Sei qui: Home » Libri » 5 libri in uscita ad agosto 2022 da non perdere
Novità editoriali

5 libri in uscita ad agosto 2022 da non perdere

L’editoria non va in vacanza. Ecco 5 libri in uscita nel mese di agosto, dal nuovo capitolo della saga di Diana Gabaldon all’opera inedita in Italia di Ivy Compton Burnett.

Anche nel mese di agosto, le case editrici sfornano nuovi libri pronti ad allietare le nostre giornate estive. Gialli, romanzi storici e familiari, ecco 5 libri in uscita ad agosto 2022, dal nuovo capitolo della saga di Diana Gabaldon all’opera inedita in Italia di Ivy Compton Burnett.

5 libri in uscita ad agosto 2022 da non perdere

Quando accadrà dillo alle api” di Diana Gabaldon

Il primo dei 5 libri in uscita ad agosto è “Quando accadrà dillo alle api”, il nuovo capitolo della fortunata saga creata da Diana Gabaldon, da cui è stata tratta la serie “Outlander”, divenuta famosa in tutto il mondo.

È il 1779. Claire e Jamie sono finalmente riusciti a ritrovarsi e ora vivono con la figlia Brianna, suo marito Roger e i loro bambini a Fraser’s Ridge. Avere tutta la famiglia riunita è un sogno che i Fraser avevano sempre ritenuto irrealizzabile. Ma in North Carolina si sentono risuonare i tamburi di guerra.

Le tensioni sono sempre più feroci; Jamie sa che tra i suoi coloni ci sono divisioni, ed è solo questione di tempo prima che la loro serenità ne venga intaccata. Anche Brianna e Roger hanno di che preoccuparsi: la loro fuga dal Ventesimo secolo potrebbe non essere stata senza conseguenze, e non sono certi di avere compiuto la scelta giusta per la loro famiglia…

Non molto lontano, il giovane William Ransom sta ancora facendo i conti con la scoperta della vera identità di suo padre – e, di conseguenza, anche della sua. E lo stesso Lord John Grey deve affrontare riconciliazioni e pericoli… per il figlio e per se stesso.

Nel frattempo, le colonie del Sud si infiammano e la Rivoluzione si avvicina a Fraser’s Ridge. E Claire non può fare a meno di chiedersi quanto del sangue che sarà versato apparterrà a coloro che ama…

Omicidio a Cap Canaille” di Christophe Gavat

Fra i libri più gettonati in estate ci sono senza ombra di dubbio i gialli. Fra i 5 libri in uscita nel mese di agosto non poteva mancare, quindi, un bel poliziesco che si fa leggere tutto d’un fiato, ambientato nell’assolata città di Marsiglia.

La città marinara francese è infiammata dal sole del Mediterraneo e dalla violenza delle gang che si contendono il controllo del traffico di droga.

A combatterle un pugno di poliziotti: il comandante Henri Saint-Donat che ha lasciato il prestigioso Quai des Orfèvres, sancta sanctorum della polizia parigina, per combattere il male nella metropoli del sud; la capitano Lucie Clert, figlia di sbirro e sbirro tenace a sua volta; il giovane e baldanzoso tenente Basile Urteguy, che sognava il pianoforte e gira con la pistola e il distintivo.

Dal ritrovamento di un «barbecue», regolamento di conti tipico della città focese, a un carico di droga fino a una serie di audaci rapine a furgoni blindati, si snoda un’indagine complessa e pericolosa in cui crimini in apparenza non collegati, commessi in varie zone della Francia, sembrano ricondurre tutti a Marsiglia. Agli uomini e alle donne, che dai loro uffici nell’antico palazzo episcopale della città si spingono – ciascuno con le proprie debolezze, con le proprie ferite nel cuore – fino ai quartieri più a rischio, spetta innanzitutto il compito di scoprire chi siano i malviventi che comunicano con messaggi in codice tra cellulari intestati a «Maria Callas» e altre stelle dell’opera.

Devono agire in fretta, poichè una grossa operazione è in corso, e qualcuno cerca vendetta. In un luogo di selvaggia bellezza, cap Canaille, scenario perfetto per storie di amore e di morte, trecentonovanta metri di scogliera a picco sul blu, Christophe Gavat, commissario della polizia francese, perfetto conoscitore della macchina in cui opera, vincitore del prestigioso Prix du Quai des Orfèvres, firma un intenso poliziesco di azione e di indagine, lanciato verso il finale a sirene spiegate.

Casa Silvermoor” di Tracy Rees

Fra i libri in uscita ad agosto 2022 c’è anche il nuovo romanzo di Tracy Rees, ambientato nello Yorkshire, nell’estate del 1897.

É l’ultimo giorno di scuola, e Tommy Green si attarda in classe dopo il suono della campanella perchè spera che Latimer, il maestro, gli consigli di proseguire gli studi. Come il nonno, il padre e i fratelli prima di lui, a dodici anni il ragazzo è destinato a passare il resto dei suoi giorni nel ventre della terra a estrarre carbone. Una sorte fatta di spaventosa fatica, cunicoli soffocanti e polvere nera.

