 2022 "con il piede giusto". Scopriamone alcune.

Perché c’è bisogno di poesia per affrontare la vita
Perché c'è bisogno di poesia per affrontare la vita

Da un'indagine di Libreriamo emerge che ben l’77% degli italiani ha l'esigenza di ricevere maggiori attenzioni e che le parole sono fondamentali al pari degli abbracci, dei baci e delle carezze.

“Parlare in versi”, una guida per scegliere la poesia giusta al momento giusto
“Parlare in versi”, una guida per scegliere la poesia giusta al momento giusto

Non c’è momento della nostra vita in cui non abbiamo bisogno di relazionarci e di comunicare con gli altri. Scopri nel libro "Parlare in versi", scritto dal fondatore di Libreriamo Saro Trovato, il verso giusto da dedicare ad una persona cara o per affrontare una situazione della vita

Vaccinazione, favorire il privilegio sarebbe l’errore più grande di chi governa
Vaccinazione, favorire il privilegio sarebbe l’errore più grande di chi governa

Facciamo chiarezza e seguiamo un iter certo e di buonsenso. Offrire un’immagine di ingiustizia darebbe ancora più spazio allo scontro sociale

Per uscire dalla crisi la competenza da sola non basta
Per uscire dalla crisi la competenza da sola non basta

La crisi di governo fa salire sui media la parola competenza. Siamo convinti che nella scelta dell’esecutivo servono altre virtù: coraggio, umiltà e carisma

Il Natale del 2020 diventi il simbolo della resistenza all’assuefazione digitale
Natale 2020 il simbolo della relazione

“Non ho voglia di tuffarmi in un gomitolo di strade”. Così recitava Giuseppe Ungaretti, nella splendida poesia “Natale”. Una frase che manifesta lo stato d’animo del poeta dopo il ritorno a Napoli nel 1916 in congedo dalla guerra. Un’esperienza dura, atroce quella vissuta  in guerra, in grado di mettere in Leggi articolo

© Riproduzione Riservata