Sei qui: Home » Libri » 8 marzo, oltre 200 editori e scrittori per la campagna RAI “Uguali e insieme”
la campagna

8 marzo, oltre 200 editori e scrittori per la campagna RAI “Uguali e insieme”

Il mondo del libro celebra l’8 marzo: sono oltre 200 gli editori e gli scrittori che aderiscono domani alla campagna della Rai “Uguali e insieme”, sostenuta e promossa dall’Associazione Italiana Editori.

Il mondo del libro celebra l’8 marzo: sono oltre 200 gli editori e gli scrittori che aderiscono domani alla campagna della Rai “Uguali e insieme”, sostenuta e promossa dall’Associazione Italiana Editori. “In occasione della Giornata Internazionale della Donna la Rai impiegherà il segno dell’uguale per mettere in evidenza la necessità di favorire la parità di genere. Oltre che propri dipendenti e proprie strutture, l’8 marzo per sensibilizzare gli utenti sull’importanza di raggiungere questo traguardo di civiltà il servizio pubblico multimediale schiererà numerosi dei suoi volti più conosciuti”, ha affermato l’Amministratore Delegato della Rai Carlo Fuortes. “Grazie a un logo formato dalle due linee orizzontali parallele che verrà aggiunto sugli schermi il segno comparirà durante la giornata in tutte le trasmissioni della Rai”, ha continuato Fuortes. Spillette con il simbolo dell’uguale verranno indossate da protagoniste e protagonisti dei programmi di intrattenimento e informazione.

8 marzo: Uguali e insieme

“L’8 marzo è l’occasione – dichiara Levi – per ricordarci e ricordare che le pari opportunità sui luoghi di lavoro sono un obiettivo ancora da raggiungere: anche nell’editoria libraria, un mondo  fatto in maggioranza da lettrici, le donne ai vertici sono ancora in netta minoranza. Uguali e insieme significa anche questo: aprire le porte ai talenti senza preclusioni di genere per creare una editoria più inclusiva e corale”.

Dal presidente e direttore di AIE, Ricardo Franco Levi e Fabio Del Giudice, passando per i vertici dei grandi gruppi editoriali così come delle piccole case editrici (tra gli altri Stefano Mauri per Gems, Enrico Selva Coddè per il Gruppo Mondadori, Annamaria Malato per Salerno editrice, Renata Gorgani per Il Castoro, Laura Donnini per HarperCollins, Mirka Giacoletto Papas per Egea, Diego Guida per Guida editori, etc etc), in centinaia aderiranno alla campagna postando sui social network le loro foto con le braccia parallele a comporre il simbolo dell’uguale.

Tra gli scrittori, hanno aderito tra gli altri Marco Balzano, GUD, Beppe Severgnini, Federica Bosco, Lidia Ravera, Marco Bianchi, Marcello Simoni, Fulvia Degl’Innocenti, Sara Rattaro, Giuseppe Festa, Alessia Gazzola, Viola Ardone, Michela Marzano, Jennifer Guerra, Piero Pelù, Carolina Marconi, Lorenza Gentile, Sara Rattaro. In allegato l’elenco completo dei partecipanti.

La campagna per la festa della donna

“Abbiamo scelto un simbolo matematico – spiega la Presidente della Rai Marinella Soldi – per indicare un traguardo da raggiungere al più presto: una società in cui il peso delle donne e degli uomini sia uguale. Una società dunque più equilibrata, che valorizzi le differenze e premi il merito. Conviene a tutti, uomini e donne – prosegue Marinella Soldi – e solo agendo insieme, quotidianamente, ci si può arrivare in tempi più brevi. L’Italia ne ha fatto una sfida prioritaria e la Rai, Servizio pubblico rilevante, inclusivo, credibile e sostenibile, ha la forza e i mezzi per attivare il cambiamento”.

L’iniziativa prevede uno spot per tv e radio, ampio spazio al tema dell’eguaglianza nella programmazione della giornata, messaggi sui social network con immagini di personaggi che hanno ruoli di rilievo in trasmissioni della Rai e altrove. Tante le personalità che si sono fatte ritrarre disponendo in orizzontale, parallelamente, un braccio in alto e uno in basso vicino al proprio viso. E’ il gesto che chiunque potrà fare e rilanciare sui social network per contribuire a comunicare l’importanza del percorso da compiere. Aderiscono alla campagna la Federazione italiana giuoco calcio (FIGC) con componenti della nazionale femminile e maschile, la Federazione Italiana di Atletica Leggera (FIDAL), il Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e l’Associazione Italiana Editori (AIE) con circa 250 tra scrittrici e scrittori.

 

© Riproduzione Riservata