Un destino nefasto che ha ucciso suo fratello Dan a diciassette anni, e che lega tutti gli abitanti di Grindley alla miniera di proprietà dei Sedgewick di Silvermoor. La risposta di Latimer è perentoria e raggelante: chi si crede di essere quel ragazzo di Grindley? È il più bravo a scuola, e allora? Lo è solo perché gli altri sono più ignoranti. Non c’è futuro per gente come lui se non il carbone.

Ognuno è nato nel posto che gli compete, come tuona il predicatore Tawney ogni domenica dal pulpito. Trascorre quasi un anno, e la primavera successive Tommy conosce Josie Westgate, della rivale cittadina mineraria di Arden. A differenza di Tommy, Josie non ha mai pensato a un destino diverso da quello di moglie di minatore e madre di minatori. Per questo l’incontro con lo spilungone riccio dagli occhi verdi, che sogna di andare in Africa a domare i leoni, è per lei di quelli che cambiano la vita.

Ma mentre lui è cresciuto in una famiglia affettuosa, Josie combatte da sempre contro l’incomprensibile disprezzo della madre ed è in balìa, insieme ai suoi compaesani, della crudeltà dei Barridge, padroni spietati con un pezzo di carbone al posto del cuore. Il nuovo secolo però è alle porte e già si annunciano grandi rivolgimenti sociali.

Sempre insieme di fronte alle avversità, l’uno a sostegno dell’altra, Tommy e Josie abbracceranno il vento del cambiamento e della rivolta. Verranno a conoscenza di un oscuro segreto che riguarda Heston Manor, la dimora dei Barridge abbandonata in seguito alla tragica morte del primogenito.

Al di qua del fiume. Il sogno della famiglia Crespi” di Alessandra Selmi

Fra i 5 libri in uscita ad agosto c’è anche un romanzo storico molto affascinante, un affresco storico del nostro Paese in un’epoca di grandi stravolgimenti.

È solo un triangolo di terra delimitato dal fiume Adda, lo si può abbracciare con uno sguardo. Ma, nel 1877, agli occhi di Cristoforo Crespi rappresenta il futuro. Lui, figlio di un tengitt, di un tintore, lì farà sorgere un cotonificio all’avanguardia e, soprattutto, un villaggio per gli operai come mai si è visto in Italia, con la sua chiesa, la sua scuola, case accoglienti con giardino. Si giocherà tutto quello che ha, Cristoforo, per realizzare quel sogno.

I soldi, la reputazione e anche il rapporto col fratello Benigno, ammaliato dalle sirene della nobiltà di Milano e dal prestigio di possedere un giornale. Per Cristoforo, invece, ciò che conta è produrre qualcosa di concreto e cambiare in meglio la vita dei suoi operai. E la vita della giovane Emilia cambia il giorno in cui si trasferisce nel nuovo villaggio.

Figlia di uno dei più fedeli operai dei Crespi, e con una madre tormentata da cupe premonizioni del futuro, Emilia è spettatrice della creazione di un mondo autosufficiente al di qua del fiume, e la sua esistenza, nel corso degli anni, si legherà ineluttabilmente a quella degli altri abitanti di Crespi d’Adda. Come la famiglia Malberti, l’anima nera del villaggio, o gli Agazzi, idealisti e ribelli.

Con loro, Emilia vive i piccoli e grandi stravolgimenti di quel microcosmo e affronta le tempeste della Storia: i moti per il pane del 1898, la prima guerra mondiale, le sollevazioni operaie… Tuttavia il destino farà incrociare la sua strada anche con quella di Silvio Crespi, erede dell’azienda e della visione del padre Cristoforo. Nonostante l’abisso sociale che li divide, tra i due s’instaura un rapporto speciale che resisterà nel tempo.

Il racconto appassionato dell’intreccio di destini tra imprenditori visionari e coraggiosi e famiglie operaie, in un’Italia in pieno cambiamento.

Mariti e mogli” di Ivy Compton Burnett

Arriviamo al quinto titolo presente fra i libri in uscita nel mese di agosto. Si tratta di una novità firmata Ivy Compton Burnett, un’opera inedita in Italia che finalmente arriva sugli scaffali delle nostre librerie.

Harriet Haslam, grande manipolatrice, madre severa e donna di potere, è il perno attorno a cui ruotano i membri della famiglia: il marito Geoffrey, affettuoso e accomodante, e i quattro figli. Harriet soffre d’insonnia, condizione che non fa che acuire la sua insofferenza.

Non è soddisfatta delle scelte dei suoi figli e le critica apertamente: Matthew, il maggiore, preferirebbe darsi alla ricerca invece di iniziare la sua pratica medica; Jermyn ha aspirazioni da poeta; Griselda ha intenzione di sposare il reverendo Bellamy, recentemente divorziato, e Gregory preferisce la compagnia di tre anziane a quella dei coetanei. Dopo un litigio con Matthew Harriet tenta il suicidio, ma invano. Viene portata in un istituto, dove trascorre sei mesi.

Al suo ritorno, Matthew è fidanzato con Camilla, l’ex moglie del reverendo Bellamy, e Griselda sposerà il reverendo. Il tutto è avvenuto con il sostegno (anche economico) di Geoffrey. È troppo: Harriet non ha nessuna intenzione di restare in silenzio, e uno dopo l’altro affronta i membri della famiglia.

Nel giro di pochi giorni, viene trovata priva di vita. Si pensa a un suicidio, ma è davvero così?

© Riproduzione Riservata